12°

Parma

Scuole elementari, genitori preoccupati: "Aumentano i bambini, a rischio il tempo pieno"

Scuole elementari, genitori preoccupati: "Aumentano i bambini, a rischio il tempo pieno"
Ricevi gratis le news
18

I genitori degli alunni dell’istituto comprensivo “Albertelli - Newton” e della direzione didattica “Fratelli Bandiera” manifestano, attraverso una lettera ai media, «la propria profonda preoccupazione per l’eventualità che non vengano accolte tutte le  richieste di tempo pieno relative alle classi prime della scuola primaria dell’obbligo per l’a.s. 2012/2013». 
«L'incremento delle iscrizioni a livello cittadino (ca. 380 bambini) e il forte aumento delle richieste di tempo pieno - scrivono i genitori - renderebbero necessaria la creazione, nel solo comune di Parma,  di 11 classi in più rispetto allo scorso anno. I vincoli di bilancio e la legge di riforma 169/2008, che penalizza il tempo pieno (40 ore) a favore del modello delle 24/27 ore, escludono di fatto tale possibilità. Trattandosi di iscrizioni alla scuola dell’obbligo, si ritiene che il diritto a tale scelta debba essere salvaguardato senza riserve.
Per sollecitare un’adeguata assegnazione di organico a tutti gli Istituti Comprensivi della Città è stato inviato un documento alle autorità competenti a livello provinciale, regionale e nazionale sottoscritto da genitori degli scriventi istituti e dai genitori eletti nei Consigli d’Istituto dell’I.C. “Pezzani – Puccini” e dell’I.C. “Sanvitale – Fra Salimbene”
Il documento richiama le ragioni culturali a difesa di un modello organizzativo e didattico (quello delle 40 ore) che ha prodotto ottimi  risultati in termini di apprendimento, benessere e integrazione scolastica.
La raccolta di firme, avviata a livello cittadino, intende sollecitare un forte movimento di opinione pubblica a sostegno della qualità dell'offerta formativa statale e della necessità inderogabile di procedere a:

1. congrua assegnazione di classi a tempo pieno a copertura delle domande presentate
2. attribuzione di personale di sostegno commisurata alle effettive necessità degli alunni diversamente abili
3. formazione di classi nelle quali il numero complessivo di alunni non superi i limiti imposti dalla legge, in modo tale che sia consentito  accoglierli e  seguirli adeguatamente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    13 Aprile @ 08.04

    Gigi, spiegami che pertinenza ha il tuo commento su una bambina nuova con il discorso su scuole, asili, case, ospedali gratis agli extracomunitari, se rispondi sei pregato di farlo nel merito non deviando il discorso

    Rispondi

  • pier luigi

    12 Aprile @ 19.32

    ecco il 'maurizio', grande! ma glivoglio raccontare una cosa: questa mattina mia nipote si è ritrovata con una bambina nuova nella sua classe. 12 di aprile oltre metà dell'anno scolastico trascorso e viene inserita una povera bambina che non parla italiano e nemmeno inglese! Per non parlare degli altri gia inseriti chi da inizio d'anno e dopo un mese di scuola! Tenga conto che la maestra ha dovuto superare le difficoltà create dall'arrivo di tanti 'stranieri' e non dalla ministra Gelmini! Non parliamo poi dei libri che ogni anno cambiano e per quanti sforzi fatti rimangono sempre tanti, anzi aumentano!

    Rispondi

  • Matteo

    12 Aprile @ 16.37

    Mi chiedo dove vive certa gente e che cosa apre la bocca a fare chi non ha la minima idea di cosa sta dicendo...ad esempio NOCCIOLA che in 3 righe e mezzo di commento è riuscito/a a toglierci ogni dubbio su quale sia la sua conoscenza di questo argomento. Magari ogni tanto sarebbe meglio stare zitti per evitare di dire delle castronerie del genere. Nocciola mo in do vivot??

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    12 Aprile @ 12.12

    Evidentemente in Italia c'è un Mago Merlino che amministra la cosa pubblica, nella fattispecie la scuola oggetto della notizia di oggi. Infatti si parla di problemi che ci sono nella scuola subentrati negli ultimi tempi: aule mancanti, insegnanti pochi, mal pagati, servizi che "saltano", ecc. E, more solito, ci si accapiglia tra chi è stato beneficiario di queste novità: i genitori e gli insegnanti, gli uni contro gli altri armati. Un tempo si diceva che fanno come i polli di Renzo (ah, la vecchia scuola che insegnava qualcosa!), mentre il buon Azzeccagarbugli ed amicone Rodrigo che se la ridevano del povero fessacchiotto di Renzo e del suo matrimonio andato all'aria. Qualcuno mi sta sussurrando che non è stato Mago Merlino a fare tutto questo bailamme! Ma chi è stato allora? Forse qualcuno che abbiamo eletto noi tutti e che è andato (o andata) in un certo ministero, che ha cambiato le cose, ha ridotto qua e là, se ne è infischiato (o infischiata) dei problemi che sarebbero sopravvenuti, ecc, ecc. ecc. Ma questo vuol dire che la colpa è nostra di questi problemi, stiamo litigando contro noi stessi. E, guarda caso, a leggere i sondaggi (per quel che valgono) si rivoterebbero le stesse figure che hanno fatto queste belle cose: un po' di per cento in meno a questo che va a quello (il quale a suo tempo ha fatto altrettante corbellerie). Non è, per caso, che stiamo tutti piangendo sul latte che abbiamo versato -proprio noi- in terra e forse lo riverseremo ancora?

    Rispondi

  • Geronimo

    12 Aprile @ 11.59

    Luca non sono razzista io, è un dato di fatto che tu scrivi dati fasulli io no, le scuole non sono gratis in automatico, in genere un extracomunitario che lavora guadagna come un suo parigrado italiano quindi le agevolazioni le hanno sia l'uno che l'altro, gli ospedali no sono gratis quando le diagnosi non sono gravi, le case gratis non ci sono per nessuno poi se andiamo a vedere le graduatorie non è vero che sono assegnate solo agli stranieri, la percentuale di assegnazione è in linea con la loro presenza sul territorio, non è vero che non pagano tasse perché se sono in regola e sono dipendenti le pagano alla fonte come tutti, ripetimi e dammi riferimenti dove andare a verificare su una sola cosa vera del tuo commento precedente naturalmente sulle rimesse all’estero. Le risorse drenate sul nostro territorio sono le aziende che si trasferiscono all’estero, arricchisci i paesi esteri, magari ben sapendo che sfruttano i lavoratori (guarda i vestiti che hai addosso da dove vengono, poi pensa a come vengono costruiti, hai qualcosa di pelle addosso? Bene, probabilmente sei complice di sfruttamento in India o Brasile, per non parlare dell’assemblaggio in altri paesi), lavoro tolto a noi residenti sul suolo italiano e minore capacità di far girare l’economia per il fatto di aver meno disponibilità economica, però su questo non si dice nulla. Poi se la finanza fa la lotta all’evasione si grida allo scandalo, si dice di andare a vedere i ladri, poi se si verifica un furto e si assiste ad esso si fa scena muta

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I regali di Natale per lui

PGN

I regali di Natale per lui

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

1commento

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

2commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

carabinieri

Traffico rifiuti a Livorno, sei arresti. Intercettazioni choc: "I bambini? Che muoiano"

1commento

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260