12°

Parma

Incidenti: in 10 anni dimezzato il numero dei morti

Incidenti: in 10 anni dimezzato il numero dei morti
Ricevi gratis le news
2

Più incidenti stradali ma meno vittime nel 2011 in provincia di Parma. L'anno scorso sono avvenuti 1749 incidenti stradali (+5,7%). I decessi sono stati 35: quattro meno del 2010. In un decennio (2001-2011) il numero di morti si è dimezzato.
I dati sono presentati stamattina in Provincia.
La maggioranza di chi ha perso la vita in strada aveva fra 45 e 64 anni (14 delle 35 vittime dell'anno scorso); 6 persone nella fascia 25-44, altri 6 fra i più anziani (75 anni e oltre).

Dal confronto con le altre realtà vicine, ha spiegato Gian Marco Baroni dell’Ufficio Statistica della Provincia presentando i dati, quella di Parma nel 2010 è la migliore in assoluto in Emilia-Romagna con 376 incidenti ogni 100mila abitanti; nel 2011 il rapporto è di 394 (non sono ancora disponibili i dati delle altre province sull'anno scorso). A circolare sono 363.314 (+1%) con un forte aumento dei motocicli: 46.250 con 2.7% in più rispetto all’anno precedente.
Sempre in ambito regionale, se si analizza il numero di morti ogni 100mila residenti per il 2010, la provincia di Parma si attesta al quarto posto, con 8,9 decessi ogni 100mila abitanti. Nel 2011 questo indicatore cala notevolmente, a 7.9 decessi ogni 100mila abitanti. Dal 2001 al 2011 le vittime sono dimezzate, riuscendo così a raggiungere anche l’obiettivo fissato dall’Unione Europea di riduzione del 50% dei decessi dal 2000-2010.

Le tipologie di incidenti che causano più decessi sono le fuoriuscite di strada (9 vittime), seguiti dagli scontri frontali-laterali (7), i tamponamenti (6) e scontri frontali (6). “Al contrario di quanto si possa pensare, il numero maggiore di morti si trova nelle notti della settimana, e non nel week end”, ha aggiunto Baroni. Ad essere più colpita è la fascia di età dai 45 ai 64 anni, ma è alto anche il numero di decessi tra gli anziani (dai 65 anni), e si tratta prevalentemente di maschi (31 morti su 35 erano uomini)

BICI E PEDONI PIU' A RISCHIO. Sulle strade del Parmense aumenta il coinvolgimento degli utenti deboli della strada, soprattutto i ciclisti, che nel 2011 hanno visto il numero di vittime più alto dal 2005: sette deceduti. E' il dato giudicato più preoccupante.

Soddisfazione invece per il calo dei deceduti in incidenti sulle strade provinciali grazie a maggiore sensibilità di chi guida, più controlli delle forze dell'ordine e controlli più efficienti, dice l'assessore alla Viabilità Andrea Fellini. L'assessore ha anche ricordato l'impegno dell'Amministrazione per la sicurezza, "nonostante le ristrettezze economiche": 5 milioni di euro investiti in manutenzione stradale e 500mila euro nel 2011 per migliorare la segnaletica.

GLI INCIDENTI FRA IL 2005 E IL 2011 IN PROVINCIA DI PARMA (TOTALE)
                   Incidenti         Feriti           Deceduti    
2005             1.909           2.628              56                            
2006             1.969           2.781              48                            
2007             1.909           2.598              44                             
2008             1.723           2.299              57        
2009             1.671           2.271              50
2010             1.655           2.283              39
2011             1.749           2.371              35

GLI INCIDENTI FRA IL 2005 E IL 2011 SULLE STRADE DEL PARMENSE (ESCLUSE LE AUTOSTRADE) 
                   Incidenti         Feriti           Deceduti     Variazione sul 2005
2005             1.700           2.243              44                             -
2006             1.757           2.425              40                             3,4%
2007             1.737           2.316              32                             2,2%
2008             1.563           2.000              51                           - 8,1%
2009             1.521           2.007              41                          -10,5%
2010             1.516           2.037              34                          -10,8%
2011             1.623           2.155              32                           -  4,5%

LE VITTIME DELLA STRADA FRA IL 1995 E IL 2011
                     Incidenti                           Deceduti    

1995             1.880                                    103
2000             2.169                                      73
2005             1.909                                      44
2010             1.655                                      39
2011             1.749                                      35

IN CALO IL "COSTO SOCIALE" DEGLI INCIDENTI STRADALI. Cala anche il costo sociale degli incidenti stradali. «Costo sociale» non è un modo di dire ma un indice calcolato dall'Istat. Nel Parmense è passato da 75 milioni a 66 milioni di euro nel 2011; in Italia il costo sociale degli incidenti stradali è di 28 miliardi di euro (nel 2010 in tutto il Paese sono stati rilevati 211.404 incidenti, in calo di 11,9% rispetto al 2005).

PIU' PREVENZIONE A FAVORE DI PEDONI E CICLISTI. Il dato che più colpisce è il crescente coinvolgimento degli utenti deboli in incidenti stradali. Il comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Carlo Cerrina, sottolinea che "sulle biciclette dovremo lavorare molto. Dobbiamo insistere maggiormente sul rispetto delle regole: troppe volte capita di vedere ciclisti con l'ombrello in mano o che vanno contromano sulle strade o che attraversano senza guardare. Vogliamo lavorare di più anche con le scuole".
L'ispettore capo Luigi De Razza della Polizia stradale ribadisce l'importanza della collaborazione con le scuole, nelle quali gli agenti vanno per lezioni sulla sicurezza (basta che la scuola invii una richiesta alla Stradale). "I casi mortalità notturna sono calati - ricorda De Razza -. A volte i ragazzi, durante i nostri interventi, ci hanno riconosciuti dopo le nostre lezioni a scuola". Anche la Stradale punta sulla prevenzione: "Non è facile cambiare la mentalità di chi va in bici... Molti dei nostri servizi si svolgono in A1 e in A15 e negli ultimi due anni la mortalità si è molto ridotta. Ci sono però ragazzi che ancora non usano la cintura o guidano pur essendo stanchi. Cose evitabili, quindi".
Il comandante dei vigili del fuoco Paolo Maurizi ha fatto notare che il 30% degli interventi delle squadre del 115 riguarda incidenti stradali: una percentuale gradualmente cresciuta negli anni. A. V.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • GABRIELE

    09 Marzo @ 14.54

    ottimo il commento che precede... aggiungerei solo ke mi pare un ottima idea anche quella di mantenere l orario di apertura dei locali notturni, sicuramente il numero di incidenti diminuisce nelle ore in cui i ragazzi ubriachi possono rimanere al bar

    Rispondi

  • Francesco

    09 Marzo @ 12.29

    Molto bene la riduzione del numero di vittime. Ma per quel che riguarda l'aumentato coinvolgimento degli utenti deboli E' STATA SCOPERTA L'ACQUA CALDA!! E' facile dare una mano di vernice per terra e poi pavoneggiarsi per il numero di piste ciclabili del Ducato. Le piste che attraversano la carreggiata a raso costituiscono a tutti gli effetti un INCROCIO. E quando agli incroci capitano troppi incidenti si interviene implementando la segnaletica, imponendo obblighi di fermata, installando semafori, ecc.. Cosa che evidentemente non ha mai sfiorato i pensieri di nessuno in Municipio. Finché le Amministrazioni non capiranno che l'argomento è più tecnico del previsto, non ci sarà soluzione!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

IL CASO

La svolta: Ryanair riconosce i sindacati

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260