21°

Parma

In via Burla 90 detenuti tossicodipendenti

In via Burla 90 detenuti tossicodipendenti
Ricevi gratis le news
0

Margherita Portelli
C'è chi, in carcere, è rinchiuso in una doppia gabbia: quella tangibile della cella, e quella psichica (e spesso fisica) della dipendenza da droghe.
I carcerati da sempre sono considerati una popolazione a rischio per quanto riguarda la tossicodipendenza. Alla fine degli anni Ottanta ci si era resi conto che un terzo dei reclusi, in Italia, aveva problemi di droga: questo, ovviamente, perché la dipendenza da sostanze facilita i comportamenti delinquenziali, e quindi l’incarcerazione.
Ecco perché da tempo, anche a Parma, esiste l’«Equipe carcere», un team multidisciplinare, afferente alla Sanità penitenziaria, preposto all’assistenza dei detenuti con problematiche di dipendenza, operante all’interno della casa di detenzione. Da poco ribattezzata Nart (Nucleo assistenziale riabilitazione tossicodipendenza), questa realtà opera all’interno delle mura carcerarie della nostra città dagli anni Novanta, assistendo, al momento attuale, circa 90 persone.
Quasi tutti dipendenti da droga (solo una decina gli alcolisti), i detenuti in questione vengono seguiti da una squadra che comprende 3 psicologi e 2 educatori (a rotazione), un medico e un infermiere (a 30 ore), e un coordinatore.
L'importanza di trasformare la detenzione in un momento utile a motivare il cambiamento, ce la spiega Paolo Volta, coordinatore del Nart e direttore del Programma di dipendenze patologiche dell’Ausl di Parma. E il paragone che utilizza, calza a pennello: «Se un fumatore si trova un’intera giornata forzatamente senza sigarette, quando finalmente alla sera riesce a procurarsele, non solo fuma, ma magari se ne accende 2 o 3, una dietro l’altra».
Ecco perché un tossicodipendente che finisce in carcere, e magari passa dei mesi senza assumere sostanze, non può considerarsi «fuori dal giro», ma, anzi, si avvicina a un momento, quello del ritorno alla libertà, potenzialmente molto pericoloso, perché a rischio overdose. L’astinenza forzata della detenzione non ha valore se non è supportata da un percorso di ripresa nel quale si tenta di accompagnare il tossicomane alla coscienza e all’intenzione.
«Esserne fuori non è una questione di tempo, ma di convinzione» puntualizza Volta. «Tra le persone che seguiamo c'è un forte turn-over, perché solitamente i tossicodipendenti si macchinano di reati minori, e in poco tempo vengono rimessi in libertà - continua -. A Parma, poi, le percentuali sono più basse rispetto ad altre carceri, e questo si spiega con il fatto che nel nostro penitenziario ci sono i detenuti del 41 bis, che solitamente non sono dipendenti da sostanze, e vi è inoltre una sezione per paraplegici». La presa in cura da parte dell’«Equipe carcere» comporta dei benefici per i detenuti: «L'articolo 94 prevede che un detenuto (dentro per reati non gravi) la cui tossicodipendenza sia stata accertata, nel momento in cui decide di sottoporsi al programma per la tossicodipendenza, possa essere affidato ai servizi sociali dai 3 ai 4 anni prima del compimento della pena - spiega Volta -. Noi li accompagniamo in un percorso che prevede consulto psicologico e il coinvolgimento in diversi progetti riabilitativi, anche culturali o creativi».Una volta erano perlopiù eroinomani, i carcerati tossicodipendenti, «oggi ci sono anche molti dipendenti da cocaina, una droga, però, la cui dipendenza reale è più difficile da certificare» dichiara. Tra quelli che in carcere si ritrovano lontani dalle sostanze, c'è chi fa di tutto per tentare «l'evasione mentale»: «Oltre al giro di psicofarmaci, diverse volte capita che alcune persone cerchino l’alterazione psichica inalando il contenuto delle bombole di gas - spiega il direttore -. Seguire queste persone non è di certo facile: quello che si vuole fare è dare il via a un percorso che, necessariamente, dovrà continuare anche una volta liberi, quando gli ex detenuti saranno seguiti dai singoli Sert territoriali». Quando saranno - in altre parole - fuori da una delle due gabbie, chini alla ricerca della chiave per aprire anche l’altra. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Gestione rifiuti: bando da 44 milioni per 15 anni di affidamento del servizio

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

1commento

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

tg parma

Smog: ieri terzo giorno consecutivo con Pm10 alle stelle Video

1commento

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

4commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

LUTTO

In duomo a Fidenza l'ultimo saluto a Luca Moroni

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

salute

Un'équipe dell'Università di Parma studia la chirurgia mini-invasiva contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 10

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

7commenti

Lesignano

Festa per i 18 anni dei due migranti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

CRIMINALITA'

Delitti di 'Ndrangheta nel 1992 a a Reggio Emilia: tre arresti della polizia

Massa

Lite per un parcheggio: gli spara e lo ferisce al volto

SPORT

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

3commenti

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

MOTORI

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compattodi Seat in 5 mosse Foto

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»