12°

22°

Parma

Postini appiedati e palmari in tilt: via allo sciopero

Postini appiedati e palmari in tilt: via allo sciopero
Ricevi gratis le news
5

Ci sono i motorini in panne e i portalettere costretti a pedalare; i palmari con le pile che non arrivano a fine giornata e non vengono sostituite; e il premio di risultato 2010 pagato solo in parte ai lavoratori, mentre i dirigenti si portano a casa premi pari a 11 anni di stipendio di un normale impiegato. E poi la carenza di personale, e quella - cronica - di investimenti, da parte di un’azienda che, nonostante la crisi, l’anno scorso ha avuto un utile di un miliardo di euro. 

Tra le ragioni dello sciopero dei lavoratori delle Poste, che andrà avanti sino a fine mese e che bloccherà le prestazioni straordinarie ed aggiuntive, ci sono anche queste. Sul territorio di Parma e provincia sono circa 800 i dipendenti di Poste Italiane, a fronte dei 1200 di 15 anni fa: «In Emilia Romagna mancano 350 lavoratori, e a Parma, a fine anno, andranno in pensione circa 20 fra portalettere e impiegati - dichiara Angelo Fiorillo, rappresentante di Cisl Slp, che ieri, nella sede Cisl di Parma, ha approfondito le inadempienze dell’azienda insieme ai portavoce delle sigle Uil Poste e Confsat Comunicazioni -. Inoltre, non ci sono le coperture previste».
Un esempio della mancanza di investimenti? «Da qualche giorno, a Parma, sono circa 10 i portalettere delle zone di recapito in cui è previsto il motomezzo, obbligati ad usare la bicicletta perché i motorini aziendali non sono più riparabili (con evidente ricaduta sulla consegna della posta). Le stampanti ed altre strumentazioni non funzionano. I palmari in dotazione per pagare le raccomandate hanno le batterie ormai vecchie, che non vengono sostituite». (...)

L'articolo completo e gli approfondimenti sono sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • vincenzo

    14 Ottobre @ 17.49

    io ho lavorato per 10 giorni come postino a parma ebbene ho lavorato come un bestia su un motorino a 10 gradi sotto zero nel 2009 lavoravo 10 ore al giorno ma lo straordinario non lo pagavano come puo un operaio andare avanti in questo modo siete degli sfruttatori e corrotti anche qui nel nord ,solo in italia paese che si definisce europeo si viene cosi fregati dai datori di lavoro nel pubblico ma prima o dopo la dovrete pagare con la rivoluzzione degli operai

    Rispondi

  • Geronimo

    14 Ottobre @ 17.18

    Io sono stato un mese abbondante senza posta, non ho ricevuto nulla e so per certo che mi è stato inviato qualcosa, adesso sto aspettando da quasi due settimane un dvd regolarmente pagato e non mi è arrivato. ho chiamato alle poste e mi è stato risposto che i postini lavorano ad orario ridotto e il sabato non si effettua il servizio postale... Magari la mosta per 10 giorni non mi arriva come non arriva a tutto il mio palazzo poi ad un certo punto arriva tutto in un colpo solo, per coincidenza sia a me che ai miei vicini, le poste mi hanno detto che non c'è nessun problema di consegna, quello che arriva lo consegnano...

    Rispondi

  • Piero

    14 Ottobre @ 12.18

    hELP !!! a questo punto non rimane altro da fare che chiamare il messaggero degli Dei, ossia: Mercurio !!!! :-)) Saluti.

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    14 Ottobre @ 11.59

    Ma qualcuno, dalle parte dei Palazzi (leggi Torri d’Avorio), non aveva detto che per rendere efficiente la pubblica amministrazione serviva una buona iniezione di privato? Per le Poste ci deve essere stata “un’overdose” di questa salvifica medicina. Oppure è stata tanto efficace … da uccidere il malato. Succede. Ed in questo caso si dice che la medicina andava bene ma il paziente è morto. Evidentemente le Poste hanno importato tutte le distorsioni del sistema privato, le quali possono essere sostenibili (malamente) da un’azienda in relazione alle sue comunque piccole dimensione ed al danno solamente interno ad essa che producono: lo stesso non vale per i servizi pubblici. E quanto detto nell’articolo lo denuncia a chiare lettere. Ma quelli che sbandierano che se una cosa può andar bene nel privato deve andar bene anche nei pubblici servizi hanno collegato il cervello prima di aprire la bocca? Ah, già, il fatto è che per collegare il cervello occorre prima averlo. E se ci fosse avrebbero fatto quelle due elementari valutazioni che il mondo privato ed il mondo pubblico hanno soltanto alcuni punti di contatto più che altro nella saggia gestione dei propri compiti. Nulla di più. Se un privato non può effettuare una cosa può tranquillamente procrastinarla ad un momento migliore: farà al massimo una figuraccia col cliente. Ma lo stesso non vale per un servizio pubblico, anche il più banale. Quello deve comunque funzionare in ogni momento. Per certi scervellati questo è un dettaglio da poco. Insomma trascurabile. Per non tacere che il privato deve fare lucro sul suo lavoro, guadagnarci, e fare qualunque cosa per ottenere quel guadagno, come ridurre le manutenzioni, certe sostituzioni, ecc.: dettaglio questo evidenziato nelle banali, quanto indispensabili al funzionamento, carenze delle Poste. Al servizio pubblico non è richiesto che faccia lucro ma che funzioni bene e con la dovuta diligenza anche amministrativa. È quindi su quella diligenza che bisogna agire mettendo gestori capaci ed onesti. Capaci ed onesti? Ma ve l’immaginate dei politici (o derivati tali) con quelle prerogative? Sarebbe come pretendere che un gatto abbai. Ed attenzione i politici gli scegliamo noi. Altro dettaglio non trascurabile.

    Rispondi

  • Maganuco

    14 Ottobre @ 10.20

    Chi è causa del suo mal pianga se stesso...

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: si vota per la finale

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Garani è presidente del gruppo fotografico Obbiettivo Natura

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: