ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

TUTTI PER UNO

TUTTI PER UNO

 
Gli Stones contro Trump: «Basta usare la nostra musica»
STATI UNITI

Gli Stones contro Trump: «Basta usare la nostra musica»

 
Neolaureati, a Parma il 73% trova lavoro entro un anno
università

Neolaureati, a Parma il 73% trova lavoro entro un anno

 
Una sera a tavola con Maria Luigia
concerto

Una sera a tavola con Maria Luigia

 
Emergenza immigrati e malaffare in «profugopoli» di Mario Giordano
letti per voi

Emergenza immigrati e malaffare in «profugopoli» di Mario Giordano

 
Entro fine anno un ostello per i pellegrini
fidenza

Entro fine anno un ostello per i pellegrini

 
E' l'iPhone il gadget più influente della storia
LO DICE TIME

E' l'iPhone il gadget più influente della storia

 
Vincenzo e Ugo, 50 anni dopo...
concerto speciale

Vincenzo e Ugo, 50 anni dopo...

 
Ma la guida autonoma è davvero dietro l'angolo?
L'ACCORDO FCA-GOOGLE

Ma la guida autonoma è davvero dietro l'angolo?

 
Al Castello di Pandino “Asso casearia Pandino” ha incoronato le stelle di “Caseo Art”
Parmigiano Reggiano

"Caseo Art": azienda di Panocchia premiata a Cremona

 
My Sweet Lord by Mingadelix
musica

My Sweet Lord by Mingadelix Video

 
Ricchi e Poveri: Franco Gatti esce dal gruppo
Musica

Franco "il baffo" lascia i Ricchi e Poveri

 
Fulmini a Felino: "La magia del cielo"
Dai lettori

Fulmini a Felino: "La magia del cielo" Video

 
Simeone se enoja y le pega a un Asistente en la Semi-Final de la Champions !!
champions league

Foga e adrenalina! Simeone schiaffeggia l'assistente Video

 
Lampi e tuoni: strade al buio in S. Leonardo
temporale

Lampi e tuoni: strade al buio in S. Leonardo

 
Uno chef per i migranti dopo le proteste sul cibo
Reggio Emilia

Uno chef per i migranti dopo le proteste sul cibo

 
Offerte di lavoro a cura di Publiedi
occupazione

Offerte di lavoro a cura di Publiedi

 
Il sindaco in Bielorussia
Chernobyl

Pizzarotti in Bielorussia con Help for Children

 
Giovani in politica
università

Giovani in politica: incontro

 
Israele: autorita' tv censura 'lato b' Bar Refaeli
moda

Israele, censurato il lato B di Bar Refaeli Video

 
Maldive, se il paradiso è un'isola
viaggi

Maldive, se il paradiso è un'isola

 
La casa ecologica ideale
Piazzale della Pace

La casa ecologica ideale

 
Osteria I tre pocellini

"Fish"

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

C inema

Parma

Provincia PiPa, verso il nuovo nome il rifiuto è bipartisan

Provincia PiPa, verso il nuovo nome il rifiuto è bipartisan
18

COMUNICATO DEL PDL

PiPa – la denominazione della nuova provincia che nascerà dall’accorpamento di quelle di Piacenza e Parma - proprio non piace a nessuno. O perlomeno non piace agli esponenti del centrodestra parmigiano. E se il capogruppo in Provincia del PdL Gianluca Armellini chiede con urgenza la convocazione di un consiglio provinciale per mettere a punto un Ordine del Giorno congiunto per invitare la Regione Emilia-Romagna a ripensare quella denominazione, il capogruppo del Popolo della Libertà in Regione Luigi Giuseppe Villani annuncia l’intenzione di ripresentare in aula un emendamento bocciato in commissione che, invece, proponeva di “chiamare” la nuova entità territoriale tenendo conto della tradizione storica e della “grandezza” delle due attuali province: situazione, per altro, in cui si trova anche Modena, accorpata a più “piccola” Reggio Emilia, che dovrà chiamarsi però ReMo.

