12°

23°

Parma

Violenza sulle donne: in Emilia cifre drammatiche - Le iniziative a Parma

Violenza sulle donne: in Emilia cifre drammatiche - Le iniziative a Parma
Ricevi gratis le news
6

LE CIFRE DELLA REGIONE - Il seminario di oggi, 24 novembre, in Regione “Violenza sulle donne: una
drammatica attualità – Situazione e politiche di contrasto in Emilia-Romagna”,
e la presentazione di martedì 22 del volume a cura della Casa delle donne di
Bologna “Femicidio. Dati e riflessioni sui delitti per violenza di genere” hanno
aperto il cartellone di iniziative sull’intero territorio regionale dedicate al 25
novembre, Giornata mondiale contro la violenza alle donne.
L’appuntamento di oggi, organizzato dalla Commissione per la Parità
dell’Assemblea Legislativa in collaborazione con il Coordinamento dei centri
antiviolenza dell’Emilia-Romagna, ha proposto un interessante confronto sulle
politiche di contrasto alla violenza di genere su cui è quanto mai urgente
intervenire in sinergia.
I dati 2011 sulle attività di accoglienza e ascolto di donne vittime di violenza
nei dieci centri aderenti al Coordinamento, presentati durante il convegno dalla
presidente Antonella Oriani, dimostrano infatti quanto ci sia ancora da tenere
alta l’attenzione su contrasto e prevenzione della violenza di genere.
Il dato più drammatico è quello dei femicidi: con i due brutali omicidi di donne
di sabato 19 novembre a Bologna e a Brescello, entrambi avvenuti per mano
dei partner in contesti di violenza intrafamiliare, sale a 14 il numero delle
donne che hanno perso la vita “in quanto donne” nei primi undici mesi del
2011 in Emilia-Romagna
.

I dati raccolti dal Coordinamento parlano poi di 2.256 donne accolte nei dieci
centri antiviolenza del territorio emiliano-romagnolo
(nel 2010 erano state
2.277), vittime di violenza in quasi duemila casi. Il 40% delle donne che
hanno chiesto aiuto è rappresentato da cittadine straniere, talora in condizioni
di fragilità sociale: invariato rispetto al 2010 il loro numero di richieste di aiuto,
a fronte di un leggero calo delle italiane.
A 86 donne ed ai loro 68 bambini è stato necessario dare un alloggio-rifugio,
per permettere loro di abbandonare una residenza oramai divenuta troppo
pericolosa per la propria incolumità. 556 le donne accolte dalla Casa delle
donne di Bologna, 326 a Reggio Emilia dall’Associazione Non da sola e 246 al
Centro donna giustizia di Ferrara.
Nella provincia di Ravenna le donne accolte sono state 445: il dato, di per sé
allarmante, raggruppa l’attività di tre diversi centri operanti sul territorio (Linea
Rosa a Ravenna, Demetra a Lugo e Sos Donna a Faenza), dimostrando che la
maggior prossimità ai servizi offerti può incentivare le donne a rivolgersi a
centri antiviolenza, favorendo l’emersione di un fenomeno ancora ritenuto
“vergognoso”.
Per uscire dalla vergogna e far sentire la propria voce contro una violenza
intollerabile, che tutti dobbiamo contribuire a fare cessare, i dieci centri
antiviolenza propongono sull’intero territorio un ricchissimo cartellone di
iniziative in occasione del 25 novembre, con mostre, libri, dibattiti, film e
seminari nei capoluoghi ed in provincia.

A Parma, il Centro Antiviolenza ha organizzato una distribuzione dei
sacchetti per il pane con la scritta "Uscire dalla violenza si può. Ogni giorno"
Giornata delle porte aperte presso il centro e visita della delegazione della
Commissione per la promozione di condizioni di piena parità tra donne e
uomini dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna
Settimana di sensibilizzazione nel Caffè artistico Hub café con spettacoli e altre
iniziative.

Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna
· Casa delle Donne per non subire violenza di Bologna
· SOS Donna Onlus di Faenza
· Centro Donna Giustizia di Ferrara
· Demetra Donne in aiuto Onlus di Lugo
· Casa delle Donne contro la violenza di Modena
· Centro Antiviolenza Onlus di Parma - VAI AL SITO
· La Città delle Donne di Piacenza
· Linea Rosa Onlus di Ravenna
· Rompi il Silenzio Onlus di Rimini
· Nondasola - Reggio Emilia
Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna
Via dell’Oro 3 – 40124 Bologna tel. 051 333173 - 6440163 centriantiviolenzaer@women.it
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • luca

    26 Novembre @ 03.25

    Questa elevata garanzia istituzionale è a mio avviso solo un pretesto per non agire nel modo congruo e corretto nelle modalità in cui molti conflitti fra coppie nascono, lasciando da parte la violenza sui minori in ogni forma psicologica e fisica che a mio avviso sarebbe da punire con pene capitali... ritengo invece che le vicende che scaturiscono trà coppie siano da trattare in modo diverso. Per mia esperienza personale , mi sono separato su mia richiesta da mia moglie dopo 15 anni di matrimonio e 2 figli, dopo essere stato esasperato per soldi rapporti con i miei genitori e tutto ciò che riguardava la mia sfera al di fuori della famiglia vale a dire mi ha fatto terra bruciata attorno con i metodi più biechi e falsi. Per poi scoprire che la signora con tanta veemenza si allietava la vita spensierata con divertimenti inusuali per una madre di famiglia ivi compresi festini ecc.... ciò che mi stupisce che le belle istituzioni che probabilmente di queste cose ne sanno , forse perchè qualche politico le frequenta cosa fanno ...anzichè rivolgersi verso i mariti che hanno effettivamente subito angherie causa donne che arrivano stressate e complessate che non sanno più crescere poichè questa società se sei debole di testa ti aiuta a rovinarti, i politici, e i vari progetti che mettono in campo sono indirizzati verso la donna VITTIMA???? DI COSA?? DEL LORO SISTEMA? sistema che pur che si dica bunga bunga ....a ARCORE...esiste anche nella provincia nostra ma nessuno vuole scovare la MATRICE , piuttosto mettiamo al primo posto le "vittime" DONNE che a furia di farsi di cocaina stravolgono la vita delle famiglie e dei loro compagni o mariti, da molte indagini si scopre che la droga ormai e più al femminile che al maschile eppure nella massima ipocrisia tipica ecclesiale si vuol far credere che la MADRE è la MADRE...il PADRE un disgraziato...in particolare quando si separa e poi scopre il perchè si è separato......è ora di tutelare le famiglie non dai padri ma da un SISTEMA SFALDA FAMIGLIA INSTAURATO DA COLORO CHE ORMAI NE HANNO FATTO UN BUSINESS......CHIEDETEVI IL PERCHE EPUBBLICATE QUESTA LETTERA.....NE SCRIVERO ANCORA!

    Rispondi

  • mauro

    25 Novembre @ 15.52

    capita anche che donne straniere siano picchiate da uomini italiani e l'opposto. Quindi Massimo, prova a vedere come sono le percentuali tra i picchiatori. Ma insomma la vogliamo piantare. E poi e' tempo perso; se il violento e' negro prende gli stessi anni di un bianco. Mica siamo nel Mississippi

    Rispondi

  • Geronimo

    24 Novembre @ 22.11

    Massimo come al solito spari numeri a caso visto che la percentuale delle carceri non è fatta dal 40% di stranieri, comuqnue dai Monti sta dando effetti visto che fino a ieri contnuavate a dire che la percentuale era del 70... Il problema comuqnue quì è la violenza sulle donne, non la razza, a te evidentemente piace il fatto che siano il 40% delle donne perchè così puoi sfogarti contro quelli di sinistra o i buonisti, a me invece preoccupa il fatto che ci siano così tante donne ad aver denunciato perchè vuol dire che in fenomeno è ancora più ampio visto che in minima parte le donne hanno il coraggio di denunciare

    Rispondi

  • CLAUDIO

    24 Novembre @ 22.03

    Condanno senza ombra di dubbio chi usa violenza contro chiunque e specialmente contro le donne e i bambini,ma mi chiedo se esiste anche una difesa per l'uomo? Nelle separazioni di solito e l'uomo che deve pagare,ma se la moglie e un poco di buono? Avete mai pensato a questo? CLAUDIO LIBERO OPINIONISTA LAGOS NIGERIA

    Rispondi

  • massimo

    24 Novembre @ 18.31

    Interessante la percentuali di donne straniere no? evidentemente non sono così pacifici come dicono i radicali i cattocomunisti, buonisti....e comunque...la destra non sta facendo NIENTE per cambiare le cose anche perché così ha un punto...forse l'unico su cui fare una campagna elettorale...siamo un paese ridicolo. il 40 delle carceri ...fatta da stranieri e il 40% delle vittime di violenza...sempre straniere...con ogni probabilità vittime di connazionali....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

1commento

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

6commenti

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

10commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SIRIA

Raqqa è stata liberata Il video

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»