22°

Parma

Daccò, una feluca parmigiana nel cuore dell'Africa

Daccò, una feluca parmigiana nel cuore dell'Africa
Ricevi gratis le news
0

Roberto Longoni

Ora, tra lui e la sua casa a Parma non c'è più un oceano, ma il Mediterraneo e quasi un intero continente: deserti, savane e giungle. Fino a una frontiera tutta da scoprire, sempre al di sotto della linea dell'equatore, nella parte giovane del pianeta. Un orizzonte  diverso, così come il peso sulla scrivania a lui affidata dalla Farnesina. Da console in Brasile ad ambasciatore in Zambia: Pier Mario Daccò si è trasferito dal Sudamerica all'Africa del sud.  La nomina, deliberata dal Consiglio dei ministri, ha preceduto di poco Pasqua e il governo del Paese africano ha subito espresso il gradimento. E così  il diplomatico, raggiunta Lusaka con la moglie e le due figlie, s'è dedicato al nuovo compito. Con qualche difficoltà in più, visto che in Zambia l'ambasciatore italiano mancava da un paio d'anni.  Per ora, può parlare solo di prime impressioni. «Molto buone: questo è  un Paese caratterizzato da stabilità politica e da uno sviluppo economico con tassi di crescita notevoli da anni. Lusaka è verde e ordinata e gli zambiani di carattere aperto e amichevole».  Da un paese «caldo» a un altro. «In Brasile ho avuto l’occasione di osservare dall’interno le dinamiche di un Paese giovane e in pieno sviluppo - ricorda - dove convivono in un sorprendente equilibrio ambiti e livelli di sviluppo sociale ed economico molto differenti. Interessante è stato anche il confronto con l’altro grande paese del Sudamerica, l’Argentina, dove l’impronta e lo stile europei, avvolti da una fascinosa malinconia, contrastano con l’esuberanza, i colori e la rumorosità brasiliani». Interesse e curiosità per realtà così diverse dalla nostra. Ma anche amore per la terra d'origine che da lontano si mette ancora più a fuoco. «L'Italia è il Paese più bello del mondo. Deve e può ritrovare un sentimento comunitario, la consapevolezza delle proprie potenzialità e un maggiore ottimismo nel futuro».  Ora, con i suoi 44 anni, Daccò fa parte del drappello di giovani diplomatici che  la Farnesina sta nominando «alla guida di ambasciate minori, per imprimere maggiore dinamismo alla nostra presenza istituzionale in paesi considerati forse marginali rispetto agli interessi prioritari della nostra politica estera, ma dove la presenza di un’ambasciata è molto importante per i contatti politici e per l’assistenza ai nostri connazionali e imprenditori».  Una nomina che vale per tre. «Oltre allo Zambia - spiega - dovrò seguire la politica nei due Paesi di accreditamento secondario, Botswana e Malawi: sia in un’ottica bilaterale che nell’ambito delle relazioni con l’Unione Europea e dei grandi temi inerenti le Nazioni Unite; promuovere una maggiore presenza economica italiana, considerando che la crescita economica dello Zambia, seppure in un ambito dalle dimensioni ridotte,  offre interessanti prospettive per gli imprenditori interessati a esplorare opportunità in questa parte ancora poco conosciuta del continente africano». Obiettivi che si aggiungono ad altri. «Ossia assicurare la migliore erogazione dei servizi consolari ai connazionali residenti e assistenza in caso di necessità a italiani, turisti e imprenditori, temporaneamente presenti nel Paese». Parma, in particolare, potrebbe trovare una nuova frontiera quaggiù. «Lo Zambia - prosegue Daccò - intende diversificare la propria economia, fortemente dipendente dalla produzione mineraria. Si vuole  rafforzare agricoltura  e allevamento, soprattutto per quanto riguarda la lavorazione e la commercializzazione dei prodotti alimentari, oggi quasi del tutto in mano alle industrie sudafricane. Potrebbero esserci interessanti prospettive per le imprese parmigiane specializzate nei macchinari per l'industria alimentare». Non solo. Anche i nostri prodotti qui potrebbero trovare una nuova vetrina. «La domanda di prodotti alimentari di qualità sta crescendo con il benessere del Paese. Dal 1998 la Parmalat è  in Zambia, dove ha conquistato una posizione di preminenza nel settore lattiero caseario». Tempo libero a disposizione, visti gli  impegni, Daccò non ne avrà molto. Ma in parte sa già come investirlo. Con uno sport scoperto in Argentina, da praticare a cavallo. «La tradizione britannica del polo è rimasta in tutta la regione - sorride -. Potrò rispolverare i tacos (le mazze)  per anni rimasti appesi al chiodo  nella nostra casa di Brasilia. Per il resto, spero di riuscire a esplorare con la mia famiglia la natura incontaminata e la straordinaria fauna delle riserve della regione». Da esploratore con la feluca, infine, l'invito ad altri «esploratori». «Mi  auspico che nessun parmigiano passi dallo Zambia senza essersi fatto vivo con l’Ambasciata a Lusaka: le porte sono sempre aperte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»