Parma

In via Burla 90 detenuti tossicodipendenti

In via Burla 90 detenuti tossicodipendenti
Ricevi gratis le news
0

Margherita Portelli
C'è chi, in carcere, è rinchiuso in una doppia gabbia: quella tangibile della cella, e quella psichica (e spesso fisica) della dipendenza da droghe.
I carcerati da sempre sono considerati una popolazione a rischio per quanto riguarda la tossicodipendenza. Alla fine degli anni Ottanta ci si era resi conto che un terzo dei reclusi, in Italia, aveva problemi di droga: questo, ovviamente, perché la dipendenza da sostanze facilita i comportamenti delinquenziali, e quindi l’incarcerazione.
Ecco perché da tempo, anche a Parma, esiste l’«Equipe carcere», un team multidisciplinare, afferente alla Sanità penitenziaria, preposto all’assistenza dei detenuti con problematiche di dipendenza, operante all’interno della casa di detenzione. Da poco ribattezzata Nart (Nucleo assistenziale riabilitazione tossicodipendenza), questa realtà opera all’interno delle mura carcerarie della nostra città dagli anni Novanta, assistendo, al momento attuale, circa 90 persone.
Quasi tutti dipendenti da droga (solo una decina gli alcolisti), i detenuti in questione vengono seguiti da una squadra che comprende 3 psicologi e 2 educatori (a rotazione), un medico e un infermiere (a 30 ore), e un coordinatore.
L'importanza di trasformare la detenzione in un momento utile a motivare il cambiamento, ce la spiega Paolo Volta, coordinatore del Nart e direttore del Programma di dipendenze patologiche dell’Ausl di Parma. E il paragone che utilizza, calza a pennello: «Se un fumatore si trova un’intera giornata forzatamente senza sigarette, quando finalmente alla sera riesce a procurarsele, non solo fuma, ma magari se ne accende 2 o 3, una dietro l’altra».
Ecco perché un tossicodipendente che finisce in carcere, e magari passa dei mesi senza assumere sostanze, non può considerarsi «fuori dal giro», ma, anzi, si avvicina a un momento, quello del ritorno alla libertà, potenzialmente molto pericoloso, perché a rischio overdose. L’astinenza forzata della detenzione non ha valore se non è supportata da un percorso di ripresa nel quale si tenta di accompagnare il tossicomane alla coscienza e all’intenzione.
«Esserne fuori non è una questione di tempo, ma di convinzione» puntualizza Volta. «Tra le persone che seguiamo c'è un forte turn-over, perché solitamente i tossicodipendenti si macchinano di reati minori, e in poco tempo vengono rimessi in libertà - continua -. A Parma, poi, le percentuali sono più basse rispetto ad altre carceri, e questo si spiega con il fatto che nel nostro penitenziario ci sono i detenuti del 41 bis, che solitamente non sono dipendenti da sostanze, e vi è inoltre una sezione per paraplegici». La presa in cura da parte dell’«Equipe carcere» comporta dei benefici per i detenuti: «L'articolo 94 prevede che un detenuto (dentro per reati non gravi) la cui tossicodipendenza sia stata accertata, nel momento in cui decide di sottoporsi al programma per la tossicodipendenza, possa essere affidato ai servizi sociali dai 3 ai 4 anni prima del compimento della pena - spiega Volta -. Noi li accompagniamo in un percorso che prevede consulto psicologico e il coinvolgimento in diversi progetti riabilitativi, anche culturali o creativi».Una volta erano perlopiù eroinomani, i carcerati tossicodipendenti, «oggi ci sono anche molti dipendenti da cocaina, una droga, però, la cui dipendenza reale è più difficile da certificare» dichiara. Tra quelli che in carcere si ritrovano lontani dalle sostanze, c'è chi fa di tutto per tentare «l'evasione mentale»: «Oltre al giro di psicofarmaci, diverse volte capita che alcune persone cerchino l’alterazione psichica inalando il contenuto delle bombole di gas - spiega il direttore -. Seguire queste persone non è di certo facile: quello che si vuole fare è dare il via a un percorso che, necessariamente, dovrà continuare anche una volta liberi, quando gli ex detenuti saranno seguiti dai singoli Sert territoriali». Quando saranno - in altre parole - fuori da una delle due gabbie, chini alla ricerca della chiave per aprire anche l’altra. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mago Gigo

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

1commento

Lealtrenotizie

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

incendio

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

3commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

METEO

Ondata di gelo: il Burian siberiano verso l'Italia

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Allarme

In dieci anni 166 medici in pensione

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

8commenti

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

1commento

SPORT

baseball

Un mancino per il Parma Clima: Escalona rinforza il monte

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

SOCIETA'

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day