12°

Parma

Editoriale - Un Paese di poveri? No, un Paese di ladri

Ricevi gratis le news
44

di Giuliano Molossi

La nostra busta paga, massacrata dalle tasse, è sempre più leggera, le stangate sulle bollette di luce e gas non si contano, la benzina è sui 2 euro al litro, i giovani fanno fatica a trovare un lavoro decoroso, gli imprenditori onesti (non quelli che dichiarano meno dei loro dipendenti) vivono ore d'angoscia. Di questi tempi, la gente avrebbe mille motivi per essere preoccupata, sfiduciata, delusa. Eppure, nonostante tutto, il governo gode ancora di larghissimi consensi. Questo governo, che non abbiamo votato, che non abbiamo scelto, è più gradito di tutti quelli che l'hanno preceduto, di destra e di sinistra. Sembra quasi che gli italiani dicano: sì, ci tartassa, ma evidentemente non può fare altro per salvarci dal disastro. Proprio ieri Mario Monti ha ammesso che gli aumenti fiscali e tariffari sono rozzi e dolorosi ma, ha aggiunto, sarebbe stato peggio far la fine della Grecia. E forse il premier dice questo perché intuisce che gli italiani lo perdoneranno e lo capiranno. E' così. La gente fatica ad arrivare alla fine del mese, è strangolata dal fisco, ma invece di prendersela con il governo, come sarebbe naturale che fosse, urla la sua rabbia (nelle lettere ai giornali, sui social network, alla radio e in tv) contro l'esercito degli evasori, quelli per intenderci che viaggiano in Suv e vanno in vacanza alle Maldive ma poi, non dichiarando quasi nulla, pretendono e ottengono l'esenzione a scuola per la mensa dei figli. Dopo anni e anni di «laissez faire», contro i «furbetti del fisco» il governo Monti sta provando a fare sul serio. Verifiche a tappeto, come non si erano mai viste prima, sulla mancata emissione di scontrini, sanzioni fino alla chiusura degli esercizi commerciali fuorilegge, controlli incrociati su chi è al volante di auto di lusso (una volta quando ti fermavano chiedevano patente e libretto, adesso vogliono il codice fiscale) per verificare se in base all'ultima dichiarazione dei redditi ci si può permettere di guidare macchine da centomila euro e oltre.

Hanno suscitato molte polemiche i blitz spettacolari condotti a Cortina l'ultimo dell'anno e poi a Courmayeur e in altre località di vacanza. In attesa di setacciare Porto Cervo a Ferragosto, gli uomini dell'Agenzia delle Entrate ieri hanno preso di mira le botteghe orafe di Ponte Vecchio a Firenze. Il sindaco Renzi ha approvato i controlli ma al tempo stesso ha auspicato che oltre ai blitz spot e simbolici, oltre alle operazioni eclatanti di comunicazione sui media, l’Agenzia delle Entrate faccia anche un lavoro quotidiano, strutturale, metodico, dando risposte alle numerose segnalazioni di irregolarità che vengono inviate dai cittadini al 117 della Finanza e dalle amministrazioni pubbliche.
E' una somma pazzesca quella che lo Stato può recuperare dalla lotta all'evasione. I proventi dovranno essere utilizzati esclusivamente per abbassare le tasse a quei lavoratori dipendenti e a quelle imprese che le hanno sempre pagate. In tal modo si favorirà lo sviluppo del Paese, si rilanceranno i consumi. Non arriveremo a paragonare, come fa l'onorevole Di Pietro, l'evasione fiscale al terrorismo, ma non c'è dubbio che si tratti di una questione seria e urgente che va affrontata con grande determinazione. E' un problema di giustizia sociale. Vi sembra normale che pensionati e lavoratori dipendenti versino il 93 per cento delle imposte totali? I recenti dati, diffusi dal dipartimento delle Finanze relativi alle dichiarazioni Irpef dell'anno scorso, ci dicono che un italiano su due vivrebbe con meno di 15.000 euro lordi l’anno, un terzo addirittura con meno di 10.000 euro. Solo un italiano su cento dichiara oltre 100.000 euro (una barzelletta, considerando il tenore di vita che molti ostentano, sicuri dell'impunità). Sembra la fotografia di un Paese di poveri. E' invece la fotografia di un Paese di ladri.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • michael santhers

    06 Aprile @ 06.32

    SHARIA Legge Islamica di Dio prevede per i ladri il taglio delle braccia e lapidazione per l’adulterio -In Italia non può essere applicata, ve l’immaginate un paese con sessanta milioni di monchi o di lapidati? -Meglio il cattolicesimo con ostie,confessioni, concistori sermoni,catechismi,cresime avalla pasture e balzelli arzigogolati tipo: incidente probatorio patteggiamento,fermo domiciliare buona condotta,incensurato,vizio di forma decorrenza dei termini, primo,secondo grado,cassazione riesame,archiviazione,indulto e tra intralci di Gip e Gup imputati in crociera premio -Tribunali,via di mezzo tra agenzie turistiche e mercato del pesce ------------------------------------- Da:Poesie Cialtrone

    Rispondi

  • roberto

    02 Aprile @ 11.41

    Qualcuno potrebbe spiegarmi perchè quando l'evasione fiscale c'era davvero (anni '50 e '60) e di tasse se ne pagavano poche, l'Italia cresceva tantissimo, dando vita a uno straordinario boom economico, con più benessere per tutti? Mentre ora invece accade il contrario?

    Rispondi

  • roberto

    02 Aprile @ 11.28

    La ricetta di Monti non fa altro che seguire i suoi predecessori: una continua rincorsa fra aumento della spesa pubblica e aumento delle tasse per finanziarla. Sono almeno trent'anni che le cose in Italia vanno così. Fosse una ricetta giusta, saremmo già il paese più sviluppato del mondo. E invece un paio d'anni dopo ogni "tosata" ci si ritrova allo stesso punto di prima (indebitamento e recessione) e c'è bisogno di farne un'altra. Se non si chiude prima il rubinetto della spesa, non si risolverà mai niente.

    Rispondi

  • frusta

    02 Aprile @ 10.41

    Niente di nuovo sig. molossi. Come al solito il suo commento arriva sempre dopo! Come al solito ha scoperto l'acqua calda! Le faccio notare che sono vere entrambe le cose, sia per i ladri sia per i poveri causati dai ladri!

    Rispondi

  • pier luigi

    02 Aprile @ 09.17

    forse sarò l'ultimo, e confesso che non ho letto tutti gli altri commenti, per cui potrei ripetere i concetti. Il nostro disavanzo pubblico, oltre al conclamato dovuto all'evasione fiscale, è dovuto alla spesa pubblica. La spesa pubblica è data dal numero esagerato di chi vive sulle spalle dei cittadini. Se per avere un sustema legislativo, deputati e senatori con correlati, impiegati, uscieri, chef, barbieri, stenografi, commissari, ecc. ecc. e passando alle regioni, come sopra, alle province, per passare a enti e chi più ne ha più ne metta. Qualcuno pensa che nel numero dei nostri rappresentanti stia la democrazia, mentalità da epoca dei comuni ovvero medioevo! Cambiare legge elettorale? si ! diminuendo il numero degli eletti e alzando la soglia di quella attuale per l'elezione. Eliminare gli sprechi e cercare di essere più Nazione anche se Federale e non Regionale!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiocco rosa per Kim Kardashian e Kanye West

STATI UNITI

Fiocco rosa per Kim Kardashian e Kanye West Video

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ponte Verdi a Ragazzola

roccabianca

Schianto tra due auto e un camion sul Ponte Verdi: muore un 60enne

Ferito un 43enne parmigiano. E torna la protesta per un tratto "ad alto rischio"

Anniversario

Filippo Ricotti, un anno dopo. La mamma: "Massese, nessuno fa nulla"

Lettera della madre del 17enne travolto e ucciso sulla Massese un anno fa a Cascinapiano

PARMA

Scuole elementari: due casi di scabbia al Maria Luigia

5 stelle

Parlamentarie: i nomi dei 28 parmigiani in corsa. E le esclusioni che fanno discutere

1commento

LUTTO

E' morto Luigi Renzi, popolare ex gestore del bar Capriccio

IL CASO

Numero telefonico «rubato», prima vittoria per una 85enne

2commenti

Salsomaggiore

Addio al prof Vighi, una vita per lo sport

CONDANNA

Si avventa contro la fidanzata e le fa sbattere la testa contro la portiera dell'auto

2commenti

Ferrovia

I pendolari della Parma-Brescia: «Ogni giorno è un'odissea»

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

5commenti

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

Salsomaggiore

Teatro Nuovo, sciolto il contratto con i gestori

montecchio

L'assume come badante ma voleva altro: denunciato per tentata violenza sessuale

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

gazzareporter

La notte buia di via Marchesi. "E' così da un mese"

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

3commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

di Daniele Rubini*

1commento

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Livorno: vento forte, interrotti i collegamenti con le isole. Danni sul litorale del Lazio

MILANO

Incidente in una ditta: morti tre operai, uno è gravissimo

SPORT

calcio

Manuel Nocciolini va in prestito al Pordenone

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

SOCIETA'

BLOG

Il "bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - 2

gusto light

La ricetta "green" - Riso venere con porri e curry

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

DETROIT

Le novità del Salone: è sfida tra pick-up Gallery