-3°

Parma

La piattaforma dell'energia targata Parma

La piattaforma dell'energia targata Parma
Ricevi gratis le news
1

 Andrea Del Bue

L'idea non è nuova; lo sviluppo, invece, è rivoluzionario. E’ degli americani l’intuizione di costruire centrali elettriche su piattaforme marine per dare corrente alle basi abbandonate dai giapponesi. E’ di un parmigiano, l’ingegner Angelo Ferrari, il genio che c'è dietro alla creazione di una chiatta ancorata al fondale marino che produce energia e recupera calore, sfruttando la combustione di un olio vegetale, quello prodotto dai semi di Jatropha, una pianta non commestibile. La prima piattaforma con queste caratteristiche sarà installata di fronte al porto di Genova, al quale darà energia pulita. Si chiama progetto Tritone, come il figlio di Poseidone, dio del mare: perché le acque sono la casa di questa innovazione. «L'idea ha preso vita tre anni fa, grazie all’intuizione del prorettore dell’Università Marconi di Roma, dove insegnavo - racconta Ferrari, classe 1950, già direttore tecnico di Moto Guzzi e Lamborghini Automobili -. Insieme all’architetto Aldo Chichero e al professor Giordano Franceschini, esperto di tematiche ambientali, abbiamo sviluppato il modello iniziale, dando vita a questa macchina». La produzione di energia elettrica da biofuel di seconda generazione, cioè proveniente da piantagioni cosiddette «no-food», coltivate soprattutto in Brasile, non è la sola innovazione. «Le murate della chiatta sono inclinate - spiega l’ingegnere che ha curato gli aspetti tecnici del progetto - in modo da poter resistere a qualsiasi condizione di mare e vento. Inoltre, all’interno abbiamo creato una doppia intercapedine, dalla duplice valenza: da una parte garantisce la sicurezza, per evitare dispersione di combustibile, dall’altra, imbarcando acqua, permette di modellare l’assetto del mezzo». L’ingegnere parmigiano si è occupato di tutta la parte relativa a layout interni, motori, turbine e scarichi. Risultato? «Non buttiamo via niente - sottolinea Ferrari -. I gas di scarico, infatti, vengono fatti passare in alcuni boiler che generano vapore; questo, a sua volta, fa girare delle turbine collegate a un generatore elettrico: così recuperiamo 6 megawatt di potenza». E non finisce qui. L’altra peculiarità della centrale elettrica galleggiante si lega a doppio filo, nel caso di Genova, con il terminal Saar Depositi Portuali, leader nel Mediterraneo nella commercializzazione di oli vegetali e grassi animali. «La presenza in porto di Saar ci permette di abbattere l’inquinamento creato dall’indotto per l’approvvigionamento del combustibile. In cambio, la nostra chiatta trasforma l’acqua di raffreddamento dei motori in acqua calda da destinare alla stessa Saar e all’acquario. In questo modo recuperiamo circa 15 megawatt di potenza: nulla vieta, in futuro, di fornire il teleriscaldamento alla città». A Genova, firmate le ultime autorizzazioni, la nuova centrale elettrica dovrebbe prendere vita tra circa un anno e mezzo, ma l’idea è quello di esportare il progetto in altre realtà, anche con esigenze diverse. «Questo mezzo si presta a molteplici utilizzi - sottolinea Ferrari -. Stiamo pensando di creare un dissalatore, in modo da produrre acqua potabile per quelle zone più in difficoltà, come la Sicilia e la Sardegna». A Genova, la rivoluzione verde sarà completata dall’installazione di pale eoliche disegnate dall’architetto Renzo Piano, pannelli solari sui magazzini e alimentatori di corrente collocati sulla banchina: vere e proprie «spine» a cui potranno attaccarsi le navi che, così, spegneranno i motori durante la permanenza in porto. Che diventerà presto un «Green Port». «Dobbiamo dare il merito a Mario Costantino (presidente di Europam, gruppo che renderà possibile la realizzazione del progetto a Genova, ndr) che, in un periodo di crisi, ha creduto fortemente in quella che è sicuramente una sfida. La convinzione - conclude Ferrari - è che questa tecnologia possa essere utile su tanti fronti. Per ora abbiamo ricevuto solo complimenti, speriamo che nessuno ci metta i bastoni tra le ruote».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    10 Ottobre @ 13.52

    ...ALLORA dev'essere un modello vecchio, perchè la targa "Parma" è sparita già da qualche anno...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La festa di Natale del Bar Gianni

DADAUMPA

La festa di Natale del Bar Gianni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

3commenti

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

tg parma

Via Spezia: rapina con coltello al centro scommesse

Un bottino di circa 1.500 euro

PARMENSE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: arrivano 55 milioni di euro

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento