-2°

Parma

Quando in Oltretorrente suona l'Ave Maria

Quando in Oltretorrente suona l'Ave Maria
Ricevi gratis le news
0

 Nuove campane per la chiesa dell’Annunciata, nell’Oltretorrente. Padre Adriano Della Valle, parroco della famosa chiesa di Padre Lino e dei francescani di Parma, ha lottato negli ultimi due anni, da quando si è insediato nella parrocchia, per ripristinare il suono delle campane, che annunciano la messa mattutina e l’Ave Maria serale, come segno e simbolo di un tempo non solo dedicato al commercio e alla movida. Anche così si cerca di risolvere la difficile situazione spirituale e religiosa di un quartiere, l’Oltretorrente, che negli ultimi tempi ha mostrato problemi di tenuta sociale. Le manifestazioni dei giorni scorsi sono il termometro di un malessere diffuso. Lo sfregio alla statua di padre Lino lascia interdetti. Padre Adriano ha un’esperienza molto ricca come parroco: «Sono nato a Rimini» spiega. «Sono stato a Busseto cinque anni, dove ho grandi amici, e poi dieci a Faenza, nove a Roma e due anni a Gerusalemme dove ho lavorato come responsabile della tipografia francescana e sei anni a Milano Marittima, in una realtà complessa come quella di un posto di vacanza. Questa lunga esperienza mi serve per affrontare la vita del quartiere dove sono adesso». L’Oltretorrente è sempre stato un quartiere che ha ospitato migranti, poveri e straccioni. E’ sempre stato un quartiere «caldo», tanto che Mussolini l’ha raso al suolo per bonificarlo dalle tensioni anarchiche che serpeggiavano nelle osterie. Oggi torna a essere un quartiere vivo, specchio di una società complessa come la nostra. «La mia parrocchia ha circa 2000 anime, un terzo costituito da residenti storici, un terzo di emigranti e un altro terzo di studenti fuori sede. Specialmente i vecchi parmigiani sentono e vivono il degrado di un quartiere che non riconoscono più come loro e alcuni non escono più  nemmeno di casa. Per questo ho voluto il suono delle campane. Non è solo un simbolo che invita alla preghiera! E’ anche un suono di fede che voglio riportare nel quartiere anche se il campanile come sapete non si vede, è mozzo!». Padre Adriano ha le idee chiare. «Credo che il vangelo bisogna portarlo fuori dalla chiesa, in mezzo alla gente, nella strada, parlando con i commercianti, con chi abita le vie, facendoci conoscere. Non faceva così anche Gesù quando incontrava i poveri, i ladri, tra pubblicani e farisei? Era Gesù che andava da loro. Diceva: «Seguimi, vieni con me!». Credo che la chiesa e il vangelo, i suoi valori di amore, umanità e speranza, possano essere un valido punto di riferimento non solo per la parrocchia, ma per tutto il quartiere che ha al suo interno la mensa di padre Lino e il centro di smistamento di beni di prima necessità».
Non solo dunque un’azione legata al sociale, ma soprattutto al mondo spirituale. I valori del vangelo, in una società come quella di oggi, sono ancora uno scandalo. «Penso che il parroco debba andare in mezzo alla gente, parlare con tutti, capire i problemi e il disagio. Anche negli incontri prematrimoniali invito sempre al reciproco rispetto e alla pazienza, cerco di essere un amico che aiuta gli altri. Se non c’è l’amore di due persone che costruiscono una famiglia, diventa difficile poi restituire questo amore nella società». Padre Adriano è consapevole che non esiste una ricetta assoluta ma solo un modo evangelico di porsi verso i parrocchiani. «Io credo negli adulti. Mi piacerebbe che gli adulti cominciassero a frequentare la parrocchia come un luogo vivo, di scambio d’idee e di valori con cui affrontare la realtà del presente. Io sono qui, le porte sono aperte. La parrocchia può diventare un punto di riferimento nel quartiere, per tutti. Il lavoro è lungo e difficile. Ma credo che gli adulti, prima di tutto, possano fare molto. Sono loro che insegnano ai propri figli. Se manca la famiglia è difficile restituire alla società i suoi valori. Io credo molto in questo. Spero che le campane diano la sveglia a un quartiere che ha bisogno di valori di solidarietà e di amore». All’inizio qualcuno si lamentava perché le campane disturbavano, oggi qualcuno si lamenta quando le campane non suonano. Dice don Adriano: «L’Ave Maria di Nazaret che si ascolta di sera è un pensiero di saluto dalla vostra chiesa che raggiunge ciascuno nella propria casa, senza nessuna distinzione, tutti i giorni. E questo non è poco. Per molti può essere già un motivo di consolazione. Un modo per dire: io sono qui!». G.C.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Oggi speciale su cani, gatti & Co. con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

modena

Colpì una 15enne col manganello, chiesto processo per poliziotto

2commenti

SPORT

SPORT

Il ritorno del "Biscione" in Formula Uno: ecco l'Alfa Romeo C37 Foto

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto