Parma

Wcc e anziani: scontro aperto

Ricevi gratis le news
0

Enrico Gotti
Il Wcc non si fa più. Il Pd esulta, ma avverte: «I problemi sull’assistenza anziani rimangono. Il Comune deve affrontarli subito» - dice il capogruppo dei democratici, Giorgio Pagliari.  Ieri mattina i consiglieri comunali Pd hanno consegnato nell’ufficio del nuovo assessore ai servizi sociali, Andreana Bassanetti, la loro proposta alternativa al Welfare community center di via Budellungo. Si tratta di un piano con strutture per anziani in diversi quartieri della città, presentato nel dicembre del 2010, quando l’idea di concentrare l’assistenza per gli anziani in via Budellungo era ancora in piedi.
«Il Wcc era un maxi-ospi-zio, 17 palazzine con camera mortuaria al centro in cui volevano collocare gli anziani - non va tanto per il sottile Franco Torregiani, consigliere comunale Pd - era un progetto indecente per questa città, lo abbiamo combattuto e abbiamo proposto un’alternativa. Il Wcc è stato l’emblema dell’amministrazione Vignali: un progetto roboante, con mille annunci, e poi fallito». Il progetto alternativo rispolverato dal Pd consiste nella vendita di tre strutture (Lecci, Tamerici, Stuard), nella costruzione di tre nuovi centri anziani (nei quartieri San Pancrazio, Montanara e Cittadella) e nel mantenimento e riqualificazione delle altre case protette.
«Continuiamo a chiedere le dimissioni di questa giunta, ma siccome guardiamo alla città e vediamo che ha dei problemi, li sfidiamo sul merito delle questioni - afferma Giorgio Pagliari, che parla di «paralisi amministrativa» in seguito al terremoto in Comune per l’inchiesta green money -. Dal venerdì nero in avanti - dice Pagliari - abbiamo visto solo eludere i problemi. L’amministrazione abbandoni l’autoreferenzialità. Apra un tavolo di confronto su questo tema».
«In questi quattro anni  l’amministrazione non ha concluso niente nel sociale - accusa il medico-consigliere Pd Giuseppe Crialesi -. Abbiamo il problema dell’accreditamento: solo 58 posti letto per anziani su 400 sono accreditati. Il termine ultimo è il 2013. Rischiamo di perdere i soldi dalla Regione. A Parma, poi  continua Crialesi - il servizio domiciliare è scaduto in modo drammatico, mancano i controlli. Noi vogliamo invece  rilanciarlo».
La replica del Comune
 Immediata la replica dell'amministrazione alla conferenza stampa dell’opposizione sulle politiche assistenziali del Comune.
«L’amministrazione comunale - si legge in una nota - precisa che “a inizio settembre è
stato dato avvio al processo di definizione del nuovo Piano strategico di Asp Ad Personam, come già stabilito dalla giunta comunale con due delibere, la 762 e la 787, approvate a fine agosto».
«A causa del mutato contesto economico finanziario - prosegue la nota del Comune - questa amministrazione ha deciso, pur ritenendo valida l’idea iniziale, di non dar seguito alla realizzazione del Welfare community center, ma di ridefinire il Piano strategico dell’azienda attraverso un gruppo di lavoro formato da tecnici del comune e di Asp. Il nuovo piano prevede la riorganizzazione dei servizi e delle strutture di Asp finalizzata al miglioramento dei servizi offerti e al conseguimento degli standard previsti dalla normativa regionale per l’accreditamento definitivo di un numero di posti che possa soddisfare il fabbisogno del Comune di Parma, ed, eventualmente, possa incrementare l’offerta di posti a disposizione di chi intende accedere privatamente a strutture residenziali per anziani non autosufficienti o parzialmente non autosufficienti».
«Inoltre - conclude il documento dell'amministrazione - si intende valorizzare il patrimonio immobiliare di Asp, con l’eventuale alienazione e/o ristrutturazione di alcune strutture, individuare soluzioni alternative che ottimizzino e migliorino i servizi offerti, e garantire una risposta sempre più appropriata e diversificata alle esigenze della popolazione anziana, nell’ottica di promozione del benessere della persona. Il tutto salvaguardando i posti di lavoro del personale in forza alla stessa azienda».
«Si precisa infine che “nessuna conseguenza negativa ricade su Asp e sugli utenti per il ritardato accreditamento della totalità dei posti di Asp ad personam, poiché i posti non accreditati godono comunque dei finanziamenti del fondo regionale per la non autosufficienza».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

MANTOVA

Bimbi uccisi: indagato anche il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta la squadra

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260