-2°

Parma

La Befana vien di notte... Riti e tradizioni

La Befana vien di notte... Riti e tradizioni
Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio

Mai e poi mai fare gli auguri ad una donna nel giorno dell’Epifania, sarebbe come affibbiarle della «befana».
La Befana, come vuole la tradizione,  è rappresentata come  una brutta vecchiaccia dal naso adunco, gonnellone  ampio e scuro, grembiule con le tasche tappezzato di toppe, uno spesso scialle nero, un fazzolettone o un capellaccio  in testa e un paio di ciabatte consunte. 
Per di più la Befana soffre di alitosi in quanto l’usanza vuole che abbia  « al fiè c’ al spussa d’aij».
C’è chi sostiene che il nome «befana» sia una storpiatura  popolare di Epifania, comunque le sue origini  si perdono  nella notte dei tempi.
La Befana, sotto il profilo esoterico,  è brutta in quanto rappresenta  la natura spoglia che in primavera si rinnoverà mentre  la sua figura laida e non certo accattivante diventa un simbolo sacrificale in quanto rappresenta  la parte dell’anno che abbiamo lasciato dietro le spalle con tutte le sue pene.
Da qui l’usanza di bruciarla nei grandi  falò della notte dell’Epifania. Per la nostra gente dei campi,  i falò dell’Epifania erano propiziatori  in quanto  invocavano  la generosità della terra madre.
Era l’arcana «nòta äd fazagna».
Una notte magica dove le tenebre, lentamente,  dovevano cedere il passo alla luce che avrebbe avuto la propria schiacciante  vittoria nel solstizio  estivo.
Da qui l’antico saggio popolare «Pasqua bifagna al giorèn se slonga ‘l sält d’na cagna». Il «fär fazagna» dalle nostre parti, in modo particolare nella pedemontana, era un rituale scaramantico  di antichissime origini utilizzato per propiziare un buon raccolto di frutta.
E se i bambini, in quella notte arcana, attendevano che la calza accanto al camino fosse riempita dalla Befana con qualche giocattolo di legno o di latta, un paio di torroncini, il solito mandarino, una manciata di castagne secche e alcune caramelle, gli adulti e i giovanotti erano impegnati nel rito della «fazagna».
Cosa voglia dire «fazagna» non è ben chiaro, anche se questo strano vocabolo figurava in un’antichissima tiritera che i nostri nonni  recitavano all’imbrunire o dopo la mezzanotte del 5 gennaio. Era infatti tradizione che, appena scese le tenebre, i contadini armati di fiaccole, si portassero nei campi e lì processionalmente procedessero tra la neve cantilenando attorno alle piante da frutta : «fazagna fazagnòn tutt’ i broc un cavagnòn».
Un’altra nenia quasi simile era la seguente: «Pasqua bifagna tutt’i broc ‘na cavagna». In alcune località, sempre nella notte dell’Epifania, falò venivano pure appiccati nei campi con l’intento di scacciare possibili negatività che in qualche modo avessero intaccato i semi e le piante in fase di lenta germogliazione.
I nostri vecchi, dunque, si affidavano alla sacralità del fuoco, fedele e antico alleato del loro lavoro e delle loro fatiche. Nella notte dell’Epifania i contadini cercavano, con un espediente un po’ ingenuo e ammantato di singolare candore d’animo, di tutelare i germogli dalle insidie del gelo e della «galabruza».
Al termine di questi riti esoterico-scaramantici che fondavano le loro radici nella nebbia del tempo, i contadini, dopo la rituale cena della vigilia dell’Epifania a base di minestrone col «gras pist» nel quale la «rezdora» «buttava giù» i «maltagliati» fatti con la «fojäda» avanzata degli anolini di Natale e per secondo piedini di maiale bolliti per quelle famiglie che avevano già ucciso al «nimèl», si radunavano nelle stalle, il salotto agreste delle invernate padane, per scaldare ossa, ugole e orecchie con vin brulè accompagnato da qualche dolcetto che la «rezdora» aveva preparato per l’Epifania.
E questi dolcetti, tradizionalmente,  erano i  tortelli dolci fatti di pasta frolla e ripieni di marmellata  di susine e amaretti inzuppati  in cognac o marsala.
I tortelli  venivano messi in forno per la cottura e quindi sfornati e deposti in terrine, imbiancati di zucchero a velo e coperti da candidi «boras».
Dopo il rito della «fazagna», venivano gustati da uomini, donne, vecchi e ragazzi accompagnati da vino bianco. Mentre invece  nelle cucinone, accanto al camino dov’era appesa la calza,  e dove la Befana  avrebbe dovuto deporre i miseri doni per i bambini, veniva lasciata un po’ di «panadella» in quanto la vecchia,  essendo sdentata,  non poteva certo mangiare cibi solidi come appunto i tortelli dolci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

TV PARMA

Parma calcio, stasera a Bar Sport parla la società: in studio Malmesi

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

PARMA

Cinquanta ragazzi di Baganzola a scuola... di golf Foto

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

1commento

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

GAZZAFUN

Tutti 18enni: ecco un nuovo quiz della patente

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto