-2°

10°

Parma

Aeroporto: botta e risposta Villani-Peri.

Aeroporto: botta e risposta Villani-Peri.
Ricevi gratis le news
25

Il futuro dell'aeroporto di Parma, i problemi dell'aeroporto, i numeri dell'aeroporto... La situazione del  Giuseppe Verdi continua a tenere banco: oggi l'inserto di Repubblica, Affari & Finanza, cita la classifica dei passeggeri  nel periodo gennaio-novembre 2011 (e Parma figura tra gli ultimi 10: 30° su 37 con 257mila viaggiatori). Ma soprattutto, in queste ultime ore, si registra un botta e risposta in Regione, ma con due firme made in Parma: Luigi Giuseppe Villani (capgruppo Pdl) e Alfredo Peri (assessore Pd).

VILLANI - «Tutte le istituzioni locali si devono attivare per impedire la chiusura dell’aeroporto di Parma, a partire dalla Regione». Con queste parole il capogruppo del Pdl in Regione - e coordinatore provinciale del partito - Luigi Giuseppe Villani, ha lanciato l’appello alla mobilitazione per impedire che, nell’ambito della riorganizzazione del sistema aeroportuale su scala nazionale che il governo Monti ha in agenda, venga chiuso l’aeroporto di Parma. Il «Verdi», infatti, rientrerebbe tra i 24 piccoli aeroporti ad uso civile che nel piano sul tavolo del Governo dovrebbero cessare l’attività.«L’amministrazione regionale di centrosinistra guidata da Vasco Errani - osserva Villani - ha da anni come suo principale interesse sugli aeroporti civili nel territorio regionale, quello di sostenere con importanti risorse l’aeroporto «Ridolfi» di Forlì. Il Verdi è però un aeroporto fondamentale per lo sviluppo dell’Emilia ovest e può mantenere e incrementare una sua importanza strategica a livello macroregionale. Infatti tra le varie sue peculiarità va ricordato che è equidistante tra Milano e Bologna, è funzionale alla presenza dell’Efsa e anzi la sua presenza è stata uno dei principali presupposti perché l’unica istituzione europea in Italia fosse insediata a Parma. Inoltre, particolare non da poco, ha registrato una crescita del 12,4% nel numero di passeggeri dal 2010 al 2011, nonostante problematiche interne ed esterne. I motivi per impedirne la chiusura sono quindi più che validi e tutte le istituzioni interessate li dovrebbero fortemente sostenere. In particolare fra queste la Regione, in quanto l’assessore regionale ai trasporti, il parmigiano Alfredo Peri, e il presidente Errani, possono far valere l’importanza dell’aeroporto Verdi presso il Governo nazionale, e questo anche nella Conferenza Stato-Regioni».

PERI - “A differenza di quanto sostiene Villani, il principale interesse della Regione non è nell’aeroporto di Forlì ma è da tempo concentrato sulla necessità di costruire un sistema aeroportuale regionale più coeso, efficiente e competitivo. Per questo la Regione è presente come socio nei tre aeroporti di Bologna, Rimini e Forlì. Alla nostra richiesta di coinvolgere Parma ci fu risposto, in più occasioni, con un secco rifiuto”. Così l’assessore alla Mobilità e Trasporti Alfredo Peri risponde al consigliere Luigi Giuseppe Villani, capogruppo del Pdl in Regione. “Risulta a dir poco singolare sentirsi rivolgere un appello dal consigliere per ‘salvare l’aeroporto di Parma’ – sottolinea Peri – . Oltre a essere consigliere regionale da più di dieci anni, Villani è da molto tempo protagonista non secondario delle scelte politiche e amministrative del Comune di Parma e dovrebbe quindi conoscere molto bene la storia più recente del nostro aeroporto. Negli ultimi dieci anni – prosegue Peri – abbiamo più volte avanzato all’aeroporto di Parma la proposta di entrare nella compagine societaria per favorire l’indispensabile integrazione regionale. Quest’approccio risulta ancor più importante oggi a fronte delle necessità di razionalizzazione della rete degli aeroporti nazionali e regionali, dove i piccoli scali vivono le maggiori difficoltà se operano in modo isolato. Alla nostra richiesta di coinvolgere Parma nel sistema regionale ci fu risposto, in più occasioni, con un secco rifiuto, in particolare dal Comune di Parma, con la motivazione che era molto più utile per la città rivolgersi o al sistema lombardo o a quello romano. In seguito la scelta fatta dai soci dell’Aeroporto ‘Verdi’ è stata quella di privatizzare cedendo la maggioranza assoluta delle quote”.
“Come è evidente a tutti – aggiunge Peri – le conseguenze di tali scelte non hanno finora portato grandi risultati; anche a fronte di significativi investimenti, la società continua a lavorare in perdita e il traffico non aumenta in modo importante. I propositi del governo Monti non sono ancora noti nei dettagli. E’ invece agli atti una proposta di Piano nazionale degli aeroporti elaborato dal governo Berlusconi che prevede il declassamento e la chiusura dello scalo di Parma. In questo quadro credo sia opportuno che i soci di minoranza del ‘Verdi’ dicano quali siano le loro intenzioni, in particolare su come gestire le perdite e come sostenere un’attività che, come accade in molti aeroporti di queste dimensioni, più vola e più perde, e chi ci guadagna sono le compagnie. Va inoltre ricordato che le risorse che arrivarono a Parma per investimenti sulle infrastrutture furono motivate con l’impegno da parte del Comune di realizzare un grande aeroporto e una metropolitana di collegamento con la città. Quei progetti, fuori scala e non fattibili, hanno fatto una brutta fine, l’Efsa si è insediata e sta lavorando usando pochissimo l’aeroporto di Parma, preferendo lo scalo di Bologna o di Milano Linate. Detto questo – conclude l’assessore – è pur sempre apprezzabile che, ogni tanto, il consigliere Villani si ricordi che a Parma esiste un aeroporto”.

