10°

22°

Parma

C'era una volta la Racagni dei maestri Iride e Ubaldo

C'era una volta la Racagni dei maestri Iride e Ubaldo
Ricevi gratis le news
0

Chiara Cabassi

Riprende la routine davanti alla scuola Racagni di via Bocchi chiusa in attesa della ristrutturazione, ma niente è più come prima. L’affollamento disordinato davanti ai tanti happy bus che portano i bambini nelle nuove destinazioni è l’unico contatto, per gli alunni, con quella che finora è stata la loro scuola.
Un edificio parte della storia del quartiere Pablo per oltre cinquant’anni. Una scuola che, soprattutto in passato, ha conosciuto stagioni di eccellenza. 
La sua dimensione migliore torna facile alla memoria ricordando due insegnanti di lungo corso, in tempi di maestro unico, di quando le lezioni finivano a fine mattina e per tutti e il sabato era di scuola. Ubaldo Grassi e Iride Cardinali sono stati gli ultimi ad insegnare in classi separate:  femminili, lei, e maschili, lui. Conosciuti alla Racagni e poi sposati. Per lui il secondo matrimonio. Dopo essere rimasto vedovo, con un bimbo piccolo. Gian Luca, oggi medico dell’Asl, al distretto di medicina legale. 
«Mio padre fu uno degli ultimi insegnanti ad indossare il camice nero durante le ore di lezione. Il suo primo incarico fu a Medesano, dove insegnava musica il Maestro Romano Gandolfi, poi la Racagni fino alla pensione. Iride, dopo l’insegnamento a Beduzzo aveva vinto la cattedra nella scuola di Parma. Un particolare che ricordo fu il dispiacere che gli diede sostituire il preside per un anno. Gli mancava insegnare».
Grassi fu anche Al Dsèvod più duraturo. Aldo Castagneti, membro storico della Famija Pramzana, dice che «il suo era un dialetto da primo della classe, unico, raro. Ha portato la maschera di Parma alla dignità delle altre maschere nazionali». 
Ubaldo era aiutato dalla figura alta, imponente e dal sorriso aperto che si sposava a perfezione con il tricorno e il  costume giallo e azzurro a quartieri sovrapposti. Il dialetto lo portava anche in aula. Completando quello che i bambini sentivano a casa dai nonni, la lingua della città, un marchio fiero nei modi di dire, nelle poesie imparate a memoria. Lui autoritario, con lo sguardo severo, lei attenta alle situazioni familiari, al carattere, alle difficoltà delle sue bambine. La Racagni è stata la scuola di tutta la loro carriera, abitando sempre in quartiere, conoscendo le famiglie degli alunni, invitandole una volta l’anno a casa per i saluti prima della lunga estate. Uno stampo di insegnanti che si è perso. Ricordare questi due maestri diversi, ma speculari, insegnanti alle tradizioni della città e ad un senso civile forte e semplice può essere, forse, un punto di partenza per immaginare una nuova Racagni. Nuova nel vestito, ma legata a quello che di meglio Parma sa esprimere. Come scriveva Arnaldo Barilli «dobbiamo insegnare ai nostri ragazzi a disprezzare ciò che è molle e facile. La vita è dura e ardua per tutti e solo chi si sarà addestrato a combattere potrà vincere. Bisogna che assaggino ed amino il sapore della soddisfazione morale, della resistenza vittoriosa contro le tentazioni. C’è un po’ di agro in quella dolcezza, ma presto ci si fa il palato e tutto il resto sembra una melensa brodaglia senza sale». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

UNIVERSITA'

Cattani, imprenditore illuminato e professore ad honorem

di Katia Golini

Lealtrenotizie

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

Trasporto pubblico

Autobus: accolto dal Tar il ricorso Tep

2commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

2commenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

elezione del segretario

Pd , 19 congressi su 51: testa a testa Cesari (229 voti) Moroni (223)

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

1commento

Inchiesta

I ragazzi a scuola da soli? tutti d'accordo

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 il finalista del gruppo 8

Lutto

Neviano piange il sarto Daniele Mazza: vestì tutto il paese

Fidenza

I ladri si ripresentano alla Pinko

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

2commenti

ITALIA/MONDO

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

iraq

Kirkuk, Trump: "Non ci schieriamo, non dovevamo stare lì"

SPORT

prossimo avversario

Posticipo del lunedì: Entella-Empoli 2-3

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel