10°

Parma

Sant'Ilario: ecco i premiati Medaglie a Maria Grazia Beccari e Carlo Gabbi

Sant'Ilario: ecco i premiati Medaglie a Maria Grazia Beccari e Carlo Gabbi
Ricevi gratis le news
23

Due le medaglie d’oro e quattro gli attestati di civica benemerenza che verranno consegnati  oggi alle 16 dal commissario straordinario del Comune Mario Ciclosi durante la cerimonia di festeggiamento civile del santo patrono della città.

Il Comune spiega che "le medaglie d’oro vanno a Maria Grazia Beccari che, come infermiera di corsia in un reparto molto sensibile dell’ospedale, adempie ogni giorno con professionalità e umanità a un compito particolarmente delicato, e a Carlo Gabbi che attualmente, come presidente della Fondazione Cariparma, profonde il suo impegno per la crescita della società civile, nei vari settori: sociale, culturale, scientifico ecc.".

Gli attestati di civica benemerenza vanno all’associazione Giocamico onlus per i sorrisi che porta fra i bambini ricoverati in Ospedale, alle Conferenze di San Vincenzo per il sostegno ai più bisognosi di tutta la città (con particolare attenzione all’Oltretorrente), alla famiglia Ernesto e Micaela Magnani per la loro apertura all’accoglienza dei figli, alla cura e all’educazione, e a padre Silvio Turazzi per il suo impegno e la sua passione per la crescita delle popolazioni africane, per l’incontro tra le culture e per la pace.

Continua la nota del Comune: "Un sant’Ilario particolare, quello del 2012, che vede premiati, accanto a personalità o associazioni di Parma molto conosciute sul territorio, anche persone comuni, che ogni giorno, nel silenzio e lontano da ogni clamore, sul lavoro, nel loro servizio come volontari, con la loro vita, portano avanti un impegno costante e valori fondamentali per la comunità. Persone fino a oggi non note ai più - come l’infermiera Maria Grazia, che è stata la persona con il maggior numero di segnalazioni nel sondaggio indetto dal Comune, o la famiglia di Ernesto e Micaela, estratta a sorte tra le famiglie con tre o più figli di Parma - che costituiscono la trama viva e insostituibile della città.

Anche le modalità con cui i premi sono stati assegnati quest’anno risponde alla volontà da parte del commissario Ciclosi di coinvolgere al massimo la cittadinanza e di rendere i premi Sant’Ilario il più possibile partecipati dai parmigiani. A disposizione dei cittadini per il Premio sono stati messi, infatti, il sito istituzionale del Comune di Parma e una casella e-mail dedicata. Dal 16 dicembre al 28 dicembre 2011 ha avuto luogo una vera e propria consultazione online, sia per scegliere il giorno in cui svolgere la cerimonia civile sia per sottoporre direttamente una candidatura al premio. I risultati del sondaggio sono stati aggiornati in tempo reale e hanno costituito un fondamentale elemento di valutazione per la Commissione, formata dal commissario e dai sub commissari".

CHI SONO I PREMIATI
Medaglie d’oro
Maria Grazia Beccari
Nata a Parma, risiede a Basilicagoiano; è sposata e ha un figlio; nel 2012 compirà il venticinquesimo anno di attività infermieristica. Dal 1987 lavora presso l’Ospedale di Parma e dal 1990 presta servizio nel Reparto di Malattie infettive ed Epatologia come infermiera di corsia. E’ stata una pioniera tra le infermiere che hanno assistito i primi casi di pazienti con HIV conclamato, in anni in cui la malattia era considerata altamente discriminante e difficile da affrontare, soprattutto dal punto di vista assistenziale. Lavorare in quel Reparto significa essere a contatto con patologie croniche e infettive, che spesso hanno diagnosi infauste. Maria Grazia ha sempre profuso la sua esperienza, il suo impegno psicologico e la sua sensibilità umana a pazienti che molto spesso si trovano ad affrontare la sofferenza, la solitudine, l’inquietudine della fase terminale della vita. Nel sondaggio popolare indetto per designare i premiati, Maria Grazia ha ricevuto il maggior numero di segnalazioni.

Carlo Gabbi
Nato a San Secondo Parmense, coniugato con un figlio, si è laureato in Medicina Veterinaria presso l’Università degli Studi di Parma nel 1966 e qui ha insegnato fino al maggio del 2009. Ha svolto un’ampia attività scientifica, dedicata in particolare alla biomeccanica e ai biomateriali. E’ membro del Consiglio ACRI (Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa) e vice presidente dell’Associazione tra Casse e Monti dell’Emilia - Romagna. Dall’aprile 2008 è membro del Consiglio della Fondation du Crédit Agricole, Pays de France. Dal 2000 fa parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Cariparma e dal 2005 ne è il Presidente, ruolo nel quale ha saputo accompagnare, in maniera sensibile, i molteplici processi di crescita e sviluppo della comunità parmense, prestando particolare attenzione ai bisogni del sociale e della sanità e supportando iniziative di rilievo in ambito culturale e scientifico. La Fondazione Cariparma è stata recentemente insignita dell’Oscar di Bilancio 2011.

Attestati di civica benemerenza
Associazione Giocamico onlus
L’associazione svolge attività di supporto ai bambini ricoverati nei reparti dell’Ospedale pediatrico di Parma da quasi 15 anni, da quando cioè Corrado Vecchi (fondatore e presidente) in collaborazione con il dottor Giancarlo Izzi (primario del Reparto di Oncoematologia pediatrica) ebbe l’idea, un po’ folle, di affiancare alle cure mediche dei bambini un’attenzione volta a garantire continuità con la vita “normale”, in cui il gioco è la normalità, partendo dal presupposto che “non tutto del bambino malato è malato”. Da quel giorno, l’associazione è cresciuta, oggi conta più di 200 ragazze e ragazzi iscritti, che operano 7 giorni su 7, mattina e pomeriggio, con gioia ed entusiasmo al fianco dei bambini ricoverati. Numerosi anche i riconoscimenti a livello nazionale per l’associazione, presa a modello in altre città che hanno dato vita alla medesima esperienza.

Conferenze di San Vincenzo
Nel 1854 presso la Cattedrale di Parma nasce la Conferenza di San Vincenzo, una delle prime in Italia, per portare sollievo e assistenza ai più poveri, in particolare ai fanciulli abbandonati e alle ragazze di strada. Da allora vengono istituite altre Conferenze nelle parrocchie cittadine per seguire con la carità concreta le famiglie e le persone bisognose, anche nelle situazioni più dure e difficili, dall’unità d’Italia a oggi. Lo stesso San Guido Maria Conforti nel 1893 viene nominato direttore diocesano della Conferenza di San Vincenzo. Lo stile dei Vincenziani è sempre lo stesso: operare nel silenzio, con amore, visitando le famiglie bisognose e accompagnandole con amicizia, aiuto e sostegno. Attualmente le Conferenze attive a Parma sono 10 e 110 le famiglie assistite, di tutte le razze, religioni ed età. Presidente del Consiglio centrale è Francesco Paini.

Famiglia Ernesto e Micaela Magnani
Quella di Ernesto Magnani e Micaela Parenti è una famiglia numerosa, estratta a sorte tra le famiglie con tre o più figli residenti nel Comune di Parma. Consegnando l’attestato alla famiglia Magnani si è voluto dare un riconoscimento simbolico a tutte le famiglie che, fra i molteplici impegni quotidiani, si aprono responsabilmente ad accogliere la vita, costruendo il futuro della comunità. Ernesto e Micaela hanno tre bambini, un maschio e due femmine, e sono sposati dal 2003.

Padre Silvio Turazzi
Nato a Stellata di Bondeno (FE), ha studiato nel seminario di Ferrara. Nel 1967 diventa missionario saveriano. Vive alcuni anni di presenza fra “gli ultimi” nella periferia di Roma. Nel 1969 ha un incidente stradale e dal quel momento si muove sulla sedia a rotelle. Dal 1975 è in Africa, a Goma, in Congo, dove rimane 20 anni, e dove ritorna periodicamente per dedicarsi a quelle popolazioni. Con il Congo è nato un legame indissolubile; la vita di padre Silvio si è svolta fra le tante difficoltà del popolo congolese: problemi di cibo e acqua, igienico-sanitari, la malaria, la situazione delle carceri. L’esperienza di padre Silvio si intreccia anche con le trame della storia del Paese. Nel 1992 padre Silvio fonda l’associazione italiana Solidarietà - Muungano onlus, con sede a Vicomero di Torrile e gemellata con l’associazione di Goma “Muungano Solidarité”, per diffondere la scelta di fraternità tra i popoli, nell’accoglienza dell’altro, promuovendo la cultura della pace. E' stato ispiratore e fondatore anche dell'associazione "Chiama l'Africa".
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Silvia

    13 Gennaio @ 15.32

    Penso sia stata premiata la categoria degli infermieri proprio dando il premio ad un'infermiera. Sappiamo tutti bene quanto siano preziosi quando ne abbiamo bisogno! Certo è difficile premiarli tutti!!!! Bella iniziativa il riconoscimento alla famiglia, ma penso che il premio sia da assegnare non per estrazione ma su segnalazione dei cittadini, come avviene per gli altri candidati...si rischia altrimenti di sminuire il suo valore .

    Rispondi

  • Davide

    13 Gennaio @ 15.27

    Il Premio Sant\'Ilario alla famiglia Magnani fa sinceramente un pò ridere in quanto la motivazione è assurda è, per certi versi, ridicola (esistono famiglie a Parma con anche 6-7 figli e si premiano loro perchè possono aggiungere il \"benessere\" come qualità? Ma per favore...).\r\nUn uomo poco tempo fa ha salvato la vita ad un bambino e Parma già se l\'è scordato.\r\nUna città che diventa penosa ogni giorno di più.

    Rispondi

  • dispiaciuta

    13 Gennaio @ 14.38

    Una famiglia benestante con 3 figli non penso sia da premiare, ci pensa la tata quando i genitori sono al lavoro. Tanto di meriti all'infermiera, ma quante brave infermiere ci sono e ci sono state in ospedale!!!!! Persone uscite dopo più di 40 anni di lavoro senza che nessuno gli abbia detto grazie. Per favore commissario chi ha pilotato le scelte? Quale partito politico o quale sindacato? Non c'è niente di onesto nemmeno in questi premi, povera Parma!!!!!!!

    Rispondi

  • Vincenzo

    13 Gennaio @ 13.30

    Credo che prima di criticare una persona (così come hanno fatto in tanti) bisognerebbe conoscerla. Il prof. Carlo Gabbi ha formato generazioni di veterinari sia dal punto di vista tecnico che umano. Il Prof. Carlo Gabbi non è un banchiere ma una persona a cui per meriti professionali e per le grandi doti umane è stato conferito l'alto e prestgioso incarico di presidente della fondazione.

    Rispondi

  • Marta

    13 Gennaio @ 11.53

    Pieno appoggio per L'Infermiera.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

10commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

nel pomeriggio

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

anteprima gazzetta

Inchiesta sulle nomine al Maggiore, il punto della situazione Video

ragazzola

Più controlli sul ponte Verdi, ma c'è chi chiede l'intervento della magistratura Video

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareporter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

orrore a BANGKOK

Italiano ucciso e bruciato in Thailandia, caccia alla ex e all'amante

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video