Parma

11/9 - La guerra non è ancora vinta

Ricevi gratis le news
2

di Giuliano Molossi

Siamo in guerra, avevamo pensato, atterriti, quel giorno, il giorno dell'apocalisse. Dieci anni dopo la guerra contro il terrore non è ancora vinta. «Ci siamo dimenticati del terrorismo - ha detto il presidente Obama - ma il terrorismo non si è dimenticato di noi». Illudersi che tutto sia finito sarebbe un grave errore. I fanatici fondamentalisti islamici hanno subito gravi perdite e quel che conta di più hanno anche perso molti consensi nel mondo arabo, grazie alle contagiose rivolte in nome della libertà e della democrazia, ma non si sono arresi. Al Qaeda forse non ha più la capacità di organizzare azioni spettacolari e devastanti, ma è sempre viva. A New York, in queste ore, l'allerta è massima. Tre uomini, arrivati dal Pakistan, sono ricercati: c'è il forte sospetto che stiano preparando un attentato. E i piani per un altro attacco al cuore degli Usa, proprio nel decennale dell11 settembre, erano stati trovati nel covo di Bin Laden a Abbottabad.
I profeti del terrore continuano il loro macabro proselitismo anche in Europa. Il magistrato Stefano Dambruoso, uno fra i maggiori esperti di terrorismo internazionale a matrice islamica, e autore di un libro uscito in questi giorni, «Un istante prima», ritiene che oggi i pericoli del terrorismo fondamentalista arrivino soprattutto dalla «jihad fai da te», e cioè quei disperati che vengono reclutati dai predicatori dell'odio per farsi saltare in aria nelle nostre strade, in mezzo alla nostra gente. Lo stesso Dambruoso, forte della sua esperienza, invita tutti a non abbassare la guardia. E' vero che dal 7 luglio 2005, giorno degli attentati di Londra, in Europa non ci sono più stati attacchi in grande stile, ma azioni solitarie, invece, sono avvenute (anche a Milano, davanti a una caserma, protagonista un immigrato libico) e molte sono state sventate in extremis. Per un caso fortuito, per l'intuizione di un poliziotto, per un ripensamento, per un difetto dell'ordigno. E c'è un'altra cosa che Dambruoso ama sottolineare tutte le volte che qualcuno gli domanda se la guerra è finita. «Questo è un nemico - dice - che non ha fretta, che non conosce la fretta. Il fattore tempo ha un valore diverso dal nostro. Per lui un anno, due, dieci o venti non vogliono dire nulla. Quello che conta è arrivare un giorno all'obiettivo finale, l'annientamento della civiltà occidentale. Non importa quanto tempo ci vorrà».
Il «diavolo» che aveva ordinato l'attacco al cuore dell'America e aveva poi esultato al crollo delle due Torri è morto. Ma l'uccisione di Osama Bin Laden, sensazionale per le modalità con le quali è avvenuta, e di enorme impatto emotivo, non ha certo inflitto il colpo finale alla «cupola» jihadista che da tempo vanta altri leader, come Al Zawahiri , e altri reclutatori (anche via Internet) dei kamikaze. L'intelligence ha svolto, e continua a svolgere, un compito fondamentale. La prevenzione e la vigilanza, per arrivare un istante prima, sono determinanti. Ma la partita si giocherà, ogni giorno, anche su un terreno diverso. E su quel terreno, anche noi tutti abbiamo un ruolo. Se sapremo essere attenti senza essere diffidenti, se ci convinceremo che una pacifica convivenza nel rispetto delle diversità è possibile, se favoriremo l'integrazione anziché ostacolarla, allora isoleremo i seminatori di odio e violenza, toglieremo loro la «manodopera», i disperati che mandano a morire imbottiti di esplosivo. Forse non basterà per vincere la guerra, ma le armi che abbiamo sono queste. Usiamole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Max Power

    12 Settembre @ 12.33

    Spett. Direttore, le porgo i miei più sentiti complimenti per l'ottimo editoriale, tuttavia non sono affatto concorde con quello che scrive nelle ultime 5 righe. Favorire l'integrazione, come lei suggerisce, renderebbe ancora più complicato allle forze del''ordine rintracciare quei "disperati" disposti a farsi saltare in aria o a commettere qualsiasi altra forma d'attentato; è ora di usare il pugno di ferro e la tolleranza zero contro questa gente, non di integrarli. Una città come Parma, piccola, provinciale e benestante, in cui non si riesce a controllare nemmeno un gruppo di facinorosi ubriachi in piazzale Inzani potrebbe essere terreno fertile per futuri terroristi, che riuscirebbero a nascondersi sicuri di non essere rintracciati nella nostra città. Secondo me sono già anche troppo integrati !

    Rispondi

  • giuliano

    12 Settembre @ 11.58

    ma se noi stavamo a casa nostra loro non venivano qui, ed era finita la storia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

7commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

28commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS