-2°

Parma

Elezioni in 1' Proposte e polemiche

Elezioni in 1' Proposte e polemiche
Ricevi gratis le news
3

Gli interventi dei candidati sindaco
Vincenzo Bernazzoli, candidato sindaco del centrosinistra, interviene sul tema dell'Università. «Occorre ridefinire un patto di stretta collaborazione con l’Università. L’innovazione e la qualità sono due elementi essenziali per lo sviluppo sociale ed economico della nostra comunità. Il nostro Ateneo deve essere in grado di favorire l'innovazione del tessuto produttivo, diventando una forza strategica in grado di attrarre nuovi talenti, imprese e capitali. E’ indispensabile che l’Amministrazione sostenga con servizi adeguati l’attività svolta dall’Università. Bisogna garantire servizi adeguati alle esigenze degli studenti, a partire da luoghi in cui poter studiare».

Priamo Bocchi (La Destra) interviene sullo «stato di enorme difficoltà in cui versano le società sportive locali». «Alcune di loro, a fronte dell'aumento sconsiderato delle tariffe (retroattivo) e del mancato pagamento dei contributi di gestione da parte di Parma Infrastrutture, sono a rischio soppravvivenza. Il futuro sindaco si deve impegnare a convocare immediatamente dopo le elezioni una unità di crisi con i rappresentanti dell'associazionismo sportivo per garantire lo svolgimento dell'attività di ragazzi, giovani e anziani. Bisognerà attuare un programma di intervento che preveda la manutenzione degli impianti comunali».

Wally Bonvicini (Buongiorno Italia! Siamo Voi!) propone uno sportello per l'assistenza nel rapporto con Equitalia: «Il cittadino che dichiara di essere debitore di Equitalia e chiede di poter rateizzare il proprio carico pendente in quanto in difficoltà economica non è un evasore. Il Comune di Parma avrà uno sportello dedicato al cittadino in difficoltà, affinché le sue cartelle esattoriali siano verificate e sia pagato il dovuto e non tre volte tanto! Il cittadino deve pagare le tasse, ma quelle dovute, non importi lievitati al solo scopo di pagare stipendi faraonici ai dirigenti! Buongiorno Italia!Siamo Voi! istituirà comunque uno sportello presso la sede del partito». 

Roberto Ghiretti (Parma Unita): «Abbiamo perso il treno per il Bicentenario verdiano 2013. E’ ora di dirlo, di evitare facili illusioni: a Parma non si farà nulla e, se qualcosa accadrà, succederà in tono molto dimesso. Le colpe sono di tutti: della Fondazione Teatro Regio, di Comune, Provincia, Regione, Stato. Però c’è anche un problema della città: ci riempiamo tutti la bocca di Verdi, poi però siamo una città che non dimostra, nei fatti, di aver capito che Verdi è una risorsa incredibile». Ghiretti propone di ripartire dai talenti, dalla qualità, dai giovani: «Commissionare nuove opere a giovani compositori, coinvolgere il Conservatorio e i suoi studenti».

Federico Pizzarotti (Movimento 5 Stelle) risponde al candidato sindaco del Pdl Paolo Buzzi sulla questione del debito del Comune.
«Buzzi scorpora il debito delle partecipate dal debito del comune. Peccato che le partecipate appartengano al comune, e quest'ultimo è il garante a livello patrimoniale - dice Pizzarotti attraverso un comunicato -. Quando cita i 900 euro a testa dei parmigiani include anche i debiti delle partecipate? No. Come mai? Sono scomodi quei dati? Se non ci fosse stata la magistratura ad indagare non ne avremmo saputo nulla, alla faccia della trasparenza».

Andrea Zorandi (Lega Nord) scrive in una nota che sulla lotta agli affitti in nero «la Lega rivendica la paternità della battaglia. «Fa piacere vedere che anche altri in campagna elettorale si ricordano dell'importanza della lotta: quel che però dev'essere chiaro a tutti, addetti ai lavori e non, è che noi della Lega Nord lo chiediamo da anni. Leggo che anche l'Udc ha fatto propria quest'iniziativa e la cosa mi pare strana oltre a sapere di spot, il classico proclama da sbandierare in campagna elettorale. Dico questo perché negli anni in cui sono stati al governo con le Amministrazioni Ubaldi prima e Vignali poi, poco, quasi nulla è stato fatto in tal senso». 

Gli interventi dei candidati al Consiglio 
Hassan Bassi, candidato dei Verdi per “Parma che cambia”, questa mattina ha presentato un dossier sulla situazione delle piste ciclabili e ciclopedonali di Parma. «Non solo non abbiamo un numero significativo di chilometri, ma spesso, quelle che ci sono non garantiscono la necessaria sicurezza a chi le percorre». A oggi sono 53 i chilometri di piste in città. Tre i punti sui quali intervenire immediatamente, secondo Bassi: messa in sicurezza dei percorsi a oggi esistenti; separazione della mobilità ciclabile da quella pedonale ove possibile; realizzazione di piste ciclabili, ove consentito, direttamente sulla sede stradale.

Sergio Boscarato, candidato nella lista del Pdl, avanza alcune proposte sul tema della sicurezza: «E' un bene primario, secondo solo alla salute, di nessun colore politico e quindi patrimonio di tutti. A livello comunale mi sento di avanzare le seguenti proposte, di natura tecnica, a sostegno di quanto è già in atto. Proposte che si identificano in un graduale ritorno dei Vigili Urbani nei quartieri. E frattanto si dovrà procedere con una migliore preparazione, motivazione, coinvolgimento e formazione morale degli agenti. Per sollecitare la collaborazione, dovrà essere avviata una seria campagna per la formazione della “coscienza collettiva della sicurezza».

Andrea Casale, candidato dell'Italia dei Valori, propone che il Comune valuti attentamente i costi dell'informatica. «Il Comune di Parma ha certamente investito importantissime risorse economiche nelle dotazioni informatiche dei propri uffici. E' lecito chiedersi quanto sul bilancio comunale incidano le licenze software e quanti apparecchi informatici siano realmente necessari. Occorre razionalizzare i sistemi informatici capendo prima di tutto come "risparmiare" in termini di licenze. Esistono inoltre alcuni sistemi operativi "open source" come Linux e Ubuntu che sono scaricabili da chiunque e che sono completamente gratuiti». 

Giuseppe La Pietra (Parma che cambia) concorda con l'idea della Lega Nord di Implementare i servizi antiviolenza e gli strumenti di monitoraggio ma ricorda al Carroccio «come siano stati i primi, quando erano al Governo, a tagliare i fondi alla polizia prevendendo un’ulteriore riduzione del personale entro il 2014. Dobbiamo anche consolidare un dialogo interculturale», per evitare «pratiche di silenzio» sul problema. La Pietra commenta anche il sovraffollamento del carcere e propone di istituire il Garante del Carcere, un organo di garanzia che tuteli «le persone limitate della libertà personale», ricevendo segnalazioni e dialogando con le autorità.

Simone Rossi, candidato di "Parma che cambia", propone che la polizia municipale controlli l'inceneritore. «Bloccare l’inceneritore è ancora possibile: impostando una raccolta differenziata spinta al 70% si sottrae il “combustibile” all’impianto che quindi chiuderebbe per diseconomia essendo autorizzato solo per bruciare i rifiuti prodotti in provincia di Parma. Se sarò eletto in consiglio comunale, mi attiverò perché a rotazione un vigile della polizia municipale controlli di persona 24 ore su 24 i formulari dei rifiuti che entrano nell’impianto. Tale vigile potrebbe affiancato dai cittadini che volessero essere presenti come testimoni».

Paola Varesi, segretaria del Prc, scrive: «La prossima consultazione elettorale è la logica conseguenza della implosione del sistema di malgoverno incardinatosi in città a fine anni Novanta. C'è voluto tempo per far cessare una lunga agonia condita di malaffare e aprire la possibilità di una nuova prospettiva. Buzzi continua ad affermare di andare "a testa alta" e a voler accreditare positivamente quelle esperienze di governo che troppi danni hanno arrecato alla nostra collettività. Rifondazione comunista rivolge alle elettrici e agli elettori un accorato appello a concorrere con il voto a determinare il cambiamento di cui la città ha bisogno». 

Gli interventi dei partiti
Per Parma bene comune, «Ubaldi è il padre del fallimento» perché nel 2007 votò il bilancio preventivo 2008-2010 della giunta Vignali. La lista avanza anche una serie di proposte per il governo della città: creare un assessorato ai Beni Comuni e alla Partecipazione, promuovere la democrazia partecipativa e la legalità, una procedura pubblica di verifica sul debito» e una revisione profonda del sistema delle partecipate. L’ambiente è uno degli obiettivi prioritari, compreso un "no" all’inceneritore. Le altre priorità riguardano servizi sociali, istruzione e cultura, sicurezza, urbanistica e trasporti, lavoro e migranti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alberto Girlando

    19 Aprile @ 12.28

    Ill Bernazzoli che in tutti questi anni, in qualità di Presidente della Provincia, è stato nel consiglio di Amministrazione dell’Università..è lo stesso che dice che ”Serve un nuovo patto di collaborazione tra città e Ateneo” ? E visto che l'Università di Parma sta finendo sui giornali nazionali, nonché sulle interrogazioni in parlamento, perché Bernazzoli non dice cosa pensa della proroga allínfinito dell'attuale Rettore ?

    Rispondi

  • cristina

    18 Aprile @ 11.05

    MA CHI CI VA A VOTARE?

    Rispondi

  • stefano

    17 Aprile @ 20.12

    La sinistra dovrebbe vergognarsi e nascondersi, non si ricordano forse che per 50 anni hanno governato parma ? non si ricordano che per 50 anni non hanno fatto nulla se non togliere e rimettere il porfido sulle strade? Gli altri ( a parte quelli che parlano di sicurezza ) dovrebbero nascondersi, piste ciclabili, Giusepper Verdi, società sportive,sistemi operativi ( idv nella sua ignoranza non sa che linux e ubuntu ( che sono poi la stessa cosa ) sono per appassionati smanettoni e non per chi ci deve lavorare con programmi compatibili...... Ma state scherzando? Pensate davvero che siano questi i problemi della nostra città???? Ma dove avete vissuto finora? Voi politici non avete nessuno migliore da proporci invece della solita minestra insipida?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

calcio

Il Parma s'accontenta

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

1commento

Gara

La grande sfida degli anolini

1commento

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

5commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande