-2°

Parma

Dissesto idrogeologico: il territorio ferito

Dissesto idrogeologico: il territorio ferito
Ricevi gratis le news
1

di Andrea Gavazzoli

Immagini sconvolgenti di città sommerse, strade trasformate in canali e devastate dalla violenza delle acque che alle spalle si lasciano morti e macerie. Immagini che fotografano una situazione drammatica davanti alla quale non c'è neppure il tempo di fermarsi a pensare e a fare i conti con quelle sensazioni d'impotenza reale che hanno il sopravvento davanti a persone che hanno perso i loro cari e che comunque, nel migliore dei casi, si sono visti in pochi minuti sconvolgere la vita. Pensate che a causa del maltempo la media  mensile nazionale delle vittime accertate  è di sette unità, ben 84 all' anno.
Mentre infuriano le polemiche, mentre la rabbia è il sentimento più diffuso, il rimboccarsi le maniche non ha mai preoccupato la nostra gente, capace davanti alle emergenze, di reagire con quella dignità che ha dentro e che esce nei momenti più difficili, a dispetto di carenze strutturali e di programmazione che, questa volta sì, dovranno essere riviste con scelte molto piu' coraggiose rispetto al passato. Il Ministero dell' Ambiente ha piu' volte sottolineato negli ultimi anni come servirebbe un piano dal costo di questi tempi del tutto inaccessibile da 40 miliardi di euro, ma con interventi mirati per un totale di 6 miliardi, gli organismi di competenza, assicurano una gestione nettamente migliore del flusso delle acque che causano inondazioni e frane.   In effetti non è la prima volta che ci si trova davanti a disastri provocati da calamità naturali, così come non è la prima vota che ci si trova a fare i conti troppo salati  con le drammatiche conseguenze di straripamenti e smottamenti. Ma questa volta la situazione è diversa, questa volta la sensazione è che le cose sarebbero potute andare in modo ben diverso se, come si richiede ormai da anni, ci fossero stati interventi programmati in difesa del territorio. E mai come oggi è forte la sensazione che il dissesto idrogeologico sia una delle battaglie primarie da combattere a da vincere. Il piano come detto è costoso, ma il rischio è peggiore e la burocrazia che frena il tutto è l'unica costante in una nazione martoriata da questi fenomeni lungo tutta le penisola.
La colpa non va infatti solo ed esclusivamente addossata al mutare del clima e la prevenzione, unita alla consapevolezza e ai comportamenti di ognuno di noi, puo' esser una parte importante per la soluzione del problema.
Per ricondurci al nostro territorio e in particolare alla città, i tempi delle grandi piene anche in passato si sono succedute a intervalli abbastanza regolari di 30-40 anni l'una dall'altra: quella della metà dell' 800 (con esondazione dell'Oltretorrente che provocò ventidue morti), del 1910, del 1952 e del 1980. Poi, nell'ultimo ventennio non si contano le volte che il torrente Parma è uscito dall'alveo invadendo le zone golenali e creando pericoli e danni per le ormai tante case che in quelle zone sono state inopportunamente costruite. Non si tratta infatti di non costruire, ma di costruire bene e con piani di compensazione nel momento in cui l'urbanistica va a cambiare il paesaggio e di conseguenza la circolazione delle acque. Le politiche di condono per esempio fanno di tutto fuorchè salvaguardare l'incolumità dei cittadini avallando insediamenti ad altissimo pericolo strutturale.
Oggi la situazione qual è? Se le precipitazioni così impetuose cadessero in maniera così copiosa come in Liguria anche a Parma cosa accadrebbe indipendentemente dall'utilizzo delle casse di espansione che  han arginato parte del problema ? Perchè nei nostri fiumi indipendentemente dal lavoro di Aipo e Bonifica si nota la presenza così massiccia di arbusti che limitano il flusso? Di questo e di altro si parlerà stasera alle 21 ad Agorà con una nutrita schiera di ospiti tra cui, oltre agli esperti del settore, anche i volontari della Protezione civile presenti in Liguria. Un servizio sulla golena parmense è stato realizzato da Francesca Lombardi in collaborazione con il sito Gazzettadiparma.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Tanzi

    10 Novembre @ 13.27

    Purtroppo, credo che si tratti di parole, che si sommano ai miliardi di parole ormai spesi in proposito. Nel 1970, la città di Genova venne flagellata da un'immane alluvione, che causò decine di vittime. Celebrati i funerali, si decise di mettere in sicurezza il Torrente Bisagno. Furono presentati centinaia di progetti, ma, alla fine, non se ne fece nulla. I risultati si sono visti alcuni giorni fa.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

9commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5