Parma

Morire per attraversare la strada: come intervenire?

Morire per attraversare la strada: come intervenire?
Ricevi gratis le news
15

Ancora emergenza incidenti: questa mattina quattro nel giro di pochi minuti. Per fortuna non ci sono state conseguenze gravi per le persone, ma il traffico ha subìto gravi conseguenze: guarda l'articolo correlato

LA TRAGEDIA DI VIA LANGHIRANO

Drammatico incidente ieri pomeriggio in via Langhirano. Una donna è stata investita da un'auto mentre attraversava la strada, all'altezza di via Pascoli.

L'incidente è avvenuto nei pressi di un passaggio pedonale, ma non è ancora chiaro se la donna investita fosso o meno sulle strisce. Le sue condizioni sono apparsa subito gravissime: la donna è stata trasportata  in Rianimazione, ma purtroppo i medici non hanno potuto fare nulla per evitare il decesso.

E' il secondo incidente mortale in città nel giro di pochi giorni, dopo quello di via Emilia ovest, dove un'auto aveva travolto una donna che attraversava a sua volta la strada: sulle strisce ma in bicicletta. L'investitore, come si può leggere nei servizi di Mara Varoli sulla Gazzetta di Parma, ha dichiarato che sarebbe stato abbagliato dal sole. ma al di là delle specifiche circostanze, che dovranno essere approfondite dagli accertamenti in corso sia sull'incidente di ieri che su quello di via Emilia ovest, il dato di fatto è che sulle strade della città si torna a morire. I tanti interventi sulla segnaletica, sui dossi e sull'illuminazione dei passaggi pedonali hanno dato in questi anni buoni risultati, ma ora l'emergenza incidenti sembra riaffacciarsi.

Ci sono problemi di scarsa informazione (come quelli che abbiamo segnalato per gli attraversamenti ciclo-pedonali) e ci sono problemi di comportamento: la velocità elevata di auto e moto, ma anche le imprudenze di ciclisti e pedoni. Occorre dare vita ad una urgente campagna di informazione e sensibilizzazione: Gazzettadiparma.it si mette a disposizione degli addetti ai lavori (Forze dell'ordine e amministrazione comunale). Ma anche noi cittadini possiamo e dobbiamo iniziare a fare la nostra parte, con più prudenza. Per evitare che quella sulle strade torni ad essere una strage.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianni c.r.i. Parma

    06 Ottobre @ 13.43

    "Credo sia utopistico pensare di non aver pedoni investiti sulle strade in genrale. Io personalmente come soccorritore penso che il ns. problema non siano i pedoni ma gli automobilisti e mi ci metto anch'io. Un esempio ?? Basta guardare quando una persona si accinge ad attraversare la strada, spesso anche sulle striscie le macchine non si fermano e si limitano ad evitare la persona. E' questo il punto si pensa che sia sufficiente non investirla !!!! Mentre bisognerebbe lasciare anzi spazi fra il veicolo ed il pedone proprio per far in modo che gli imprevisti e le situazioni imprevedibili possano essere gestite in sicurezza. Il caso di sabato è effettivamente abbastanza raro, bassa velocità, urto non ad alto impatto cinetico, persona anziana, caso limite. La prevenzione passa attraverso molti fattori, noi sulle strade siamo agitati e nervosi sempre, e l'agitazione ti porta alle imprudenze è nella nostra cultura !!!!!!! Gianni "

    Rispondi

  • Anna

    06 Ottobre @ 11.27

    Viaggiare sulle strade è come percorrere un campo minato. Come pedone rischi di stare tre ore ad aspettare che qualcuno si ricordi che le striscie servono per farti attraversare, come ciclista viaggi su marciapiedi trasformati in piste ciclabili grazie a due latte di vernice amaranto, come automobilista devi stare attento a pedoni, ciclisti, automibilisti sempre di corsa e che non conoscono le regole della strada. Perchè magari, non far fare un piccolo test per il rinnovo della patente, sulla teoria della guida? O regalare insieme alla bicicletta nuova che uno compra anche un opuscolo su come si guida la bici in città? Bisogna che tutti conoscano le regole: certo che finchè i cittadini automobilisti, pedono e ciclisti temono i vigili solo perchè ti danno la multa perchè sei fuori dalle righe blu o perchè fai i 75 km/ora in tangenziale, nessuno si preoccuperà di rispettarle. Perchè l'idea è che le multe te le diano solo per fare cassa, e non perchè hai tenuto un comportamento sbagliato.

    Rispondi

  • Ghiso

    06 Ottobre @ 07.59

    concordo pienamente con Francesco. Ad esclusion fatta per il pezzo di ciclabile di via san leonardo tra la tangenziale e via Venezia che é veramente un percorso di guerra. Ma ci sono casi in cui i ciclisti minano la loro incolumitá. Es quando su via San Leonardo passano sotto la tangenziale alcuni non usano la ciclabile ma stanno o in mezzo tra corsia di marcia e svincolo o addirittura stanno sullo svincolo costeggiando il muretto per poi tagliare la corsia per portarsi sulla corsia che prosegue per via San Leonardo, e il tutto senza guardare! Inoltre che senso aveva fare una ciclabile lato rotatoria a barriera Repubblica? C'era giá quella sul marciapiede che é meno pericolosa e nonostantetutto ancora dei ciclisti tagliano la rotatoria come se fosse una strada perfettamente dritta... Sugli attraversamenti si prendono la precedenza, perché anche se ce gli automobilisti devono dargliela io prima di buttarmi ad attraversare a tutta velocitá rallento e guardo che me la diano: ci tengo alla mia vita. Ma tanto se succede un incidente per lo piú é sempre colpa di chi guida l'autoveicolo... Un po di sonore multe a pedoni e ciclisti ci vorrebbero

    Rispondi

  • Francesco

    05 Ottobre @ 17.48

    Ha perfettamebnte ragione l' articolo della Gazzetta. E' indispensabile ed urgente un' opera d' informazione e sensibilizzazione degli Utenti della Strada , compresi pedoni e ciclisti che imperversano sulle strade di Parma, oltre, naturalmente, agli automobilisti. La storiella dell' "Utente Debole" è inconsistente. Un automobile è un "Utente Debole" se paragonata ad un autotreno. Anche le biciclette sono veicoli e devono rispettare il Codice della Strada come i TIR . In particolare : NON DEVONO TAGLIARE LA STRADA AGLI ALTRI ATTRAVERSANDO SULLE STRISCE PEDONALI E PRETENDENDO DI AVERE LA PRECEDENZA ! LA PRECEDENZA L' HANNO SOLTANTO SE SI TRATTA DI UN PASSAGGIO CICLOPEDONALE APPOSITAMENTE SEGNALATO COI "QUADRONI" DI FIANCO ALLE STRISCE ! ALTRIMENTI IL CICLISTA SULLE STRISCE COMMETTE UN' INFRAZIONE ; E NON HA NESSUNA PRECEDENZA ! DEVONO VIAGGIARE A DESTRA , E NON , CONTROMANO, SULLA SINISTRA O IN MEZZO ALLA STRADA ! DEVONO RISPETTARE I SENSI UNICI ED I SENSI VIETATI ; SALVO ECCEZIONI SPECIFICATE ! DEVONO RISPETTARE LE PRECEDENZE E GLI "STOP" ! DEVONO VIAGGIARE SULLE PISTE CICLABILI , DOVE CI SONO , E NON ZIGZAGARE SCAMPANELLANDO SUI MARCIAPIEDI , METTENDO IN PERICOLO I PEDONI ! SE NON C' E' PISTA CICLABILE DEVONO VIAGGIARE SULLA STRADA . I PEDONI, A LORO VOLTA , DEVONO RICORDARSI CHE HANNO L' OBBLIGO DI ATTRAVERSARE SULLE STRISCE , QUANDO CE NE SONO A MENO DI CENTO METRI DI DISTANZA. SE ATTRAVERSANO FUORI DALLE STRISCE NON HANNO LA PRECEDENZA , MA SONO LORO A DOVERLA DARE ! I VIGILI URBANI DEVONO FINALMENTE DECIDERSI , SE VOGLIONO TUTELARE L' INCOLUMITA' DELLA GENTE , A DARE SACROSANTE MULTE ANCHE AI CICLISTI E AI PEDONI ! SONO ANNI CHE SI SEGNALA LA MORTALE PERICOLOSITA' DELL' ATTRAVERSAMENTO ABUSIVO DEI CICLISTI SULLE STRISCE PEDONALI ! CI VOLEVANO I MORTI PER OCCUPARSI DELLA QUESTIONE ? FINISCO CON UNA PROFEZIA : FRA POCO ACCADRA' CHE QUALCHE PEDONE , MAGARI ANZIANO E CON DIFFICOLTA' DI DEAMBULAZIONE, SARA' UCCISO , INVESTITO DA UNA BICICLETTA, SU UN MARCIAPIEDI , SE I VIGILI NON SI DECIDERANNO A MULTARE SONORAMENTE I CICLISTI CHE FANNO LO SLALOM IN MEZZO AI PEDONI !

    Rispondi

  • paola

    05 Ottobre @ 14.03

    Propongo di inserire una nuova materia obbligatoria dalla scuola dell'infanzia: l'assunzione di responsabilità. Non è corretto attribuire in toto responsabilità generiche e generali a qualsiasi Istituzione. Attraversare la strada in sicurezza è un diritto che implica chiaramente delle norme/doveri. Da automobilista mi è capitato di mettere a repentaglio la mia incolumità o la mia auto a causa dell'imprudenza (menefreghismo?) di qualche pedone. Da pedone ho rischiato di essere investita più volte. Ma sarei disonesta e irresponsabile se non ricordassi le volte ( poche per fortuna e senza conseguenze) in cui ho visto all'ultimo momento un pedone attento o che ho trovato un automobilista attento che ha superato una mia negligenza da pedone. Cosa c'entra dunque l'Amministrazione comunale? Eppure io sto esattamente dalla parte opposta (politicamente)...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

STADIO TARDINI

Il Parma col Cesena punta alla cinquina Diretta dalle 15

I crociati hanno vinto le ultime quattro gare in casa ma i romagnoli sono in gran forma con un attacco prolifico. Fuori Munari, gioca Dezi

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260