Parma

Scala, nel segno della libertà un disinvolto "Don Giovanni"

Scala, nel segno della libertà un disinvolto "Don Giovanni"
Ricevi gratis le news
1

MILANO
NOSTRO SERVIZIO
 Gian Paolo Minardi 
Tra i vari interrogativi che «Don Giovanni» pone al regista - non meno che al direttore, agli interpreti, ad ogni ascoltatore - vi è quello, essenzialmente pragmatico, dovuto ai tanti cambi di scena imposti dal libretto con un’azione che invece procede sospinta da un ritmo frenetico; problema che Robert Carsen in questo allestimento concepito espressamente per la Scala ha risolto con estrema disinvoltura insinuandosi direttamente nel teatro, che ha fatto scenicamente proprio con un gioco immaginifico indubbiamente estroso: senza apparente novità.
 Personaggi che si muovono tra gli spettatori come pure scene che coincidono con le normali operazioni di attrezzeria di palcoscenico sono ormai un espediente corrente cui si ricorre anche nei teatri di provincia, magari con l’alibi del risparmio. Tuttavia che un personaggio, guarda caso il Convitato di pietra, entri nel palco reale, tra il Presidente della Repubblica e quello del Consiglio, rimane pur sempre un colpo di teatro non comune. Per dire della scorrevolezza di uno spettacolo concepito nel segno della 'libertà', messaggio affidato al protagonista che sprigiona la sua natura indomita fin dall’inizio, appena iniziata l’«ouverture», quando - scambiato magari dal pubblico come un affannato ritardatario - attraversa la platea e salta sul palcoscenico strappando il sipario per mostrare la scena, che non è altro che quella della Scala stessa, poi in diverse angolazioni materiale di base di questo allestimento; e ancora quando nel finale riaffiora beffardo con una sigaretta in bocca dietro i sei disorientati personaggi, destinati, essi sì invece, alle fiamme infernali. Come dire, «tutti gabbati» in quanto Don Giovanni rimane, come un mito indistruttibile.
 Libertà, dunque, come filo conduttore di questa lettura disinvolta, che inizia subito con l’esorcizzare quel tormentone non poco inquietante sull'atteggiamento di Donna Anna: non 'forzata', secondo Carsen, ma pienamente consenziente viste le contorsioni appassionate sul letto della prima scena, davvero la «vis grata puellis» del diritto romano, il che cambia di non poco la prospettiva emotiva. L’inconscio, appunto, croce e delizia della infinita bibliografia fiorita attorno a quest’opera, spazzato via da un più tangibile segnale, quello dell’erotismo che Carsen sottolinea con insistita disinvoltura, attraverso quel continuo spogliarsi di Donna Elvira che appena può si mette in sottoveste, fino alla nudità della sua giovane servetta concupita da Don Giovanni travestito da Leporello.
Gestione registica e scenica disinvolta, minimalista addirittura, che è parsa trovare un riscontro in quella musicale di Barenboim, teso ad assecondare questo ritmo rappresentativo per assicurare l’immediatezza della comunicazione; sfidando qualche rischio di genericità - come del resto quando siede alla tastiera - percepibile nella non sempre esemplare precisione degli assiemi e nella stessa calibratura del suono dell’orchestra, ridotta nei ranghi secondo una misura settecentesca, non proprio trasparente. Era avvertibile, nel contrasto delle dinamiche quanto nella regolazione dei tempi (quel 'troppo lento' gridato da un loggionista, per quanto inopportuno poteva avere un senso), come l’idea di quello stile che per Mozart è un regno segretissimo, ineffabile, si stesse sfrangiando. Inevitabile e imprescindibile, del resto, il confronto con le voci: quella della Netrebko, sontuosa per ricchezza di colori, per quel suono avvolgente entro cui la parola pareva affogare; non proprio mozartiana. Lo era di più, anche se non esente da qualche difficoltà Barbara Frittoli, Donna Elvira appassionata e esagitata. Accattivante per spregiudicata eleganza il protagonista, Peter Mattei ,affiancato da un doppio di segno più pittoresco, efficace, il Leporello di Bryn Terfel. Misurato il Don Ottavio di Filianoti, bel fraseggio, trasparente pronuncia, anche se un po' povero di sostanza. Nella norma il Commendatore di Kwangchul Youn e la Zerlina aggraziata di Anna Prohaska, troppo ruvido il Masetto di Stefan Kocan.
Un successo comunque annunciato (solo alla fine qualche brivido di Bareiboim e Carsen), anche grazie alla sapiente 'suspence' creata furbescamente dalle anticipazioni del regista e dalla disinvolta disponibilità di quel grande comunicatore che è Barenboim, ormai non più 'maestro scaligero' ma più consolidato 'direttore musicale' del nostro massimo teatro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • italo

    11 Dicembre @ 09.37

    una esecuzione nuova e meravigliosa

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mago Gigo

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

1commento

Lealtrenotizie

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

incendio

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

3commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

PALLAVOLO A/2

Gibertini: «Il mio tris in Coppa Italia»

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

METEO

Ondata di gelo: il Burian siberiano verso l'Italia

Allarme

In dieci anni 166 medici in pensione

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

8commenti

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

1commento

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day