-0°

16°

Parma

L'addio di Siennica al Pdl: "Non mi riconosco più nel partito". E scoppia un piccolo caso

L'addio di Siennica al Pdl: "Non mi riconosco più nel partito". E scoppia un piccolo caso
Ricevi gratis le news
12

Vincenzo Siennica lascia. Il 17 marzo il giovane dirigente della Giovane Italia ha scritto al coordinatore provinciale del PDL di Parma Paolo Buzzi e al presidente della Giovane Italia di Parma Alessandro Corvi per annunciare (e spiegare) il suo addio al partito e all'incarico ricoperto.
"Caro Paolo e Alessandro, invio la presente per rendere pubblicamente le mie dimissioni da Dirigente della Giovane Italia di
Parma e quindi dal partito Popolo della Libertà - scrive Siennica -. Una decisione non facile in quanto a malincuore ho passato diverso tempo ha riflettere, ma ormai ad oggi non mi riconosco più nel PDL locale, nei valori e nell’operato, e di conseguenza nella
Giovane Italia di Parma. Purtroppo a seguito delle elezioni del nuovo coordinamento vedo che nulla è cambiato, sia nel coinvolgimento della Giovane Italia sia nel partito stesso e soprattutto dopo la scelta del Candidato a Sindaco Paolo Buzzi, dal mio punto di vista non candidabile per il ruolo che ha ricoperto nella scorsa Amministrazione. A seguito della mia esperienza lavorativa che mi coinvolgeva direttamente in prima persona nell’ambito delle problematiche legate al commercio attualmente mi vedo più vicino e condivido il pensiero del Movimento Civico “Parma Ascolta”. Ringrazio della bella esperienza maturata in questi anni".

LE REAZIONI

Ma l'addio di Siennica ha provocato un piccolo "giallo" all'interno del partito. Il coordinatore della Giovane Italia Alessio Quarantelli ha subito reagito alle dimissioni: "Ininfluenti: non era più un nostro iscritto". Ma subito è arrivata la replica - foto alla mano dello stesso Siennica:  "Caro Alessio, sorpreso leggo la tua risposta alle mie dimissioni, anche se non indirizzate direttamente a te ma al
Presidente Corvi. Che dire, dopo essermi sentito ieri stesso sia con te che con Corvi pur non condividendo la mia decisione
era rimasta una normale scelta democratica, ma leggendo dal tuo comunicato non mi sembra corretto che tu afferma la mia non iscrizione al partito.Informai personalmente tutti i colleghi del direttivo della Giovane Italia, tramite un e-mail, che ci fu un errore nella transazione on-line con la carta di credito e in seguito verificando effettivamente non risultava. Quindi successivamente in data 2 febbraio u.s. ho provveduto ad effettuare l’iscrizione al Popolo della Libertà con la quota di € 25 come giovane Associato, come documentato dalle e-mail inviate dal settore iscrizioni di Roma nella mia casella personale (che allego). Lo stesso coordinatore cittadino di allora Bonu mi disse che si erano verificati diversi errori nelle iscrizioni di Parma e non solo, quindi non vedo l’accusa da te fatta a che fine possa servire. Credo di essere stato più che corretto dando le mie dimissioni inviate al Presidente Corvi e al Coordinatore del PDL Buzzi, lo stesso Presidente Corvi mi ha risposto all’e-mail con queste parole: "Caro Vincenzo, pur non condividendo la tua scelta (sebbene in parte le tue motivazioni), ne prendo atto. Ti auguro che la tua nuova esperienza possa darti soddisfazione, cogliendo altresì l'occasione per ringraziarti per quanto fatto finora e per la correttezza che ti ha contraddistinto. Alessandro Corvi, Presidente Giovane Italia Parma". Che il partito non è cambiato per nulla, come già ho dichiarato, ne è la testimonianza, e sai bene anche tu che ci sono tante correnti al suo interno e con il tuo commento l’hai pianamente dimostrato".

Sulla vicenda è intervenuto anche Domenico Muollo, membro del ccordinamento provinciale del Pdl: "Con profondo rammarico leggo delle dimissioni di Siennica,seppur comprensibili le trovo in questa fase politica per il partito sbagliate,da membro del
coordinamento provinciale Pdl eletto nella mozione Paglia posso dire che sicuramente com'era prevedibile,chi ha vinto il congresso detta legge,ma era nella natura della loro mozione...Rinnovamento nella Continuità , posso pero affermare che seppur poche, delle parole di compartecipazione nelle scelte di partito ci sono; In questa fase serve serrare i ranghi,il rischio è quello di consegnare il
gioiello d'Italia Parma,nelle mani dei Sinistri,cadere nella trappola che alcuni personaggi stanno tessendo per distruggere,sfaldare,le forze di centro-destra sicuramente non mi coinvolgerà mai!! Candidare Buzzi a sindaco è stata una scelta di continuità,paradossalmente anche giusta,non è stata votata dalla minoranza del coordinamento,difatti oltre allo stesso Buzzi per ovvie ragioni,anche tutte le cosiddette colombe si sono astenute(12 astenuti e 1 contro),lasciando dunque aperta la porta del dialogo
interno;il nemico è fuori dal coordinamento ricordiamolo tutti!! Le battaglie vanno combattute dall'interno se uno si chiama fuori vuol dire non credere nei valori che fino a ieri ha difeso,facile quando le cose vanno strepitosamente stare sul carro,ma le idee se sono valide vanno difese,vanno gridate,sicuramente se giuste prevarranno. Concludo augurando a Vincenzo Siennica di non pentirsi mai della decisione".
presa.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Golden

    19 Marzo @ 08.47

    Echissenefrega non lo mettiamo? Vincenzo Siennica? E chi é? La Gazzetta e altri godono nel montare la scenetta del Pdl che si sfalda, e invece va via il segretario di Lavagetto... Che notiziona!

    Rispondi

  • roberto

    18 Marzo @ 20.28

    Pazienza, ce ne faremo una ragione. Tutti sono utili, nessuno è indispensabile.

    Rispondi

  • Simone Tiberti

    18 Marzo @ 10.45

    Concordo con il commento di Fabio delle 19:40, e vorrei aggiungere qualcosina: per quel poco che conosco Vincenzo, e pur avendo idee politiche opposte alle sue, l'ho sempre stimato perché la politica la fa per passione e perché ci crede davvero, a differenza di altri... Mi rendo conto che adesso sia molto in voga il "dàgli al politico", però le persone dovrebbero avere un minimo di intelligenza per discernere quali individui meritino i propri strali e quali no... Certo è molto più facile sputare contro i politici che impegnarsi in prima persona perché la politica cambi... Per quanto mi riguarda sarò sempre dalla parte di chi ci crede e s'impegna e ci mette la faccia, non da quella di chi fa lo splendido da dietro uno schermo...

    Rispondi

  • Giuseppe

    18 Marzo @ 09.49

    Questo giovanotto impara in fretta............impara in fretta a saltare via dal carro perdente per tuffarsi, al volo, su un altro carrozzone che ha qualche probabilità in più di arrivare vicino alla vetta. Capezzone,Mastella e Casini docet.......................

    Rispondi

  • ippolito

    17 Marzo @ 21.37

    Il rispetto e' un valore che e' sempre piu' carente al giorno d'oggi. Soprattutto ci sono molti personaggi coraggiosi che criticano sparando sentenze stando dietro a una tastiera invece di metterci la faccia.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

incidente in curva

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

1commento

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

brescello

Ricicla su Internet motori diesel rubati, denunciato 50enne parmigiano

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

2commenti

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

3commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

LA PEPPA

La ricetta della domenica - Quiche di carciofi

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

kabul

Attacco all'hotel Intercontinental

SPORT

tennis

Australian open, gli ottavi: Seppi eliminato. Stasera gioca Fognini

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

1commento

SOCIETA'

IL DIRETTORE RISPONDE

Opinioni a confronto sui lupi

BLOG

Il "Bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - 3

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti