10°

20°

Parma

"Ecco la verità sulla prostituta": la testimonianza di una "lucciola" presente al Comando della Municipale

"Ecco la verità sulla prostituta": la testimonianza di una "lucciola" presente al Comando della Municipale
Ricevi gratis le news
45

Un paio di mesi fa, durante un'operazione  condotta dalla polizia municipale contro la prostituzione, fu scattata  una foto  che ritraeva una  prostituta  nigeriana  seminuda e sdraiata a terra all'interno della camera di sicurezza del comando  dei vigili urbani  di Parma: l'immagine fece il giro del mondo e  scatenò  molte polemiche. Adesso la testimonianza  di un'altra prostituta  uruguaiana,   presente al comando durante la medesima operazione,  smonta il «caso»: in esclusiva, la «Gazzetta»  pubblica oggi il testo della sua dichiarazione spontanea  presentata   in Questura, che anticipiamo sul nostro sito
 

L'anno 2008, addì 21 del mese di agosto, alle ore 11,15, negli Uffici della polizia municipale, siti in Parma, via del Taglio 8/a. Innanzi a noi sottoscritti Sostituto Commissario della Polizia di Stato Giuseppe Cosi - Ufficiale di P.G. in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di Parma, e Ispettore Massimo Marchinetti, Ufficiali di P.G. in servizio presso il suindicato Ufficio, è presente U.S.P., nata a Montevideo (Uruguay),  la quale, sentita come persona informata sui fatti dichiara quanto segue:
Sono in Italia da diversi anni. Sono in possesso del permesso di soggiorno per motivi familiari. Sono solita esercitare la prostituzione nella zona di via Spezia, dove vi sono anche altre donne quasi tutte bianche. Per questa ragione sono stata spesso oggetto di controllo da parte delle forze di polizia e carabinieri i cui agenti dopo avermi identificata ed accertato essere in regola col soggiorno mi hanno rilasciata.
La sera dell'8 agosto c.m., verso le ore 23, mentre mi trovavo in via Spezia da sola ad espletare il mio mestiere sono stata fermata da un'autovettura con agenti in borghese qualificatisi come agenti della polizia municipale. Gli stessi avevano già fermato un'altra ragazza di origine russa e due clienti. Ero in possesso dei miei documenti di identificazione ma priva del permesso di soggiorno. Per queste ragioni sono stata condotta negli Uffici della polizia municipale dove hanno accertato la mia situazione in Italia e dopo avermi contestato la infrazione amministrativa per la violazione dell'ordinanza sindacale dr. 230-0S/II.1 del 9 novembre 2007, sono stata mandata via.
Mentre mi trovavo nei loro uffici ho sentito arrivare alcuni vigili con una donna di colore seminuda che strillava a più non posso, tirava calci contro il personale nel tentativo di liberarsi. Io mi sono spaventata perché temevo che la donna, se fosse riuscita a liberarsi, potesse prendersela con noi bianche. Il motivo è che credono che noi siamo privilegiate e che non ci mandano via come loro. Invece non è vero. Io comunque mi sono alzata e mi sono messa dietro a un agente finché la donna di colore non è stata chiusa nella camera di sicurezza.
Prima che fosse chiusa in cella quella donna oltre a prendersela con gli agenti, sbatteva la testa contro il muro e si picchiava da sola forse per accusare i vigili di averla picchiata. Ma, per quanto ho potuto constatare nessuno la toccava con un dito. Anzi erano loro che avevano la divisa scomposta per il comportamento della donna che alternava la violenza al finto svenimento. Nel corridoio degli uffici della polizia municipale ho notato la presenza di alcuni giornalisti e fotografi, tra cui una donna. Ho detto all'agente di non farmi riprendere perchè ero residente a Parma e non volevo pubblicità. Infatti nessuno di loro mi ha fotografato o intervistato.
Però nei giorni successivi sono stata cercata insistentemente da due giornalisti, un uomo e una donna. L'uomo ha dichiarato, alla mia collega D., di origine colombiana, che si prostituisce nella mia stessa zona, di chiamarsi M. L'uomo e la donna hanno insistito nel parlare con me definendomi “ragazza uruguaiana” descrivendo il comportamento tenuto dai vigili urbani la sera del controllo. In particolare loro ritenevano che avessero operato maltrattamenti nei nostri confronti e volevano che io li denunciassi anche in maniera anonima. Infatti hanno detto alla mia collega “è ora che la smettano di trattarvi così” invitando la stessa collega a riferirmi di contattarli il più presto possibile. Nella mattinata odierna ho contattato l'uomo e questi mi ha confermato che mi cercava perché sarei stata maltrattata dagli agenti che mi hanno fermato e che lui stesso aveva udito le mie invettive contro gli agenti operanti. Invece non è vero. Io inveivo contro un cliente il quale dopo avermi avvicinato e chiesto quando prendevo ero stato fermato dagli stessi agenti che gli hanno contestato lo stesso illecito amministrativo che hanno contestato a me. Gridavo contro di lui perché pretendeva che io negassi il fatto e che in caso contrario mi avrebbe denunziato. Il giornalista, al telefono, ha insistito perché io affermassi di essere stata rinchiusa in cella di sicurezza per circa 4 ore. Anche questo è falso. Come ho già detto dopo aver accertato che ero in regola col soggiorno ed avermi contestato l'illecito amministrativo sono stata rilasciata.
A.D.R.: Ribadisco, ancora una volta che non ho subito alcun maltrattamento da parte degli Agenti che mi hanno controllato. Lo stesso vale per le altre persone controllate insieme a me. La donna di colore, che ho poi saputo essere nigeriana dai giornali, è stata molto violenta con gli agenti i quali, nonostante questo, sono stati molto pazienti e determinati affinché non combinasse altri guai. Come ho già detto aveva cercato di autolesionarsi dando testate contro il muro e percuotendosi il viso. I vigili l'avevano bloccata e rinchiusa nella camera di sicurezza dove lei continuava a strillare.
A.D.R.: Vista la insistenza del giornalista a volermi parlare e convincermi a denunziare presunti maltrattamenti, ho deciso, in forma autonoma di denunziare l'episodio. Mi sono portata dapprima in Questura cercando del Sostituto Commissario Reda, che conoscevo per aver trattato una pratica in cui ero testimone, ma, essendo assente, ho deciso di informare telefonicamente il Comando della polizia municipale.
Non ho altro da aggiungere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luca Ronzoni

    04 Ottobre @ 14.18

    denuncia creata ad arte dalla Polizia Municipale per discolparsi di almeno uno dei due casi scottanti.....VERGOGNATEVI poi tanto va a finire come per il G8, poliziotti condannati ma non puniti. complimenti MONTEVERDI DIMETTITI

    Rispondi

  • roberto

    03 Ottobre @ 20.26

    ottimo...e il primo caso e risolto...ora vediamo che e successio l'altro giorno...se uno e pulito non scappa a priscindere...e poi iniziamo a rinnegare gente con il sig bertolucci che ha sparato m...sulla nostra citta...INGRATO!!!!

    Rispondi

  • Luca

    03 Ottobre @ 19.14

    GIORNALISTI TERRORISTI...ora aspettiamo la verità sul giovane spacciatore nero!

    Rispondi

  • Luigi

    03 Ottobre @ 17.11

    Una clamorosa rivelazione,una vera bomba giornalistica, purtroppo.......a scoppio ritardato.

    Rispondi

  • Michele

    03 Ottobre @ 14.00

    X DANIELA. Tosi è incommentabile, proprio come te. Vergogna ancora una volta. Mi piacerebbe vederdi in faccia per evitare di frequentare gli stessi tuoi posti e respirare la tua stessa aria.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'agenda del weekend di Parma e provincia, e non solo

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spigaroli Murgia a Radio Parma

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Lealtrenotizie

Minacce aggravate

Foto d'archivio da Google Street View

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

7commenti

SERIE B

Il Parma cerca i tre punti al Tardini con l'Entella Diretta dalle 15

PARMA

Fugge e abbandona la borsa con la droga: sequestrati 3 etti di marijuana

Valore sul mercato dello spaccio: circa 3mila euro

PARMA

Ruba 3mila euro: donna delle pulizie incastrata dalle telecamere Video

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

CARABINIERI

Scippa una giovane a Reggio: denunciato 16enne di Parma

Il ragazzino è accusato di furto con destrezza

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

1commento

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

INCIDENTE

Scontro auto-moto a Langhirano: un ferito grave

Lo scontro è avvenuto in via Roma

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

SERIE B

Parma, batti un colpo

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

6commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PEDRIGNANO

Pitbull assale la padrona e un suo amico

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

GERMANIA

Uomo attacca con un coltello a Monaco: 4 feriti. "Non è terrorismo"

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

SPORT

Moto

Rossi: "Spero in una gara asciutta"

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: