19°

Parma

Quando la "galabruza" non era ancora neve chimica

Quando la "galabruza" non era ancora neve chimica
Ricevi gratis le news
1

Lorenzo Sartorio

Manca una settimana o poco più  alla «Merla», i giorni più  freddi dell’anno: il 29, 30 e 31 gennaio.  Una volta i nostri vecchi,  in questa stagione, dopo avere festeggiato «Sant'Antonni dal gozén», si rifugiavano nelle stalle per ripararsi meglio dal freddo e lì si dedicavano,  appunto, ai vari «lavori di stalla»: riparavano seggiole sgangherate, impagliavano i fiaschi «sculati», aggiustavano qualche  «scuro» malandato, riparavano alcuni arredi di casa. Mentre le «rezdore» si recavano nell’orto solo per raccogliere quelle verze che la galaverna («galabruza») aveva  avvolto nella morsa  del ghiaccio rendendole ancor più bianche e tenere per le insalate invernali. Il freddo disegnava sui vetri delle finestre i «fiori» di ghiaccio  e alla mattina, appena svegli, i bambini rimanevano  incantati nell’ammirare quei disegni  che la fantasia  e l’estro della natura avevano composto durante la notte. Altri tempi. La brina e la neve, in inverno, e la rugiada,  in estate, altro non erano che riti di purificazione  che  la natura esigeva per la terra madre. Infatti la rugiada della notte di San Giovanni aveva il compito di purificare la terra dopo il grande parto della fienagione e della mietitura , mentre brina, galaverna  e  neve dovevano prepararla  ad accogliere i primi germogli di grano e la prime asprelle che avrebbero «bucato» la neve dissolta dai primi raggi del tepido sole primaverile.  Oggi tutto è cambiato: le influenze, da banali raffreddori, si tramutano in virus, le piogge in alluvioni  bibliche, i temporali in uragani,  la «galabruza» in neve chimica come sta avvenendo in questi giorni.  A questo punto non ci resta che attendere la grandine  contaminata e il vento al gas nervino. Che tristezza! E’ lo specchio dei nostri tempi, di questa società squinternata che vive in un mondo altrettanto marcio e inquinato. Con tutto quello che ci sta capitando, almeno, potevamo ancora bearci in inverno della «galabruza» che trasformava i nostri  giardini e i nostri campi in mondi incantati con i rami di  alberi e siepi  simili a pizzi  ricamati da mani di provette  ricamatrici. Ora la «galabruza» si posa sulle piante ma gli esperti dicono sia robaccia velenosa. Pensate un attimo che benefici porterà sulle piante da frutto e sulle verdure. Ma, in compenso, abbiamo in media due cellulari in tasca, le nostre case non mancano certo di computer, apparecchi tv e diavolerie informatiche  varie. Se dovesse mancare la luce e in quel momento non disponiamo  di una torcia,   qual è quella casa che dispone ancora della cara  vecchia candela sparita anche dalle chiese?  Siamo tutti informatizzati e cibernetici.  I bimbi di adesso nascono  con la mail in fronte. Però respiriamo aria mefitica. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mario

    22 Gennaio @ 11.06

    COMPLIMENTI BELLISSIMO ARTICOLO STUPENDO CONFRONTO DELLA REALTA' PER CHI COME ME DEL 1943, MI SONO LETTO CHE LA GALABRUSA E' NEVE ARTIFICIALE. MI SONO SCANDALIZZATO FINALMNETE CHI RIMETTE LE PAROLE NEL GIUSTO SENSO

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro