Parma

Tagli sugli investimenti in sanità, da Parma il ministro Fazio dice no

Tagli sugli investimenti in sanità, da Parma il ministro Fazio dice no
Ricevi gratis le news
3

«Confermo la mia contrarietà all’abolizione dell’articolo 20 (gli investimenti sulle strutture sanitarie) e mi auguro che, prima o poi, il Governo nella sua collegialità possa rivedere questo aspetto. E mi auguro che quanto prima si apra un tavolo con le regioni». Lo ha detto il ministro per la Salute Ferruccio Fazio, giunto a Parma per partecipare al convegno «Percorsi di innovazione per le cure primarie».

«Speriamo che si possa recedere su questa decisione - ha continuato il ministro - come sul tema della “non autosufficienza”. Su quest’ultimo aspetto io devo manifestare la mia preoccupazione personale dopo quanto inserito nella manovra di agosto. Questo potrebbe infatti portare ad un affollamento negli ospedali di patologie di questo tipo. Non so se sia possibile trovare una soluzione, se i tecnicismi parlamentari lo consentiranno, ma mi auguro che si possano risolvere al più presto il problema».

Sul tema dei tagli all’articolo 20, giudizio nettamente negativo anche dal presidente della regione Emilia-Romagna. «Questa è una politica molto grave e sbagliata che andremo a verificare nella legge di stabilità - ha sottolineato Vasco Errani -. Il taglio dell’ex articolo 20 per gli investimenti di un miliardo, che faceva parte di un accordo firmato dal Governo nel patto per la salute (tagliato nonostante l’iniziativa del ministro Fazio nella legge di stabilità), rappresenta un colpo veramente serio al processo di riqualificazione ed ammodernamento del mondo della sanità».

«È un vero e proprio cortocircuito - ha concluso il presidente della regione Emilia-Romagna -. Se vuoi qualificare la sanità, e anche qualificare le spese, gli investimenti sono indispensabili. Gli investimenti sono un contributo alla crescita ma voi sapete che il decreto sullo sviluppo in questo paese è, per ora, un’araba fenice».

PER ERRANI C'E' IL RISCHIO DI UN DEFAULT. Intervenendo al convegno, il presidente della Regione Vasco Errani ha sottolineato: «Il taglio previsto di 7,5 miliardi nel 2013 e 2014 è oggettivamente insostenibile. Il rischio è evidente ed oggettivo: tutte le regioni, anche quelle virtuose, rischiano il default del sistema. Tutto questo viene poi, paradossalmente, in un sistema sanitario che in questi anni è l'unico comparto dell’amministrazione pubblica che ha ridotto la spesa tendenziale, come è asseverato dalla Corte dei Conti e dalla Banca d’Italia». «Bisogna invertire questa tendenza e noi continueremo a lavorare su questo - ha concluso Errani -. Perché se non si cambia rotta diventa impossibile garantire un governo di qualità della sanità pubblica».

«TICKET DA RIVEDERE».  Fazio, a margine del convegno, ha parlato anche del problema dei ticket. «Il ticket già inserito nella sanità noi lo riteniamo assolutamente iniquo perché lineare. Noi vogliamo che venga impostato su criteri di censo, cioè per fasce di reddito che tengano anche conto, nei meccanismi di esenzione, del quoziente familiare. Così facendo ovviamente non si vivrà un periodo di vacche grasse, siamo in attesa di momenti migliori, ma credo che questa possa essere una strada su cui potremo lavorare tutti insieme».
«Io vorrei ricordare - dice ancora Fazio - il grave momento di crisi che sta attraversando il Paese e l’ultima manovra di luglio è stata fatta in un momento di grandissima difficoltà - ha poi sottolineato il ministro -, Noi operatori della sanità ovviamente vorremmo che non ci fossero tagli e stiamo cercando di lavorare ad una ipotesi di manovra ridotta per quanto attiene i tagli di due miliardi aggiuntivi per il 2014. Vogliamo che ricomprendano gli 830 milioni del ticket già inserito», e che il ministro vuole riformulare in base a fasce di reddito. 

(foto d'archivio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Tanzi

    22 Ottobre @ 14.31

    Un povero disgraziato che si ammala, in Italia, deve affrontare due tipi di tragedie. La prima, naturalmente, è umana, perchè la condizione di ammalato è penosa. La seconda è finanziaria, perchè deve sborsare un sacco di soldi di tasca propria.

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    22 Ottobre @ 09.37

    Allora ? sembra che i manager Prodiani non siano riusciti a mettere a posto i conti della sanità, ma solo quelli dei loro portafogli ! o no ?

    Rispondi

  • restiani.fernando

    21 Ottobre @ 20.37

    ma di che cosa ci stii,amo a preoccupare, per avere risorse certe ci sono sempre le pensioni di anzianita...e allora cosa aspettiamo a darci un.altra bella mazzata tanto poi nessuno si prenderà la briga di obbiettare....meditate iscritti meditate

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Goblin, Simonetti : "I giovani ci riscoprono grazie a internet"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

BASSA

Pedone investito da un'auto a San Secondo: è grave

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

BASSA

Alluvione: anche la Procura di Parma apre un fascicolo Video

Domenica mattina dovrebbe essere riaperto il ponte della piazza di Colorno

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

5commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

PARMA

Incidente con auto ribaltata: disagi al traffico in zona Petitot Foto

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

La rabbia degli abitanti oltre il confine con Brescello. «Nessuno ci ha avvertiti e così abbiamo perso tutto»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

MANTOVA

Bimbi uccisi: indagato anche il marito di Antonella Barbieri

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta la squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260