11°

17°

Parma

Ai domiciliari? C'era il sosia del "drago"

Ai domiciliari? C'era il sosia del "drago"
Ricevi gratis le news
0

di Francesco Bandini

Mentre era agli arresti domiciliari a Piacenza aveva ottenuto l'autorizzazione a venire a lavorare a Parma, in una ditta di confezionamento di capi di abbigliamento di cui risultava titolare il fratello. Ma quello che i carabinieri periodicamente andavano a controllare nell'opificio nella zona di via Calatafimi non era il 33enne cinese Lin Dong Sheng, ma un suo sosia. E così, con questo stratagemma - agevolato dal fatto che spesso per gli occidentali i cinesi si assomigliano un po' tutti - Sheng è riuscito a farla franca per svariati mesi. In realtà si trovava in Spagna, dove gestiva in tutta tranquillità i propri molteplici affari e dove, dopo lunghe indagini, i carabinieri di Piacenza, in collaborazione con la polizia iberica, l'hanno individuato in febbraio. Nei giorni scorsi l'hanno arrestato e, dopo aver ottenuto l'autorizzazione all'estradizione, l'hanno condotto in Italia, dove si trova attualmente, rinchiuso nel carcere milanese di Opera.
Lin Dong Sheng era inseguito da un mandato di cattura internazionale: doveva scontare una condanna a 8 anni di reclusione (di cui poco più di due anni già passati in cella) per sequestro di persona in concorso, sequestro di persona a scopo di estorsione e lesioni personali aggravate in concorso. Secondo i giudici, infatti, era a capo di una famiglia cinese che dal Paese asiatico, con la collaborazione di organizzazioni criminali locali, faceva venire in Italia e in Spagna connazionali da utilizzare come manodopera  a basso costo in una rete di attività commerciali e produttive a lui riconducibili, dove spesso queste persone venivano segregate e costrette a pagare ingenti somme per ottenere la libertà. Questa rete si estendeva in Emilia Romagna (oltre che Parma, anche Piacenza, Reggio e Rimini), in Lombardia, nelle Marche e in Spagna. In particolare, a Parma aveva diversi ristoranti, quattro appartamenti (tre in città e uno a Baganzola) e due negozi di abbigliamento, oltre a tre licenze per posto fisso nei mercati rionali e svariate altre licenze (non utilizzate) sempre per la vendita come ambulante nei mercati. 
Numerosissime le attività nelle altre città, fra cui anche bar, sale giochi, lavanderie e ditte di confezionamento di abbigliamento. Un «impero» che gli investigatori di Piacenza non hanno esitato a definire «impressionante»: un patrimonio che Sheng gestiva personalmente o per tramite dei numerosi membri della sua famiglia. Proprio a Parma vivono il padre, la madre e un fratello, che da anni conducono attività commerciali, fra cui alcuni ristoranti della città. Nell'ambiente era chiamato «Signore drago», a testimonianza del rispetto di cui godeva.
Su di lui aveva indagato anche la Direzione distrettuale antimafia di Venezia per il suo ruolo all'interno della mafia cinese, con particolare riferimento allo sfruttamento di numerosi concittadini della Repubblica popolare impiegati  poi come lavoratori clandestini in varie città dell'Emilia Romagna e non solo.
La scoperta dell'evasione dai domiciliari risale al 2006: in quel periodo l'uomo era in attesa che la Cassazione si pronunciasse definitivamente sulla condanna a otto anni che pendeva su di lui. Successivamente la condanna è stata confermata, ma del «Signore drago» non c'era più traccia da tempo. Ma i militari del Nucleo investigativo dei carabinieri di Piacenza, guidati dal capitano Rocco Papaleo, hanno iniziato un'intensa attività di indagine che non si è mai interrotta, ma resa particolarmente difficile dalla particolare chiusura e impenetrabilità della comunità cinese. Nel 2009 si era localizzata la presenza di Sheng in Spagna, ma solo di recente si era individuato con precisione il suo «rifugio»: si trovava dalle parti di Barcellona, dove sovrintendeva a una vasta rete di attività economiche e ristoranti. E proprio in un suo ristorante i carabinieri l'hanno trovato, dopo averlo seguito le tracce di numerosi suoi parenti che dall'Italia erano volati in Spagna per partecipare, insieme a lui, a un matrimonio cinese. Una festa che gli è costata la libertà. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

1commento

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va