12°

Parma

Cinquant'anni fa la bomba che sfregiò il Partigiano

Cinquant'anni fa la bomba che sfregiò il Partigiano
Ricevi gratis le news
1

Enrico Gotti

Cinquant'anni fa l’attentato al monumento al Partigiano in piazza della Pace, compiuto con una bomba a orologeria. Sfregio alla memoria della Resistenza, ad opera di un ragazzo di 18 anni, studente liceale: Ettore il suo nome di battesimo, che oggi vive nel Parmense.
«Quel fatto ha segnato tutta la mia vita», racconta. «Sono stato al confino per tre anni, non potevo stare in Emilia Romagna. Hanno cercato di farmi la pelle. Nel luglio del ‘62 ero a Taranto - ricorda, nella sua casa, fra centinaia di statue e oggetti raccolti nel continente africano, dove ha lavorato come corrispondente in zone di guerra -. A Taranto un uomo mi aspettava davanti a casa. Avevo notato che mi seguiva, il viale era vuoto, c’eravamo solo io e lui. Allora ho fatto retromarcia. Mi sono infilato in un cantiere, sono corso incontro a dei muratori. Ho telefonato alla polizia e poi sono tornato verso la palizzata. L’uomo che mi seguiva ha nascosto una Beretta calibro 9 ed è venuto verso di me. Gli sono andato incontro, mi hanno seguito i muratori, quando lui li ha visti se n'è andato. Ho ancora la sua faccia stampata in mente».
La bomba scoppiò l’8 novembre 1961, alle 20.45. La statua del partigiano fucilato, opera dello scultore Marino Mazzacurati e dell'architetto Guglielmo Lusignoli, fu sollevata dal suolo, scardinata e bucata. Non ci furono vittime. Erano gli anni del boom economico, ma anche di scontri e di una guerra mai spenta. Il presidente della Repubblica, Gronchi e l’Anpi offrirono 10 milioni di lire di ricompensa a chi avesse trovato i dinamitardi, una cifra che all’epoca valeva qualche appartamento. Dopo un mese, il primo dicembre, la polizia arrestò il diciottenne liceale del Maria Luigia, reo confesso. Unico responsabile, ma in realtà l’attentato fu eseguito da due persone, l’altro era un ex ufficiale ungherese, che aveva preso parte alla rivolta a Budapest ed era stato condannato a morte.
«Eravamo in due ma hanno preso solo me. La taglia, che faceva molta gola, quasi sicuramente è stata intascata da un personaggio della cultura parmense, che era amico di questo ungherese. Entrambi non ci sono più oggi». Tre anni di confino, nove mesi di condanna per l’attentato. «Se tornassi indietro, ci penserei due volte a fare l’attentato. Ma allora avevo un motivo. Il monumento al partigiano era ai miei occhi l’elogio della guerra civile, l’esaltazione della lotta fratricida», dice Ettore, che era stato espulso dall’Msi, già prima della dinamite, per dissidenza politica estremista.
Usa quella definizione, «guerra civile», che alle associazioni partigiane pare riduttiva per raccontare una battaglia che ha portato alla liberazione dall’occupazione nazifascista. «Oggi non c’è più la battaglia fra fascisti e antifascisti. Noi eravamo quattro gatti, avevamo a che fare con le masse, con piazze intere», ricorda Ettore.
«Io avevo iniziato a 13 anni, nel ’56, dopo la rivolta in Ungheria repressa dalle truppe sovietiche. Non è venuta dalla mia famiglia. Mio padre era apolitico, mio nonno era socialista. Le contrapposizioni di oggi non sono assolutamente paragonabili a quelle di ieri. Chi non è vissuto in quegli anni non può capire. Lo scontro è finito con il crollo delle ideologie: noi avevamo illusioni, che nel tempo non hanno avuto riscontro nella realtà, ma per noi erano vere. Le nuove generazioni sono state svuotate, non hanno più illusioni».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lele

    10 Dicembre @ 21.07

    Quanti morti assassinati hanno fatto i partigiani anche dopo la guerra?Conoscete i fratelli Govoni?No lo so,informatevi!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS