Parma

Rianimazione: Mergoni lascia dopo 9 anni

Rianimazione: Mergoni lascia dopo 9 anni
Ricevi gratis le news
2

Monica Tiezzi

Da nove anni al timone della Prima Anestesia e rianimazione dell'ospedale Maggiore, Mario Mergoni, 62 anni,  lascia l'incarico  domani. Originario di Salsomaggiore, Mergoni si è laureato nel 1975 a Parma, dove ha conseguito la specializzazione in anestesia e rianimazione e poi in nefrologia e tecniche dialitiche. Nel 1977 ha cominciato a lavorare nella rianimazione del Maggiore, nell'86 è stato nominato aiuto corresponsabile e poi ha conseguito l'idoneità al primariato,  sempre a fianco di Paolo Zuccoli,  cui è succeduto. Ha diretto il reparto negli anni nei quali si è consolidato - all'interno del sistema   regionale integrato di assistenza  ai pazienti traumatizzati -  il ruolo del Maggiore come  «trauma center» dell'Emilia occidentale;  ha dato il via alla collaborazione con il Centro ustioni dell'ospedale (anche questo  centro di riferimento per l'Emilia occidentale) per garantire la prima accoglienza in terapia intensiva e la stabilizzazione dei pazienti poi destinati al centro;  ha  caldeggiato e ottenuto l'arrivo di due  «Ecmo», apparecchiature avanzate per l'ossigenazione extracorporea a membrana, che hanno permesso di salvare molte vite e che a settimane saranno sostituite con altre due di nuova generazione.

Dottor Mergoni, fra l'anestesia e la rianimazione, quale settore ha la «parte del leone» nel  servizio?
Sono  settori  per molti aspetti complementari e la divisione non è netta. In un anno curiamo fra i 650 e i 700 pazienti in terapia intensiva (670 nel 2010, 701 nel 2009), e i medici del reparto forniscono fra le settemila e ottomila prestazioni di anestesiologia nelle varie chirurgie del Maggiore. Ma il medico anestesista negli ultimi anni lavora sempre più spesso anche fuori dalla sala operatoria, in parallelo  all'aumento delle tecniche chirurgiche mini-invasive ed endoscopiche e degli esami diagnostici invasivi e dolorosi. Oggi viene richiesto l'anestesista, per fare qualche esempio, nell'endoscopia digestiva, in radiologia, broncologia, toracoscopia, pediatria. E nella prospettiva di un «ospedale senza dolore», la presenza degli anestesisti è destinata ad aumentare ancora.

«Rianimazione» è  parola che spaventa, evoca  l'ultima spiaggia della medicina per salvare una vita. Con quale stato d'animo lavorate? 
In un clima sereno. C'è una buona collaborazione fra medici e fra medici e   infermieri. E  mi lasci dire che in questo reparto abbiamo un gruppo di infermieri   preparati e motivati che voglio ringraziare: sono figure fondamentali, sempre vicine al malato, cosciente o meno, in grado di offrire supporto psicologico oltre che cure. Il nostro non è un reparto dove aleggia la morte, ma la vita. L'80% dei nostri pazienti sopravvive e abbiamo avuto risultati di grande soddisfazione in traumi, patologie neuro-chirurgiche, tumori ed emorragie cerebrali. Potrei fare tanti esempi.
 

Li faccia.
Ricordo, oltre venti anni fa, una bambina di sei anni caduta d'inverno, la sera, in un canale pieno d'acqua. Fu trovata dal padre dopo lunghe ricerche e quando arrivò da noi, fradicia e gelata,  era in arresto cardiaco ed ipotermia. Io e Zuccoli iniziammo la rianimazione,  spinti più dalla pietà che dalla convinzione che ce l'avrebbe fatta. E invece,  inaspettatamente, il cuore riprese a battere. Quella bambina è sopravvissuta, anche se con problemi motori e di linguaggio. Più recentemente, abbiamo lottato per quattro settimane con un bimbo  di pochi anni vittima di un incidente domestico:  aveva  ustioni gravi sul 50% del corpo, temevamo non ce la facesse. Invece  ha ripreso coscienza,  ed era vivacissimo. Giocava con tutto quello che aveva a portata di mano, osservava dalla finestra delle gru al lavoro, ce le indicava. Quando ancora oggi ci viene a trovare, è sempre una gioia. Mi ha molto colpito e coinvolto anche la vicenda di un quarantenne diventato paraplegico  dopo un incidente stradale. Muoveva solo i muscoli facciali,  ma aveva tanta voglia di vivere che si era fatto costruire una carrozzina a motore che si  guidava  grazie ad un boccaglio. Con  quella carrozzina era indipendente, si muoveva in città, andava al ristorante e in vacanza, assistito in modo eroico dai familiari. Ha avuto  una vita piena.

E quando  non ci sono speranze? Qualche paziente, o i loro familiari, vi hanno mai chiesto di «staccare la spina»? 
Non spesso, ma è capitato. Così come a volte capita il contrario: familiari che chiedono di fare tutto, anche oltre le ragionevoli aspettative di successo. Il fine vita è materia su cui abbiamo esperienze contrapposte, e il confine fra appropriatezza e accanimento terapeutico è grigio e indefinito. Occorre parlare molto con i familiari, vagliare con molto scrupolo le prospettive di successo dei possibili percorsi assistenziali   e decidere  assieme  non la sospensione di terapie,  se da esse dipende direttamente  il mantenimento della vita, ma eventualmente di non intraprendere  percorsi terapeutici manifestamente inutili per il paziente. Non eutanasia, quindi, ma appropriatezza o meno  di certe scelte terapeutiche o assistenziali.

Come si affronta il dolore di chi, magari inaspettatamente, perde un familiare? Si riesce, ad esempio, ad affrontare serenamente il tema della donazione di organi?
Il rapporto con i familiari è sempre delicato. Occorre dare speranza,  pur fornendo informazioni corrette, cercare di tirarli fuori dall'abisso della  disperazione, e quando la situazione è grave spiegare le cose in modo rispettoso. A volte dobbiamo anche contenere reazioni non sempre controllate. La notizia del decesso viene data con il supporto di una psicologa: è necessario parlare e spiegare perchè la morte venga elaborata. Poi  - se il deceduto non ha lasciato chiare volontà in merito - viene l'eventuale richiesta di donazione. Le opposizioni sono molto calate negli ultimi anni e ora siamo uno dei centri regionali con il più alto numero di donazioni. Nel 2010, su 37 morti encefaliche nel nostro reparto, abbiamo individuato 29 potenziali donatori: solo in sette casi è stata fatta opposizione all'espianto.

Per la nuova direzione del reparto è già stato bandito un concorso. Cosa si aspetta dal nuovo primario?
Che continui a portare  avanti tutto il lavoro intrapreso finora. E che sia migliore di me.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ubertisilvia

    03 Gennaio @ 23.42

    un medico molto valido e il suo lavoro lo faceva con il cuore e mi dispiace che si sia dimesso da quel ruolo

    Rispondi

  • ALAN RISOLO

    31 Dicembre @ 12.27

    Un uomo da stimare

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

7commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

28commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS