-4°

Parma

Opinione - La città funestata da orribili omicidi

Ricevi gratis le news
0

Rosangela  Rastelli

1. Ultimamente la nostra bella Italia di poeti, santi (?)  e soprattutto di “ latin lovers” e anche la nostra Parma, generosa e ombelico del mondo, sono state funestate da notizie di omicidi di donne, mogli, figli, amanti, ex amori… e anche  di suicidi-omicidi. La nostra “Gazzetta” più volte  insanguinata, già in prima pagina, e ferita nella sua parmigianità del buon vivere, a misura d’uomo. Schiere di psicologi si sono gettati a capofitto, nelle più svariate interpretazioni  fra norma  e patologia (esemplare quella recente di Cesare Piccinini). Ma quello che ha maggiormente colpito gli aficionados della tv sono state le parole urlate con rabbia e tanta ironia dalla giornalista Barbara Palombelli  in una trasmissione di “Quarto Grado”. Si discuteva e si facevano ipotesi su due casi di mariti (Salvatore Parolisi e Renzo Dekleva) indiziati dell’uccisione della moglie e qualcuno dei presenti  azzardava l’ipotesi che, talvolta, gli uomini uccidano le proprie compagne di vita o perché incapaci di decidere, in situazioni “forbice” di dicotomia o, invece, perché le ritengono incapaci di sopravvivere a tradimenti, separazione, abbandono, divorzio ed anche a crisi economiche o a gravi malattie. Si cercava, insomma, di far passare efferati delitti in una specie di “eutanasia della sofferenza  da distacco”, di altruismo, cioè, e di grande tormento per la sofferenza della fedele abbandonata, delusa, piuttosto che a causa del proprio feroce egoismo ed incapacità a fare scelte definitive, nette. Uomini che  perciò ,in molti casi, si trasformavano in professionisti della bugia dalla doppia personalità e dalla doppia vita. A questo punto della discussione, la Palombelli era letteralmente scoppiata in un  «…ma per favore, signori uomini, separatevi, divorziate, che diamine… ammazzatevi pure, se proprio lo volete, ma non cercate soluzioni nell’omicidio e, soprattutto, lasciate stare noi donne.   Non preoccupatevi per noi perché a noi ci pensiamo  noi! State tranquilli che noi sapremo  ri-prenderci, sapremo sopravvivere alle delusioni, riusciremo a rivivere. E’ un atteggiamento presuntuoso, di  onnipotenza e mania di grandezza maschilista quello  di ritenersi  indispensabili alla vita degli altri (compresi i figli…), della propria donna…, ma per carità,  lasciateci in pace…».
Si era meritata un applauso al femminile, sicuramente anche quello, invisibile, delle spettatrici lontane, riscattate (dalle sue proteste), da donne oggetto e proprietà dell’uomo a  donne  “pensanti e libere”. Aveva rappresentato, in  poche semplici parole, lontane da elucubrazioni  psicosociologiche, tutte le donne vittime di violenza.
2.  E’ assodato, dibattuto e risaputo ormai che, in questa epoca del precariato e crisi del tutto (anche dei sentimenti), sono soprattutto i giovani ad uccidere, incapaci di superare un rifiuto amoroso che dà il colpo di grazia alla loro traballante autostima.
3. C’è anche, però, chi uccide i figli (che non sia una vendetta per vendicarsi della moglie?) o perfino gli animali di casa, sempre con l’autogiustificazione,  un po’ più nobile, appunto, di averlo fatto perché loro non riuscirebbero a cavarsela da soli. Ci viene il dubbio che sia, invece, almeno nel caso di omicidio-suicidio per un estremo amor di sé, per la paura di morire da soli o per una forma di giustizialismo vendicativo del tipo “muoia Sansone con tutti i Filistei”.
4. Le verità dell’animo umano e le azioni degli uomini sono molte, opposte,  incomprensibili, insondabili e, spesso, rivelano, come dice Cesare Piccinini,  disturbi nascosti della personalità, da non catalogare, quindi, come risultato scontato, prevedibile e ripetibile di particolari situazioni esterne, di frustrazione esistenziale o di crisi contingenti, globali o occasionali.
5. Nel nostro ultimo passato di guerra e dopoguerra si è avuto l’esempio di tante donne rimaste sole, abbandonate, vedove   che si sono rimboccate le maniche, hanno ripreso in mano le loro vite e sono riuscite a salvare se stesse e schiere di figli anche se, allora, non esistevano tanti enti sindacali, assistenziali ed aiuti come oggi. Si è sentito raccontare, raramente, che qualcuna di loro si sia uccisa e men che meno che abbia ucciso i propri figli. La disperazione totale non è nel Dna delle nostre nonne e quindi delle donne italiane. Le nostre  donne possono soffrire, lamentarsi, gridare, piangere, prendere tranquillanti, morire dentro, perfino desiderare la morte ma, alla fine, sanno risorgere.  Sanno ricominciare a sperare. Perciò,  signori uomini, non toccate le donne…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 0-0: anche Lizhang allo stadio. Gagliolo rischia l'autogol!

DIRETTA

Cremonese-Parma 0-0: anche Lizhang allo stadio. Gagliolo rischia l'autogol!

Nella ripresa subito un'occasione per Di Gaudio

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

1commento

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

2commenti

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

7commenti

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

FURTI

In "gita" per rubare giubbotti: fermati in due, uno è minorenne

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

GAZZAREPORTER

"Il Cortile del Guazzatoio è ancora un parcheggio"

1commento

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Aggredito sul bus da un gruppo di adolescenti, ne accoltella uno

2commenti

Elezioni

La Bonino: "Deciso l'apparentamento con il Pd"

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

società

Droga, prostituzione, sigarette: gli italiani spendono 19 miliardi annui in attività illegali

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"