ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI TUTTE  LE SEZIONI DEL SITO

IL SALE DELLA TERRA

IL SALE DELLA TERRA

 
Musica in Circolo:  nuovo concerto pocket
Parma

Musica in Circolo: il 24 ottobre nuovo concerto pocket

 
Musulmani di Parma a Kuminda: foto di gruppo
Stranieri

I musulmani di Parma contro l'Isis: "No all'odio"

 
Regali dal telefonino,  con un'app tutta parmigiana
Hi-tech

Regali dal telefonino, con un'app tutta parmigiana

 
Golf TGI, quando il metano dà davvero una mano
MOTORI

Golf TGI, quando il metano dà davvero una mano

 
La chiusura della Borsa e l'economia di Parma
TV PARMA

La chiusura della Borsa e l'economia di Parma

 
 Le esperienze della vita entrano nell'arte di Sciff
Galleria Centro Steccata

Le esperienze della vita entrano nell'arte di Sciff

 
Parma dormiente e incantata nelle fotografie di Pezzani
Portici del grano

Parma dormiente e incantata nelle fotografie di Pezzani

 
autunno figliage
viaggi

L'orizzonte tra gli aceri del Québec

 
smartphone
smartphone

La carica dei supertelefonini

 
La Gazzetta aderisce alla raccolta di Munus per gli alluvionati
Iniziativa

La Gazzetta aderisce alla raccolta di Munus per gli alluvionati

 
Mirànt, sèmma a sinch gàti zvélja ch' a n’é ora tato
Dialetto

Mirànt, sèmma a sinch gàti zvélja ch' a n’é ora tato

 
E' morta Lilli Carati
Lutto nel cinema

E' morta Lilli Carati

 
 Gioacchino Giovanni Iapichino
Le nostre iniziative

Riso dall'antipasto al dolce con il libro della Gazzetta

 
«Mollo tutto e vado in Australia con la mia moto»
I nuovi emigrati

«Mollo tutto e vado in Australia con la mia moto»

 
Offerte di lavoro
occupazione

Offerte di lavoro

 
Gli invitati di Michelle...
comare & co.

Gli invitati di Michelle...

 
Alluvione a Parma: la settimana più lunga
cronaca di 7 giorni

Alluvione: la settimana più lunga

 
"Noi in prima linea contro l'Ebola: portiamo cibo a orfani e famiglie"
Salute

"Noi in prima linea contro l'Ebola: portiamo cibo a orfani e famiglie"

 
I ragazzi dell'Istituto Mainetti di Traversetolo
Traversetolo

Scuola, il Mainetti all'avanguardia

 
La miss che non sa leggere la schedina
gaffe

La miss che non sa leggere la schedina Video

 
Mamma Rosa

Mamma Rosa

 
Las Karne Murta, sostegno dal palco
Venerdì prossimo

Las Karne Murta, sostegno dal palco

 
Donne: tutte le news al femminile
la città rosa

Donne: tutte le news al femminile

 
Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!
Kauppa

Fai affari con Kauppa, il social commerce alla parmigiana!

 

C inema

ALTMAN

ALTMAN

Genere Documentario

Durata 95

 

Parma

Via Emilio Lepido: grave un uomo investito da un'auto

Via Emilio Lepido: grave un uomo investito da un'auto
17

Un uomo è stato investito da un'auto in via Emilio Lepido, all'altezza del capolinea della linea di bus numero 3, attorno alle 11,30. Sono intervenuti un'ambulanza e l'automedica del 118, la polizia stradale e la polizia municipale.
In base alle prime informazioni, l'uomo ha riportato ferite gravi. Sembra che stesse attraversando con la bici. La dinamica dell'incidente è al vaglio delle forze dell'ordine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 17
  • Felice

    29 March @ 10.01

    Premesso che dalla mia esperienza e 37 anni senza incidenti grazie a Dio,quello che posso dire è che all'80% di quelli che guidano in città gli andrebbe ritirata la patente e tagliata senza nemmeno diritto di appello se non si è in grado di guidare non si guida ma si va a piedi,detto questo ne ho anche per i ciclisti i quali credono di essere Dio in terra solo perchè usano la bici invece dell'auto volendoci far credere che lo fanno per l'ambiente,dicano pure che lo fanno per comodità propria e non per gli altri,e vi posso assicurare che molti di loro sono proprio maleducati e senza rispetto per il prossimo a prescindere da pista ciclabile o non pista ciclabile,sono maleducati e basta,e i pedoni???!!!qualcuno ha notato che quando debbono attraversare sulle strisce prima di arrivarci corrono ma una volta che ti sei fermato per farli passare allora rallentano sembra di vedere una moviola come a dire...pistola mi hai fatto passare e adesso crepa!!!ma questi PEDONI hanno mai sentito dire che può scivolare il piede dalla frizione?? Un Saluto a tutti Felice

    Rispondi

  • Ilaria

    29 March @ 09.29

    Credo sia giunto il momento di un esame di coscienza collettivo. Ogni fruitore della strada, prima o poi, commette un'infrazione. Poi ovviamente ci sono i recidivi, quelli che se ne fregano costantemente e quelli che hanno sempre ragione loro. Ormai la strada è una giungla e pedone, ciclista, scooterista, automobilista etc..... non cambia molto. Bisogna avere 1000 occhi. Mi chiedo peró dove siano i controlli visto che, ad esempio, ogni mattina sul ponte Italia passano indisturbate orde di ragazzini in scooter con il casco slacciato, visto che mi è capitato piú di una volta di vedere autisti di bus con cellulare all'orecchio, visto che a volte gli stessi vigili parcheggiano come viene. Se fossimo tutti un po' più attenti a quello che facciamo noi prima di giudicare gli altri forse qualcosa cambierebbe. Un ultimo esempio: l'autunno scorso mentre mi recavo al lavoro in via abbeveratoio un ragazzino davanti a me su una moto ha frenato ed è scivolato a terra. La prima cosa che è volata è stata il casco. Mi sono fermata per aiutarlo (stava bene per fortuna) e alla mia domanda: "come mai è volato il casco?" mi ha candidamente risposto "era slacciato". Vi lascio immaginare la mia incredulità davanti a tanta leggerezza. Insegnate ai vostri figli signori e non fatevi vedere insultare chi commette una leggerezza o non va sufficientemente veloce per i vostri gusti.

    Rispondi

  • Augusta

    28 March @ 21.06

    Io sono automobilista e, molto più, ciclista. Quando sono ciclista ho paura e quindi vado sulle piste ciclabili, agli attraversamenti rallento o mi fermo e do la possibilità alle auto di fermarsi. Ho visto TROPPI ciclisti, in specie anziani come me o anche molto di più che credono veramente di essere invincibili. Sul viale Maria Luigia c'è la pista ciclabile verso il fume e un marciapiedi molto largo sul lato opposto: ebbene ho visto più di un ciclista sulla carreggiata in senso inverso a quello di marcia. Ma che cervello hanno? Nelle rotatorie poi non se ne parla: qualche giorno fa nella rotatoria viale dei Mille, viale della Vittoria, con tanto di piste ciclabili e attraversamenti protetti, il classico vecchietto metteva fuori la manina e mi chiudeva la strada (ero in auto) per fare la rotonda. Fortunatamente io, quando vedo il vecchietto rallento e controllo i movimenti incolsulti, ma se avessi avuto fretta o altro me lo sarei preso sotto tranquillamente. MA SOLO IO HO PAURA QUANDO VADO IN BICI? Ora io non so cosa sia successo in via Emilio Lepido e lungi da me pensare che il signore in questione se lo sia meritato, però un po' di prudenza per tutti non sarebbe male!

    Rispondi

  • sabcarrera

    28 March @ 20.06

    30 km/h in città come in altri paesi

    Rispondi

  • Franco

    28 March @ 18.50

    in zona c'è pista ciclabile e quando si attraversano le striscie c'è il segnale di scendere dalla bicicletta e attraversare con bici a mano. questa è la seconda volta in una settimana che accade. nessun ciclista (credo) conosce questo segnale stradale e tutti quelli che sono su pista ciclabile attraversando sulle striscie lo fanno stando sulla bicicletta. chiaramente l'automobilista è in torto ed il signore purtroppo sta molto male. Impariamo a rispettare le regole... accadra di nuovo ma forse con meno cadenza.

    Rispondi

Mostra più commenti