21°

Parma

GCR: i segreti del Cornocchio

Ricevi gratis le news
9

Comunicato stampa

I segreti del Cornocchio
La verità, 15 anni dopo

Un plico anonimo nella casella di posta del GCR, ormai è un'abitudine.
In quest'occasione però crediamo ci sia materiale per far saltare sulle sedie giornalisti, magistratura, ARPA e AUSL.
Nell'aprire la busta infatti ci troviamo davanti le copie di una ricerca denominata “Analisi della fragilità genetica indotta da contaminanti ambientali”, studio condotto dentro il sito dell'inceneritore AMNU del Cornocchio nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 1996, a firma del Prof. Nelson Marmiroli e della Dott.ssa C. Conte.
I risultati e le conclusioni sono a nostro parere sconcertanti e non capiamo come mai non se ne trovi traccia nella stampa del periodo. Si parla di “presenza allarmante di metalli pesanti, in particolare piombo, rispetto a campioni di controllo cresciuti in aree non contaminate”.
I ricercatori evidenziano i rischi di esposizione al piombo che “ad elevate concentrazioni determina danni a carico del cervello e di altri organi, anemia e a dosi molto elevate, anche la morte per avvelenamento sistemico”.
Gli effetti potrebbero essere aumentati da concause quali “l'età (anziani e bambini i più esposti), il sesso, il peso, il grasso corporeo, lo stress psicologico e le condizioni climatiche”.
Dalla lettura delle carte si capisce che la ricerca è stata commissionata da AMNU probabilmente all'Università di Parma, in quanto il Prof. Nelson Marmiroli risulta essere, oggi, professore ordinario di Biologia applicata presso la facoltà di Scienze Ambientali.
Mettiamo questi documenti a disposizione dell'opinione pubblica e degli enti competenti, invitando ad una seria riflessione nel merito.
Vorremmo ora conoscere, più che una richiesta ci sembrerebbe un obbligo, la situazione sanitaria dei dipendenti Amnu che hanno operato al Cornocchio nel periodo di attività del forno.
Non pensiamo sia difficile tirar fuori questi dati.
Tipo di malattie, incidenza di alcune di esse, mortalità. Ora vogliamo sapere.
Ci interessa anche un altro argomento.
Come vengono proposti gli impianti di incenerimento alla popolazione?
Nei nostri archivi abbiamo un depliant pubblicato proprio in occasione dell'inaugurazione dell'inceneritore del Cornocchio il 2 luglio del 1975.
L'impianto, con una strana assonanza che ci ricorda le parole di Andrea Allodi (ex presidente Enia), quando magnificava pochi mesi fa le doti dell'impianto di oggi, viene presentato come quanto di meglio la tecnologia possa offrire, “uno strumento di primaria importanza per la tutela dell'igiene ambientale, a salvaguardia della salute dei cittadini”.
Parole che risuonano grottesche alla luce dei risultati dello studio del Prof. Marmiroli.
Grottesche o tragiche, a seconda dei risultati delle indagini sanitarie che chiediamo.
Ci poniamo tante domande.
E' stata avvisata la popolazione del Cornocchio degli esiti di questa ricerca?
I dipendenti AMNU sono stati messi al corrente?
E' stato avvisata la massima autorità sanitaria della città?
Perché l'impianto ha continuato a funzionare fino al 2002?
Domande che pesano e a cui vorremmo poter dare una riposta.
Il dubbio che ci assale è tremendo e non vorremmo che come già accaduto spesso in casi simili, si sia passato sotto silenzio una scomoda verità, per non compromettere il funzionamento di una macchina già molto ben oliata.
Oggi serve assoluta verità, vengano rese pubbliche i dati scientifiche su cause di malattie e mortalità per i cittadini che hanno abitato nella zona circostante negli anni tra il 1975 e il 2002, e che lo stesso venga fatto per i dipendenti AMNU del Cornocchio.
Lo pretendiamo perché con la salute dei cittadini non ci devono essere segreti.
E non ci si deve scherzare sopra inneggiando a grigliate ed aerosol.

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR

Parma, 19 settembre 2011

+80 giorni dallo stop del cantiere dell'inceneritore di Parma
+476 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario del Pai, forse perché l'inceneritore costa 315 milioni di euro?

Da giugno 2011 anche a Parma il tetrapak (cartoni del latte, dei succhi di frutta) può essere riciclato, mettendolo nel bidone giallo per la raccolta di vetro, plastica e barattolame.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Simone

    20 Settembre @ 17.40

    comune o provincia....non è questione di colore! è perfettamente evidente che hanno paura delle reazioni della cittadinanza. il buon senso vorrebbe che si abbandonasse subito l' idea di costruire il termo. E' peraltro perfettamente vero che esiste una ampia fascia di cittadini pigri e menefreghisti che non aiutano certamente a fare un ampia rigorosa e precisa raccolta differenziata, contro i quali bisogna scontrarsi.

    Rispondi

  • Gio

    20 Settembre @ 16.58

    Nel 1996 NON c'era la raccolta differenziata e quindi bruciavano Tutto. Plastica, carta ecc. Io sono per la differenziata ma non si riesce a riciclare o riutillizzare tutto come si deve fare ? Io sarei per dividere anche le lattine subito senza mescolare nel plastica e barattolame e per avere una raccolta di batterie,pile usate almeno in ogni quartiere. Poi voglio dire due parole sulla pigrizia di molta gente che fino a quando non sono andati sotto casa aprendere la differenziata non la facevano ! Erano tutti impossibilitati ad andare nelle aree predisposte ? Non quelle dei rifiuti ingombranti ma quelle con i cassonetti dedicati sempre disponibili.. Io ci andavo in bicicletta nelle ore e nei giorni in cui riuscivo.

    Rispondi

  • la camola

    20 Settembre @ 15.29

    La nostra regione è attiva solo nell'applicare le addizionali sulle bollette e sulle pensioni. L'ARPA fa, probabilmente, quello che i politici le lasciano fare, ho l'impressione che sia un organismo costoso ma dormiente.

    Rispondi

  • Andrea

    20 Settembre @ 15.27

    Io piuttosto direi "PER SFORTUNA in quel periodo è cambiato il colore del Comune, altrimenti sarebbero state fatte denunce anzichè insabbiare le inchieste!!!"

    Rispondi

  • il Viandante delle Beccherie

    20 Settembre @ 15.22

    gigi il colore del Comune è cambiato da allora, quella che non è cambiata è la voglia di costruire gli inceneritori.............questo insegna che sarebbe ora, di smettere di guardare ai colori e alle etichette, ma solo alle azioni delle persone e decidere, solo ed esclusivamente, in base ad esse.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY SERIE B LA VITTORIA CONTRO IL FLORENTIA FUNESTATA DA UN GRAVISSIMO EPISODIO

Amatori, Belli colpito da un pugno:

Il terza linea è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

14commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

39commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

1commento

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

1commento

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

SOCIAL NETWORK

Motocross: impressionanti acrobazie Video

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro