12°

22°

Parma

Movida, cambiano le regole: musica spenta alle 22

Movida, cambiano le regole: musica spenta alle 22
Ricevi gratis le news
30

Limitazione degli orari, delle emissioni sonore e di esercizio delle attività; intensificazione dei controlli da parte della polizia municipale; servizio di lavaggio delle strade interessate; coinvolgimento degli esercenti nella gestione degli impatti dell’attività: sono alcuni dei provvedimenti che verranno introdotti dal Comune di Parma dal 15 dicembre, per far sì che la movida «tenga in adeguata considerazione le esigenze dei cittadini residenti».

Il commissario straordinario Mario Ciclosi ha deliberato linee di indirizzo rivolte ai responsabili delle strutture comunali competenti affinché predispongano provvedimenti in merito all’impatto del fenomeno movida e delle attività di somministrazione di alimenti e bevande nel centro storico, anche in relazione alla tutela del patrimonio monumentale.

I PROVVEDIMENTI NEL DETTAGLIO. Per risolvere le criticità, dice un comunicato del Comune, "sono state individuate alcune misure idonee, che verranno definite con appositi provvedimenti, come la limitazione degli orari di diffusione sonora (alle 22 eliminazione delle emissioni in esterno, alle 23,30 spegnimento della musica di sottofondo in interno), la taratura e la sigillatura dei limitatori installati, seguita da collaudo di Arpa, e la limitazione degli orari di esercizio dell’attività, con applicazione differenziata a seconda delle problematiche evidenziate dai singoli ambiti territoriali.
Saranno intensificati i controlli da parte della polizia municipale, specialmente in orari serali, e verranno elevate multe al fine di sanzionare i comportamenti non rispettosi delle norme vigenti di convivenza civile. Sarà vietato, in determinati ambiti, l’avvio di nuove attività di somministrazione di alimenti e bevande. Verrà, poi, anticipato al momento della chiusura degli esercizi commerciali il servizio di lavaggio delle strade interessate. Gli esercenti saranno chiamati, altresì, a un maggiore coinvolgimento nella gestione degli standard di servizio e degli impatti derivanti dall’attività (cura dello spazio pubblico concesso in occupazione, informazione e responsabilizzazione della clientela al fine di un maggior rispetto dell’ambiente e della riduzione degli effetti sonori sullo stesso ecc.)".

SPERIMENTAZIONE FINO AL 31 DICEMBRE. I provvedimenti, che avranno carattere sperimentale fino al 31 dicembre e interesseranno in primo luogo l’area di via Farini, «si inseriscono - spiega un comunicato del Comune - nel disegno complessivo di valorizzazione dell’attrattività del centro storico, garantendo, al contempo, condizioni di vivibilità per i residenti e l’opportuna tutela delle aree monumentali, in osservanza delle normative vigenti. Al termine della sperimentazione - che si effettuerà in un periodo, quello natalizio, intenso per le attività di intrattenimento e svago in centro - saranno valutati gli esiti e disposte, eventualmente, ulteriori indicazioni di dettaglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • "I'm not a questurino"

    12 Dicembre @ 09.21

    Non lo so, sono combattuto. Ho 50 anni e sicuramente la "età da movida" ahimè non ce l'ho più da un pezzo però ho un figlio che quasi ce l'ha; da una parte comprendo chi sopra questi locali ci abita, dall'altra bisogna ammettere che se togliamo anche da quella parte di centro i luoghi di aggregazione di giovani, lasciamo tutto il centro storico a chi ce l'ha già in mano da piazzale della pace alla stazione.......e certo questo mi piace ancora meno. Quest'estate sono stato un paio di volte in Via D'Azeglio, dove la "Movida" era a fascia di età un più allargata e non era difficile vedere anche famiglie con bambini; si respirava un'aria allegra e spensierata, e francamente di qualche ora di spensieratezza ce ne è proprio bisogno. Abbiamo una bellissima città, perchè non la si può vivere anche così ? Certo, l'educazione deve essere il dato di base imprescindibile, e se i nostri ragazzi quando sono fuori dal nostro controllo fanno i "coglioni" beh, è giusto che qualcuno li rimetta in carreggiata, però effettivamente quello delle 22 mi sembra un orario davvero un po' troppo restrittivo. Sono infine dell'idea, che il "Servizio d'ordine" dovrebbe essere obbligatorio e a carico degli esercenti che da quegli avventori traggono profitto. D'altronde il tutto si svolge in 500 metro di strada, se si mettessero d'accordo, mettere in piedi un controllo organizzato non gli costerebbe certo una fortuna.

    Rispondi

  • Edward Bunker

    12 Dicembre @ 08.00

    La movida non mi fà più godere....

    Rispondi

  • goccia-goccia

    11 Dicembre @ 22.42

    Bhe allora a questo punto chiudete tutti i locali dopo le 18..

    Rispondi

  • Pai

    11 Dicembre @ 22.41

    Qui l'ignorante è Pot.... e non solo ignorante e maleducato, proprio gli manca qualcosa visto che non si rende conto di cosa sia la libertà....... degli altri!

    Rispondi

  • hombre

    11 Dicembre @ 21.01

    con la differenza che a Siviglia la movida inizia alle 22...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»