«Auspichiamo che l’accorpamento di Parma e Piacenza – spiega Armellini - non porti alla cancellazione delle singole identità culturali ma sia unicamente una diversa organizzazione territoriale dello Stato che sappia rispondere alle nuove esigenze di modernizzazione ed efficienza della pubblica amministrazione. Alla luce di questo riteniamo che la denominazione della nuova Provincia non debba quindi rispondere a questioni esclusivamente “campanilistiche” o burocratiche o, ancora peggio, a pressioni di carattere politico; ma a considerazioni oggettive e non secondarie che tengano conto e valorizzino dati storici, culturali, artistici, socio-economici e territoriali, ovvero tutti gli elementi, che in un’ottica di “marketing territoriale” rappresentano fedelmente il passato e il presente per la promozione e lo sviluppo del territorio stesso. Chiediamo alla Regione che la nuova Provincia abbia come denominazione logica e razionale “Parma e Piacenza”, oppure in alternativa, una diversa denominazione condivisa che prescinda dai nomi dei due capoluoghi».

«Quella della denominazione PiPa è una scelta contraria alla logica . Per questo sono rimasto molto deluso dall'esito del voto in commissione affari istituzionali sugli emendamenti che avevo proposto insieme al collega modenese del PdL Andrea Leoni per ripristinare quanto vuole la storia, la rilevanza attuale e financo l'alfabeto, tutti argomenti secondo i quali Parma viene sempre prima di Piacenza e Modena di Reggio. Auspico pertanto che su queste fondate ragioni si trovi il sostegno anche della Provincia di Parma, indipendentemnte dalle appartenze politiche. In Regione, comunque, ripresenterò gli emendamenti per la discussione in aula del 22 ottobre».

RIUNIONE A TEMA IN PROVINCIA. LA PROPOSTA DI DE BLASI

“La nuova Provincia di Parma e Piacenza si chiami “Provincia dell’Emilia occidentale”. Il presidente del Consiglio provinciale Mario De Blasi prende posizione a proposito del nome della realtà istituzionale che nascerà dall’accorpamento delle Province di Parma e Piacenza. E proprio per discutere della denominazione convoca per venerdì 19 ottobre alle 12, nella sede della Provincia, la riunione dei capigruppo.
“Personalmente ritengo inaccettabile – osserva De Blasi - che la nuova Provincia venga individuata anche dal punto di vista “simbolico” in assenza di una consultazione delle istituzioni interessate. Ritengo inoltre che la denominazione di “Provincia dell’Emilia occidentale” sarebbe quella che meglio denota la prospettiva positiva che può nascere da questa nuova realtà”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 18
  • JOHN GALT

    18 Ottobre @ 14.00

    NON CHIAMATELA PROPRIO ......... CHE TANTO SERVE SOLO A DARE UNA SEDIA CON I BRACCIOLI AI TROMBATI DELLA POLITICA E SCODAZZO VARIO ..... E CON COSTI PROIBITIVI PER UNA ECONOMIA DI EMERGENZA COME L' ATTUALE, QUESTO E' IL VERO CIRCO ITALIANO .... E NON FA' NEANCHE RIDERE ...

    Rispondi

  • Dani

    18 Ottobre @ 12.13

    sarebbe QUESTO il problema principale? il nome???? ma focalizzarsi invece sui problemi reali dei cittadini no? perdere tempo (pagato da noi) per discutere su una sigla è veramente al limite dell'idiozia. COSA CAMBIA SE SI CHIAMA PIPA - PAPI - PRPC- PIAPAR ?????

    Rispondi

  • aldo saltapalo

    18 Ottobre @ 10.47

    Sapete perché il PDL vuole mettere il nome di Parma prima di quello di Piacenza? così la nuova sigla diventerà "PaPi"...

    Rispondi

  • wilcrudo

    18 Ottobre @ 10.17

    mo PAR_PIA.ser digh un thay e sbroivla ala svelta magnapan a tradiment

    Rispondi

  • beta46

    18 Ottobre @ 09.51

    Se Villani la spunta , il nome diventerebbe PAPI , ovvero la provincia di Papi.

    Rispondi

Mostra altri commenti