12°

Parma

Inchiesta rosa - Nella settimana della Festa, come sta la donna a Parma?

Inchiesta rosa - Nella settimana della Festa, come sta la donna a Parma?
Ricevi gratis le news
11

Lavoro: il reddito delle donne è inferiore - (Ansa) Nel lavoro insicuro o comunque 'non standard’, il 56% delle donne non supera i 10.000 euro di reddito (39% i maschi) e lo scarto di genere aumenta di pari passo all’età; nel lavoro dipendente le donne percepiscono mediamente il 20% in meno di salario; nel lavoro professionale le differenze reddituali sono ancora più marcate. Sono alcuni dati di diverse ricerche annunciate domani a un convegno in Assemblea legisltativa a Bologna, organizzato dalla consigliera regionale di parità per la 'Giornata europea della parità di retribuzione (Gender Pay Gap Day)'.

Ad esempio in Emilia Romagna, per le professioniste, il reddito femminile è il 43,14 di quello maschile per le avvocate, il 50% per le commercialiste, il 51,62% per le ingegnere, il 56,58% per le architette, il 59,19% per le geologhe e le agronome, il 61,45% per le tecniche e le perite industriali, il 68,08% per le donne medico.

E' notizia di oggi: l'ernnesima che conferma lo squilibrio, economico oltre che sociale, fra uomo e donna. Una parità  che è spesso più un'etichetta (magari per questo o quell'organismo istituzionale) che non una realtà.

Del resto, visto che siamo in clima di elezioni, la storia dell'elezione diretta del sindaco di Parma ci dice che dalla prima elezione (1994) ad oggi, il duello per la vittoria ha sempre visto ai ballottaggi due uomini, mentre l'unica vittoria al primo turno (Ubaldi 2002) ha avuto proprio una donna come sconfitta (Albertina Soliani). Nè la storia sembra destinata a cambiare quest'anno, pur con tutto il rispetto per le candidature Roberti e Spaggiari. Insomma, nonostante una storia che da Maria Luigia arriva fino a Mara Colla e al commissario Cancellieri, il potere politico, e non solo politico, anche a Parma è sempre stato saldamente maschile.

Anche se qualcosa cambia a tutti i livelli: le trattative sul lavoro vedono protagonista un triangolo tutto "rosa" (Fornero-Marcegaglia-Camusso), e tante altre posizioni importanti sono occupate da donne senza che la cosa faccia necessariamente notizia. Però, le barriere da superare sembrano ancora tantissime.

Qui sotto vi proponiamo una selezione di altre notizie degli ultimi giorni, lanciate dall'agenzia Ansa. Ma nella settimana che porta alla Festa della donna (altra ricorenz che molti mettono in discussione), ci piacerebbe che fossero le nostre lettrici, e se lo vogliono anche i nostri lettori, a raccontare la situazione di Parma. Attraverso storie individuali, testimonianze, interventi e proposte: una sorta di muro rosa lungo una settimana, che può essere un modo un po' diverso di onorare le giornate della Donna, magari non riucendole a quel solo, e un po' ambiguo, 8 marzo.  Lasciate le vostre testimonianze nel nostro spazio commenti., in fondo a questo articolo. (Nella foto, lo spettacolo Donne senza tacchi)

MIlano: due storie violenza - Una donna massacrata di botte da un amico conosciuto su internet e un caso di stalking rivelatosi un omicidio, dopo alcuni giorni, grazie a un’autopsia, ripropongono a Milano l’allarme per la violenza sulle donne.

Stamani tra le 8.30 e le 9.00 una donna di 53 anni, Agata P., è stata raggiunta sul posto di lavoro dall’ex compagno, che aveva già denunciato in precedenza, e massacrata di botte prima che potesse essere soccorsa da una collega. Le sue condizioni, inizialmente ritenute gravi per un trauma cranico, sono poi migliorate e ora si trova ricoverata in ospedale ma fuori pericolo.

Secondo la ricostruzione della polizia, che indaga sull' episodio, l’uomo l’ha aggredita nell’atrio, poco dopo il suo arrivo al lavoro, e l’ha selvaggiamente colpita a pugni e calci fino a quando lei non è riuscita a trascinarsi in un seminterrato che funge da area benessere per i dipendenti del centro, uno spazio polifunzionale del Consiglio di Zona 6, che si trova in via Savona 99. Prima di essere trasportata all’ ospedale la dipendente comunale è riuscita a sussurrare il nome dell’uomo che l’ha aggredita, con cui un anno fa, dopo una conoscenza su un social network, aveva avuto una breve relazione prima di cacciarlo di casa dopo averlo denunciato per lesioni e minacce nel settembre del 2011. Ora l’uomo, un 38enne originario della Sicilia come lei, con qualche precedente penale e senza una dimora stabile, è ricercato dalla polizia.

 E' di stamani anche una notizia che riapre le indagini sul caso della morte di una donna aggredita per strada dall’ex compagno il 13 febbraio scorso a San Giuliano Milanese. L'autopsia effettuata sul corpo della vittima, infatti, ha evidenziato i segni di un ferimento mortale, forse effettuato con uno stiletto o uno spillone dritto al cuore. Una ferita di cui sulle prime non si era accorto nessuno.

Onu: Angelique Kidjo canta per le donne vittime di mutilazioni genitali -  NEW YORK – Riunione straordinaria alle Nazioni Unite, ma per una sera a salire sullo scranno dell’Assemblea Generale è stata la musica e non la politica. A guidare, o meglio a travolgere, ospiti e diplomatici dei 193 Paesi membri dell’Onu è stata l’energia della cantante di origine beninese Angelique Kidjo.

 

 

 

Vincitrice di un Grammy Award e Godwill Ambassador per l'Unicef, la Kidjo ha portato la sua musica al Palazzo di Vetro per far sentire la voce delle giovani di tutto il mondo vittime della mutilazione genitale femminile      

Le madri di Tienanmen - SHANGHAI - Mentre mancano ormai pochi giorni all’apertura della sessione annuale della Conferenza consultiva del popolo cinese (Cppcc) e dell’Assemblea Nazionale del Popolo (Npc), le «madri di Tiananmen» hanno inviato una nuova lettera aperta, indirizzata a tutti i membri delle due Assemblee, invocando che finalmente si faccia chiarezza e giustizia sui fatti del 4 giugno 1989. Nella lettera, resa nota dal gruppo 'Human Rights in Chinà, 122 donne che persero i loro figli nella strage di piazza Tiananmen, chiedono in primo luogo che si smetta di rinviare ancora di riconsiderare quanto avvenne nel giugno di 22 anni fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Iwanka

    09 Marzo @ 17.18

    La festa della donna cosìcom'è non mi interessa più;dovrebbe essere una giornata di celebrazione delle donne,ma anche questo non ha molto senso.Viviamo con il cellulare all'orecchio,abbiamo tanti modi per comunicare,ma non riusciamo a vedere le cose che sono vicino a noi,nella nostra città.Ancora troppe donne ignorate,non considerate per il loro lavoro sia fuori sia in famiglia, donne maltrattate nel silenzio o uccise perchè c'è ancora un' "uomo"che ci crede di sua proprietà. C'è tanta superficialità perchè siamo abituati a dare valore alle cose solo quando sono in un preciso contesto,quando hanno una marca,quando sono "giuste",quando sono di moda,quando sono di lusso.Non diamo nemmeno uno sguardo alle situazioni che accadono al di fuori di certi contesti,ma lasciamo che siano altri a decidere cosa dobbiamo desiderare,cosa dobbiamo sentire o peggio ancora, come e cosa dobbiamo essere.Perchè pagare un biglietto per vedere Corona?Perchè è l'ennesimo sottoprodotto ben incorniciato e strombazzato da mass media.Prima dovremmo capire queste cose,poi dovremmo alzarci tutte e partecipare alla costruzione di un nuovo pensiero.Educhiamo i nostri figli al rispetto per se stessi e per gli altri,così magari non ci sarà nemmeno più bisogno di un 8 marzo

    Rispondi

  • Luca

    08 Marzo @ 18.36

    nessuna risposta finora. forse saranno tutte impegnate a mettersi in posa davanti allo specchio sognando di essere la prossima "modella per gioco"...

    Rispondi

  • Luca

    08 Marzo @ 17.12

    l'inizio polemico non è certo mio: non sono stato io a scrivere "Non sarà che qualcuno, se non c'è Modella per gioco, non sa proprio cosa scrivere?"...

    Rispondi

  • mirko

    08 Marzo @ 15.07

    VAI LUCA!!!!!!!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    08 Marzo @ 15.03

    Luca, dalla "tentazione di censurarla" al resto ha sbagliato mira. 1) Nessuno ha chiesto a chi deve lavorare di fare commenti sulla Gazzetta. Ho solo risposto a chi, spesso, ci critica perchè proponiamo cose superficiali: nel momento in cui abbiamo provato a proporre un tema diverso siamo stati due giorni senza commenti. E questo è un fatto, non un'opinione - 2) Non ho preteso di giudicare io la serietà di un tema: mi sembra un fatto abbastanza oggettivo. Infatti non ho mai contestato chi giudica la Modella per gioco o la farfalla di Belen temi leggeri. Su 3 sono d'accordo con lei e credo di esserlo anche sul 4, pur essendo chiunque ovviamente libero/a di passare le serate come vuole. E concordo anche (vede su quante cose siamo d'accordo, nonostante il suo inizio polemico! ) sul fatto che all'emarginazione e alla mercificazione dell'immagine femminile contribuiscano anche molte donne. Proprio questo è uno dei temi che mi piacerebbe veder sviscerato in questo spazio da lettori e lettrici. Buon lavoro (però ogni tanto la Gazzetta continuia guardarla....). G.B.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS