Parma

UDC: dissesto idrogeologico e calamità naturali, occorre ripartire dalla Mozione Libé

UDC: dissesto idrogeologico e calamità naturali, occorre ripartire dalla Mozione Libé
Ricevi gratis le news
0
Comunicato stampa
 
Sono passati quasi due anni da quando l’UDC, primo firmatario l’On. Mauro Libè assieme agli On. Michele Vietti (Piemonte) e On. Gabriella Mondello (Liguria), presentava una mozione contenente una significativa proposta al Governo per affrontare e finalmente gestire, con un approccio assai diverso dall’attuale, il problema del grave rischio idrogeologico e sismico dovuto all’assetto geomorfologico del territorio italiano.
Non più prevenire, bensì curare si potrebbe sintetizzare, con maggiore vantaggio non solo in termini di sicurezza e di vite umane, ma anche economico.
Frane, esondazioni, dissesti morfologici di carattere torrentizio, trasporto di massa lungo le conoidi nelle zone montane e collinari, esondazioni e sprofondamenti nelle zone collinari e di pianura sono ormai eventi troppo frequenti e catastrofici per essere classificati, o meglio liquidati, come ipotesi remote purtroppo realizzatesi.
La causa che ha portato ad un incremento di questi fenomeni infatti ha radice nell’azione dell’uomo.
L’incremento degli insediamenti urbani e industriali nel solo dopoguerra è in molti casi vicino al 500 per cento mentre gli insediamenti appenninici e montani e con essi le preziose attività di buona manutenzione di territorio boschi, argini e torrenti, hanno subito l’opposta tendenza.
A questo fenomeno si aggiunga che non sempre gli amministratori locali hanno mostrato, nella definizione dei piani regolatori e di insediamento comunali, buon senso e misura.
Sempre più spesso dunque il Governo si trova chiamato ad intervenire con costosi cerotti per porre “una pezza” al malgoverno del territorio e al “fatalismo” di alcuni amministratori.
Il programma nazionale delle bonifiche, ricorda la mozione dell’On. Libè, è stato varato nel 1998 passando da 27 miliardi di lire a 3000 miliardi di lire nel 2000 fino agli attuali 500 milioni di euro, ma poco si conosce circa le modalità con cui vengono gestite queste risorse e soprattutto sono praticamente invisibili i miglioramenti al territorio che il programma nazionale avrebbe dovuto apportare.
Lo stesso Piano Casa varato dal Governo per il rilancio del settore edilizio non tiene conto di misure che prevedano un corretto utilizzo del territorio, né un sistema di incentivazione per il recupero e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, né si preoccupa di prevedere delle priorità, come ad esempio la delocalizzazione di insediamenti abitativi e produttivi dalle aree a forte rischio.
Fino a che il Governo e la politica nel suo complesso non inserirà fra le priorità del Paese una seria politica di prevenzione che pianifichi organizzi e programmi  interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio e la messa in sicurezza delle aree a rischio saremo sempre appesi a un filo.
Le misure finanziarie erogate negli anni per fronteggiare le emergenze legate alla difesa del suolo hanno dimostrato di essere non solo costose, ma inefficaci.
Per essere più chiari facciamo un esempio: degli 1,6 miliardi assegnati nel 2009 alla protezione civile, oltre il 91 per cento è andato per coprire i danni prodotti dalle avversità atmosferiche nel 2008, lasciando quasi nessuna risorsa da destinare ad interventi di prevenzione delle emergenze future.
Per questo sentiamo l’esigenza, proprio in un momento come questo, di lanciare il messaggio che la politica bussi un colpo con iniziative concrete magari riprendendo la mozione dell’On. Libè, non evidentemente perché questo governo l’accolga (è evidente infatti che in questo grave momento il governo non è in grado di esercitare alcuna funzione) ma perché guardando al futuro prossimo anche questi temi vengano inseriti nel novero dei problemi più urgenti, da affrontare e risolvere.
Il tema infatti non può essere portato solo sul tavolo del prossimo governo, ma anche su quello delle regioni, degli enti locali e degli istituti preposti perché tante e incisive sono le iniziative da realizzare.
Si dovrà predisporre un piano pluriennale delle opere per la messa in sicurezza del territorio nazionale, che preveda una stima completa delle aree dove intervenire, un elenco delle opere e dei relativi costi, l'individuazione degli interventi sulla base di indici tecnici che ne determino le priorità e il coinvolgimento di tutti gli organismi preposti; 
Prevedere un congruo stanziamento per un impegno di spesa annuale per l'ottimizzazione del territorio nazionale; 
Inasprire i controlli sull'effettivo rispetto della normativa sull'edilizia pubblica e privata, al fine di garantire una reale certificazione anti-sismica delle costruzioni, sia a destinazione abitativa, sia a destinazione industriale; 
Valutare l'opportunità di vincolare una quota del gettito fiscale alla costituzione un fondo di garanzia per il lucro cessante delle attività economiche esistenti sul territorio oggetto di evento sismico e/o idrogeologico; 
Rafforzare il sistema dei controlli in materia di edificazione in funzione di una maggiore attenzione al rispetto del suolo, garantendo l'applicazione di sanzioni certe per gli attori che non rispettino le normative in materia; 
Assumere iniziative volte a prevedere una progressiva delocalizzazione di tutti gli insediamenti, abitativi e produttivi, dalle aree a forte rischio idrogeologico; 
Favorire la riqualificazione energetica del patrimonio abitativo e industriale esistente in funzione di un adeguamento tecnologico che permetta un maggiore risparmio energetico; 
Sviluppare un sistema di contrasto efficiente all'abusivismo e all'edificazione selvaggia; 
Favorire il recupero delle aree dismesse o sottoutilizzate e ad incrementare le politiche a sostegno del recupero dei siti altamente inquinati. 
 
L’UDC è dunque disponibile, con queste premesse e partendo da queste proposte elaborate dall’On. Libè ad affrontare responsabilmente il problema presso ciascuno dei livelli politici di competenza e non mancherà, anche attraverso ulteriori iniziative di sensibilizzazione, di lavorare affinchè si realizzino, perché la politica del prossimo futuro e le sfide del Paese passeranno anche e soprattutto da questi temi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

BASSA

Fracasso (Fai): "La grande bellezza di Colorno va tutelata"

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS