Parma

"Mai più inceneritori": venerdì sera nuova fiaccolata

"Mai più inceneritori": venerdì sera nuova fiaccolata
Ricevi gratis le news
21

Comunicato stampa

Ancora nelle strade per dire  "Mai Più Inceneritori"

Cosa significa tornare nella strade, ancora una volta per lo stesso tema?

Aldilà dell'evidenza del problema ancora irrisolto, che ha bisogno di ulteriore sforzo e impegno per superare l'ostacolo, in questo momento i temi sono molteplici e di grande attualità.

Talmente importanti da aver bisogno della presenza massiccia dei cittadini, per non far cadere alcune questioni nel dimenticatoio e far capire da che parte stia la città.

A Ugozzolo il cantiere dell'inceneritore è chiuso dal primo di luglio a seguito di una ordinanza di sospensione, emessa dal comune di Parma, seguita alla denuncia al Nucleo Abusi Edilizi da parte della nostra associazione. Manca il permesso a costruire, che per opere private come è l'inceneritore di Iren, è un titolo necessario.

La procura della repubblica ha un fascicolo aperto sull'inceneritore. L'ultimo esposto è proprio quello degli avvocati De Angelis e Allegri che ha messo in luce il reato di abuso edilizio. Sul cartello del cantiere infatti Iren si avvale di una norma utile solo per le opere pubbliche.

Ma l'affare inceneritore ha in sé un altro ben più grande buco nero, che si riferisce alla mancata gara per affidare le opere relative al Paip. Se non ci sono dubbi sul fatto che questo progetto ha valenza pubblica, trattando i rifiuti urbani prodotti dalla collettività, non potevano gli organi preposti concedere a Enia (poi Iren) un'opera così importante per la collettività, senza avere la possibilità di ottenere la proposta migliore, sia economica che ambientale, avvalendosi dei progetti che sarebbero giunti a fronte di una gara di appalto.

L'abbandono di Reggio Emilia del progetto nuovo inceneritore apre invece due scenari.

Il primo riguarda il destino del residuo del loro sistema di raccolta, che prefigura un accoglimento nel forno parmigiano di ingenti quantitativi di rifiuto provenienti da oltr'Enza.

Il secondo, ben più importante, mette in luce il fatto come sia possibile una gestione dei materiali post utilizzo senza forno inceneritore, e che la necessità del forno sia ormai uno slogan vuoto e privo di fondamento.

Le opere bloccate al cantiere di Ugozzolo sono anche quelle affidate alla cooperativa bolognese CCC, invischiata nell'affare Penati. Sono frutto di una gara di appalto europea del valore di 43 milioni di euro alla quale solo un'azienda in tutta Europa decise di partecipare, ovviamente vincendo con un minimo ribasso, lasciando aperti tanti dubbi.

La costruzione in atto del forno ha messo in luce delle modifiche al progetto di primaria importanza come quelle sul sistema di filtraggio dei fumi e quella inerente la gestione dei fanghi da depurazione. Modifiche importanti che non sono passate dalla Conferenza dei Servizi, la quale invece dovrebbe deliberare proprio in questi casi, come previsto dall'Aia.

L'intero Paip manca del piano economico finanziario, celato da Iren a tutti i cittadini che ne hanno fatto richiesta ma anche a consiglieri comunali ed allo stesso sindaco di Parma.

L'accendere un forno inceneritore nel 2012 significa ingessare il sistema della raccolta differenziata per oltre 20 anni, impedendo di fatto la sua crescita, dato che i due sistemi non possono convivere fra di loro, essendo entrambi alla caccia degli stessi materiali: plastica, carta, legno. Essendo lo stesso attore che gestisce entrambi gli scenari si immagina come finirà.

Ed in effetti Iren ha già scritto nel progetto del Pai che la Rd della plastica scenderà alla clamorosa percentuale del 17% contro una previsione del piano provinciale del 59,7%. Ovviamente con l'intento di mantenere il potere calorifico dei rifiuti, che senza l'apporto delle 3 componenti fondamentali, carta, plastica e legno, crolla del 90%, rendendo impossibile mantenere la fiamma senza integrare con gas metano.

Il costo economico di un inceneritore, a parte l'investimento iniziale enorme che supera i 200 milioni euro, si ripercuote anno dopo anno per la gestione ordinaria, che ha elevate quote di spesa per mantenere costanti le prestazioni ambientali, oltre ai costi fissi di gestione come i carburanti e gli additivi.

Queste cifre economiche non potranno che ripercuotersi sulle bollette dei cittadini.

Un'ipotesi alternativa di gestione dei rifiuti del nostro territorio è stata depositata presso provincia e comune nel giugno del 2010, senza aver ricevuto alcuna risposta.

Uno dei 5 protagonisti europei del mercato dei rifiuti è disponibile da subito con un piano di riconversione dell'impianto per gestire a freddo e in modo meccanico i rifiuti, puntando in prima istanza al recupero di materia.

Comune di Parma e Iren hanno già ricevuto un invito formale per discutere i dettagli del piano, che include le eventuali penali da destinare alle aziende che ne hanno diritto, direttamente presso la sede olandese di van Gansewinkel. Ovviamente per ora è lettera morta.

Tornare nelle strade venerdì prossimo ha un'importanza particolare perché oggi vengono al pettine tanti nodi segnalati in questi anni di dura opposizione, ma emerge anche la correttezza delle nostre affermazioni, la possibilità effettiva e concreta di evitare l'inceneritore, alla faccia di coloro che fino a ieri irridevano con noncuranza la proposta alternativa.

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR

+66 giorni dallo stop del cantiere dell'inceneritore di Parma

+462 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario del Pai, forse perché l'inceneritore costa 315 milioni di euro?

Da giugno 2011 anche a Parma il tetrapak (cartoni del latte, dei succhi di frutta, della mozzarella) può essere riciclato, mettendolo nel bidone giallo per la raccolta di vetro, plastica e barattolame.

Associazione Gestione Corretta Rifiuti  e Risorse di  Parma - GCR
Via Zaniboni 1 - Parma
Skype gestionecorrettarifiuti
www.gestionecorrettarifiuti.it
gestionecorrettarifiuti@gmail.com

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sc

    06 Settembre @ 14.01

    @marco: nessun paragone tra mussolini e berlusconi, lascio a lei e ad altri giudicare il loro operato nella storia.. ho solo citato la necessità degli italiani di avere un duce e/o un simil-duce che li comandi, in quanto molti preferiscono lasciarsi guidare piuttosto che essere protagoinisti del proprio futuro... @pro-inceneritore: non si tratta di essere più furbi degli altri, ma di perseguire un'alternativa sostenibile per noi e per i nostri figli... non credo che fare quello che fanno tutti sia automaticamente sinonimo di intelligenza e lungimiranza...

    Rispondi

  • Stefano

    06 Settembre @ 13.41

    Tramite raccolta differenziata spinta più estrusione a freddo rimango giustamente dei residui (dovrebbero essere inerti quindi senza rilascio di sostanze come il percolato nelle vecchie discariche) che andranno smaltiti in discarica. Questo penso possa essere definito un fatto. Come è un fatto (l'ha scritto nei documenti del PAI proprio IREN) che l'inceneritore per 100 che entra avrà un residuo di circa 25 tra polveri dei filtri e ceneri (rifiuti classificati come pericolosi) che dovranno trovare posto in una discarica stavolta speciale per la natura dei rifiuti. Forse ai parmigiani interesserà avere questo tipo di discarica speciale vicino al proprio orticello? Mah rimango sempre perplesso (senza pensare male ovviamente) dai commenti sul sito di chi avendo accesso alla rete dovrebbe ottenere qualche informazione in più. Speriamo che l'inchesta della Gazzetta sia ormai a un punto di arrivo....

    Rispondi

  • Viola

    06 Settembre @ 12.48

    Parmigiani , oriundi ed extracomunitari, siete capaci e disponibili a fare l'85\100, dicasi 85/100 di raccolta differenziata (come vuole il movimento gestione corretta rifiuti), a non abbandonare sporcizia varia, lattine, bottiglie e che più ne ha più ne metta? Vi andrebbe bene che il rimanente 15/100, ( il primo anno s'intede, perchè il secondo è già il 30 ed il terzo il 45 ecc ecc ) venga messo in tre discariche ( ma piccole, dicono ) magari vicino al proprio orticello? Sì perchè poi chi si vorrebbe la discarica vicino? Mah, naturalmente vicino a qualche altro! Questo sì che è senso civico .

    Rispondi

  • Daniele Tanzi

    06 Settembre @ 12.10

    Mi chiedo perchè negli altri paesi europei i termovalorizzatori li costruiscono e li utilizzano. Sono diventati tutti pazzi, noi siamo i più saggi? Ho qualche dubbio.

    Rispondi

  • marco

    06 Settembre @ 12.00

    X SC : pregasi di non paragonare Mussolini a Berlusconi. Il primo a parte tutti gli sbagli che ha fatto, ha costruito case ospedali scuole ecc. (se ti informi forse capisci anche che prima della assurda alleanza con i tedeschi gli italiani amavano il duce) Il secondo Silvio in 20 anni non ha fatto altro che fare i suoi interessi facendo diventare questo paese una vera pena!!!!!!!! con questo non voglio appoggiare il fascismo peroò a parte la guerra ha fatto più male il nanobunga che Benito....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

8commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

1commento

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

2commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

1commento

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande