21°

Parma

Quando in Oltretorrente suona l'Ave Maria

Quando in Oltretorrente suona l'Ave Maria
Ricevi gratis le news
0

 Nuove campane per la chiesa dell’Annunciata, nell’Oltretorrente. Padre Adriano Della Valle, parroco della famosa chiesa di Padre Lino e dei francescani di Parma, ha lottato negli ultimi due anni, da quando si è insediato nella parrocchia, per ripristinare il suono delle campane, che annunciano la messa mattutina e l’Ave Maria serale, come segno e simbolo di un tempo non solo dedicato al commercio e alla movida. Anche così si cerca di risolvere la difficile situazione spirituale e religiosa di un quartiere, l’Oltretorrente, che negli ultimi tempi ha mostrato problemi di tenuta sociale. Le manifestazioni dei giorni scorsi sono il termometro di un malessere diffuso. Lo sfregio alla statua di padre Lino lascia interdetti. Padre Adriano ha un’esperienza molto ricca come parroco: «Sono nato a Rimini» spiega. «Sono stato a Busseto cinque anni, dove ho grandi amici, e poi dieci a Faenza, nove a Roma e due anni a Gerusalemme dove ho lavorato come responsabile della tipografia francescana e sei anni a Milano Marittima, in una realtà complessa come quella di un posto di vacanza. Questa lunga esperienza mi serve per affrontare la vita del quartiere dove sono adesso». L’Oltretorrente è sempre stato un quartiere che ha ospitato migranti, poveri e straccioni. E’ sempre stato un quartiere «caldo», tanto che Mussolini l’ha raso al suolo per bonificarlo dalle tensioni anarchiche che serpeggiavano nelle osterie. Oggi torna a essere un quartiere vivo, specchio di una società complessa come la nostra. «La mia parrocchia ha circa 2000 anime, un terzo costituito da residenti storici, un terzo di emigranti e un altro terzo di studenti fuori sede. Specialmente i vecchi parmigiani sentono e vivono il degrado di un quartiere che non riconoscono più come loro e alcuni non escono più  nemmeno di casa. Per questo ho voluto il suono delle campane. Non è solo un simbolo che invita alla preghiera! E’ anche un suono di fede che voglio riportare nel quartiere anche se il campanile come sapete non si vede, è mozzo!». Padre Adriano ha le idee chiare. «Credo che il vangelo bisogna portarlo fuori dalla chiesa, in mezzo alla gente, nella strada, parlando con i commercianti, con chi abita le vie, facendoci conoscere. Non faceva così anche Gesù quando incontrava i poveri, i ladri, tra pubblicani e farisei? Era Gesù che andava da loro. Diceva: «Seguimi, vieni con me!». Credo che la chiesa e il vangelo, i suoi valori di amore, umanità e speranza, possano essere un valido punto di riferimento non solo per la parrocchia, ma per tutto il quartiere che ha al suo interno la mensa di padre Lino e il centro di smistamento di beni di prima necessità».
Non solo dunque un’azione legata al sociale, ma soprattutto al mondo spirituale. I valori del vangelo, in una società come quella di oggi, sono ancora uno scandalo. «Penso che il parroco debba andare in mezzo alla gente, parlare con tutti, capire i problemi e il disagio. Anche negli incontri prematrimoniali invito sempre al reciproco rispetto e alla pazienza, cerco di essere un amico che aiuta gli altri. Se non c’è l’amore di due persone che costruiscono una famiglia, diventa difficile poi restituire questo amore nella società». Padre Adriano è consapevole che non esiste una ricetta assoluta ma solo un modo evangelico di porsi verso i parrocchiani. «Io credo negli adulti. Mi piacerebbe che gli adulti cominciassero a frequentare la parrocchia come un luogo vivo, di scambio d’idee e di valori con cui affrontare la realtà del presente. Io sono qui, le porte sono aperte. La parrocchia può diventare un punto di riferimento nel quartiere, per tutti. Il lavoro è lungo e difficile. Ma credo che gli adulti, prima di tutto, possano fare molto. Sono loro che insegnano ai propri figli. Se manca la famiglia è difficile restituire alla società i suoi valori. Io credo molto in questo. Spero che le campane diano la sveglia a un quartiere che ha bisogno di valori di solidarietà e di amore». All’inizio qualcuno si lamentava perché le campane disturbavano, oggi qualcuno si lamenta quando le campane non suonano. Dice don Adriano: «L’Ave Maria di Nazaret che si ascolta di sera è un pensiero di saluto dalla vostra chiesa che raggiunge ciascuno nella propria casa, senza nessuna distinzione, tutti i giorni. E questo non è poco. Per molti può essere già un motivo di consolazione. Un modo per dire: io sono qui!». G.C.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi

6commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

1commento

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

1commento

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

3commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

4commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

1commento

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

Parma Marathon

Raccolta fondi per la famiglia del runner morto

Un'iniziativa per i familiari di Luigi Liuzzi

AIDEPI

Paolo Barilla: "Industria bistrattata per debolezza politica"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

MODENA

Otto anni all'aggressore del primario Tondi

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

Tg Parma

Affare Parma - Desports: la Cina apre gli investimenti esteri Video

PARMA

Tra i premiati Sport Civiltà nomi noti e giovani promesse Video

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

MOTORI

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compattodi Seat in 5 mosse Foto

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»