22°

Parma

Armellini contro Bernazzoli: "Il suo programma è un inno all'ipocrisia"

Ricevi gratis le news
0

“Il programma di Bernazzoli alle primarie è un inno all’ipocrisia che sfiora il ridicolo se lo si paragona a come il Presidente della Provincia di Parma ha amministrato fino ad ora”. Con queste parole inizia il commento del Capogruppo del PDL in Consiglio provinciale Gianluca Armellini riguardo il manifesto elettorale del candidato alle primarie del PD Vincenzo Bernazzoli. 
“Al di là dei dubbi sull’obiettivo di marcare generalmente un senso di discontinuità rispetto ad un passato recente nel quale la città di Parma, proprio perché non amministrata dal centro sinistra, ha fatto un enorme salto di qualità in tutti i settori – ha quindi proseguito Armellini – Bernazzoli caratterizza il suo manifesto con tutto il contrario di quello che ha fatto amministrando la provincia. Il Presidente della Provincia in questi otto anni di sua amministrazione non è stato certo un modello di partecipazione inclusiva. Rarissimi sono stati i casi in cui le scelte della sua amministrazione siano state condivise: nella grandissima maggioranza dei casi proprio lui ha calato dall’alto decisioni, ispirate e concordate con poteri aventi forti interessi in campo, che molto forzatamente la sua stessa variegata maggioranza ha dovuto accettare. In alcune circostanze, comunque, vi sono state anche rotture da parte di alcune componenti dello stesso centrosinistra che non volevano subire supinamente i suoi diktat. Non ritengo che si possa parlare di esperienza di buona amministrazione visto come l’azione amministrativa della giunta guidata da Bernazzoli sia costellata da sprechi, irregolarità e ingiusti privilegi molto spesso contestuali che noi abbiamo evidenziato, purtroppo molto isolati, dai banchi dell’opposizione. Non mancano inoltre le clamorose scelte sbagliate: quelle viabilistiche con rotonde inutili in mezzo alla campagna o strade molto più costose e meno funzionali di quanto avrebbero dovuto essere, quelle su pianificazioni urbanistiche e commerciali sconsiderate. Sull’inceneritore non è ancora chiaro se Parma brucierà i rifiuti di Reggio. Certo poi che la Provincia di Parma non ha debiti perché chi non investe non si indebita ma non fa nemmeno servizi per i suoi amministrati e l’amministrazione provinciale di Bernazzoli è stata un campione del non fare. Non ci si può certo fidare di chi invece di fare investimenti sul territorio ha preferito impegnarsi in speculazioni a perdere come appunto nel caso dei derivati finanziari dove le perdite della Provincia di Parma sono ormai giunte a  2 milioni di euro. “La candidatura di Bernazzoli quale capo di partito del PD e il suo manifesto non sono credibili, ancora di più di tutta la campagna ideologica e  strumentale degli altri candidati alle primarie del centrosinistra, perché rappresentano un salto nel passato più buio, nella storia politico amministrativa della nostra città – ha concluso il capogruppo provinciale PDL – Con Bernazzoli si torna indietro a quelle amministrazioni della sinistra che avevano come priorità la difesa ideologica del partito e la sudditanza verso la madre Bologna con il risultato finale, che a Parma si era creata una situazione di totale e generale immobilismo”.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

4commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

CATALOGNA

200mila manifestanti in piazza a Barcellona

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»