VILLANI 2 - In serata, la controreplica di Villani:  “Il piano nazionale di razionalizzazione degli aeroporti civili che interessa anche lo scalo parmense pone gli enti locali, Regione Emilia-Romagna in testa, di fronte a una precisa assunzione di responsabilità e a una pronta mobilitazione sinergica. Anziché attardarsi in sterili polemiche, per giunta rivolte al passato, l’Assessore Peri, oltre a spiegare perché la Regione abbia dilapidato, negli ultimi 7 anni, ben 40 milioni di euro per tentare di salvare l’aeroporto di Forlì, ormai prossimo al fallimento, è il caso che dica ai cittadini di Parma e dell’Emilia cosa intende fare concretamente la Regione per salvare l’aeroporto Verdi e quale sia la propagandata strategia di riorganizzazione degli scali aeroportuali regionali che la Giunta Errani ha in serbo di proporre appena collasserà l’aeroporto forlivese”. E’ quanto ha dichiarato Luigi Giuseppe Villani, Presidente del Gruppo assembleare PDL della Regione Emilia-Romagna.

La segnalazione di un lettore - Sul tema aeroporto, c'è anche chi propone una alleanza Parma-Reggio. "Perché - ci scrive - invece di continuare a piangere sullo "scippo di Prodi", non si studia un collegamento efficace fra l'aeroporto Verdi e la Stazione Mediopadana che sta sorgendo a Reggio sulla linea dell'Alta velocità Milano-Bologna?".

Nei mesi scorsi, in realtà, l'amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti ha in qualche modo bocciato la Mediopadana di Reggio, affermando che "Non solo perché c'è la stazione i treni devono fermarsi per forza. Perché devo penalizzare tutti quelli che da Milano vogliono andare a Bologna solo perché 3 persone vogliono salire sull'Alta velocità?". Parole che a Reggio hanno subito provocato accese polemiche.

Insomma, di qua e di là dall'Enza le infrastrutture più importanti non sembrano godere di ottima salute. E chissà se davvero la soluzione può essere in una strategia comune...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • oberto

    24 Gennaio @ 17.46

    Ops! scusate non sapevo che non ci fosse pou il volo per tirana. Non lo usano nemmeno gli albanesi.

    Rispondi

  • Nicola

    24 Gennaio @ 13.18

    ".....Villani sarà quel che sarà ma almeno si è impegnato a tutela della nostra città." Premio Zelig 2012!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Villani si è impegnato per i suoi interessi personali e basta, visto il disastro che il suo partito ha fatto in città!!!!!

    Rispondi

  • sara

    24 Gennaio @ 12.27

    Aeroporto di Parma : COMODISSIMO per andare in vacanza (sardegna e sicilia), per un un weekend di shopping a Londra ... non è utile solo per i pochi industrialotti come qualche lettore con il dente avvelenato ha succitato ma anche per i comuni mortali con bimbi al seguito che possono comodamente partire da Parma ed essere a destino in poche ore senza dover raggiungere Malpensa,Linate o Bologna e perdere giornate intere! saludos

    Rispondi

  • Rosario

    24 Gennaio @ 09.44

    Non capisco tutte queste critiche negative.Parma ha un piccolo aeroporto molto efficente con un grande bacino di utenza,collegata a tante provincie,Reggio Emilia,Piacenza, Modena,Cremona,Mantavova,La Spezia.Bisogna uniire tutte le forze politiche ed economice per cercare di dare il massimo impuso per farlo decollare.Poche chiacchiere e molti fatti.perchè non si crea un parcheggio graduito per l'utenza e non solo a pagamento'

    Rispondi

  • Luca

    24 Gennaio @ 09.36

    Oberto, il volo per Tirana sono quasi 2 anni che non c'è più. Chi non è informato prego informarsi o astenersi dal dire cose inappropriate

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il pm chiede la confisca della casa di Fabrizio Corona

MILANO

Il pm chiede la confisca della casa di Fabrizio Corona

La principessa Eugenie si sposerà in autunno

gran bretagna

La principessa Eugenie si sposerà in autunno

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

NOSTRE INIZIATIVE

Domani lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

3commenti

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

3commenti

chiozzola

Sorprendono il ladro in cortile. Il sindaco: "Cittadini, ingrassate le navette"

1commento

INCHIESTA

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

1commento

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

polemica

Eramo: "Sulla sicurezza la giunta non si auto-assolva: mancano scelte coraggiose"

"Perché non avete chiesto ai vigili di fermare i consumatori di droga?"

1commento

economia

Rapporto Ismea, Parma nettamente in vetta per l'agroalimentare

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

TECNOLOGIA

Telefoni e tablet in classe: a Parma non sono una novità

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

COLLECCHIO

In vent'anni, in Comune, 20 dipendenti in meno

1commento

ALLARME

Bocconi avvelenati al parco Martini: area transennata

SORBOLO

Parma-Brescello: bus sostitutivi fino a fine estate

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

22commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Politica

Grillo separa il suo blog dal M5S: "Parliamo di futuro"

gran bretagna

Rientra l'allarme per la fuga di gas a Londra: riaperte strade e metro

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

1commento

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video