22°

Parma

La piattaforma dell'energia targata Parma

La piattaforma dell'energia targata Parma
Ricevi gratis le news
1

 Andrea Del Bue

L'idea non è nuova; lo sviluppo, invece, è rivoluzionario. E’ degli americani l’intuizione di costruire centrali elettriche su piattaforme marine per dare corrente alle basi abbandonate dai giapponesi. E’ di un parmigiano, l’ingegner Angelo Ferrari, il genio che c'è dietro alla creazione di una chiatta ancorata al fondale marino che produce energia e recupera calore, sfruttando la combustione di un olio vegetale, quello prodotto dai semi di Jatropha, una pianta non commestibile. La prima piattaforma con queste caratteristiche sarà installata di fronte al porto di Genova, al quale darà energia pulita. Si chiama progetto Tritone, come il figlio di Poseidone, dio del mare: perché le acque sono la casa di questa innovazione. «L'idea ha preso vita tre anni fa, grazie all’intuizione del prorettore dell’Università Marconi di Roma, dove insegnavo - racconta Ferrari, classe 1950, già direttore tecnico di Moto Guzzi e Lamborghini Automobili -. Insieme all’architetto Aldo Chichero e al professor Giordano Franceschini, esperto di tematiche ambientali, abbiamo sviluppato il modello iniziale, dando vita a questa macchina». La produzione di energia elettrica da biofuel di seconda generazione, cioè proveniente da piantagioni cosiddette «no-food», coltivate soprattutto in Brasile, non è la sola innovazione. «Le murate della chiatta sono inclinate - spiega l’ingegnere che ha curato gli aspetti tecnici del progetto - in modo da poter resistere a qualsiasi condizione di mare e vento. Inoltre, all’interno abbiamo creato una doppia intercapedine, dalla duplice valenza: da una parte garantisce la sicurezza, per evitare dispersione di combustibile, dall’altra, imbarcando acqua, permette di modellare l’assetto del mezzo». L’ingegnere parmigiano si è occupato di tutta la parte relativa a layout interni, motori, turbine e scarichi. Risultato? «Non buttiamo via niente - sottolinea Ferrari -. I gas di scarico, infatti, vengono fatti passare in alcuni boiler che generano vapore; questo, a sua volta, fa girare delle turbine collegate a un generatore elettrico: così recuperiamo 6 megawatt di potenza». E non finisce qui. L’altra peculiarità della centrale elettrica galleggiante si lega a doppio filo, nel caso di Genova, con il terminal Saar Depositi Portuali, leader nel Mediterraneo nella commercializzazione di oli vegetali e grassi animali. «La presenza in porto di Saar ci permette di abbattere l’inquinamento creato dall’indotto per l’approvvigionamento del combustibile. In cambio, la nostra chiatta trasforma l’acqua di raffreddamento dei motori in acqua calda da destinare alla stessa Saar e all’acquario. In questo modo recuperiamo circa 15 megawatt di potenza: nulla vieta, in futuro, di fornire il teleriscaldamento alla città». A Genova, firmate le ultime autorizzazioni, la nuova centrale elettrica dovrebbe prendere vita tra circa un anno e mezzo, ma l’idea è quello di esportare il progetto in altre realtà, anche con esigenze diverse. «Questo mezzo si presta a molteplici utilizzi - sottolinea Ferrari -. Stiamo pensando di creare un dissalatore, in modo da produrre acqua potabile per quelle zone più in difficoltà, come la Sicilia e la Sardegna». A Genova, la rivoluzione verde sarà completata dall’installazione di pale eoliche disegnate dall’architetto Renzo Piano, pannelli solari sui magazzini e alimentatori di corrente collocati sulla banchina: vere e proprie «spine» a cui potranno attaccarsi le navi che, così, spegneranno i motori durante la permanenza in porto. Che diventerà presto un «Green Port». «Dobbiamo dare il merito a Mario Costantino (presidente di Europam, gruppo che renderà possibile la realizzazione del progetto a Genova, ndr) che, in un periodo di crisi, ha creduto fortemente in quella che è sicuramente una sfida. La convinzione - conclude Ferrari - è che questa tecnologia possa essere utile su tanti fronti. Per ora abbiamo ricevuto solo complimenti, speriamo che nessuno ci metta i bastoni tra le ruote».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    10 Ottobre @ 13.52

    ...ALLORA dev'essere un modello vecchio, perchè la targa "Parma" è sparita già da qualche anno...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

Morto Marino Perani, allenò il Parma

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»