-5°

PGN primo piano

«Amici miei», un coro di «no» per il prequel con Christian De Sica

«Amici miei», un coro di «no» per il prequel con Christian De Sica
0

Perozzi, Mascetti, Melandri, Necchi e Sassaroli: alzi la mano chi non conosce questi nomi. Nati dal genio di Pietro Germi e resi famosi da Mario Monicelli, sono gli «Amici miei», protagonisti di una saga che ha ispirato per oltre trent'anni battute,  «supercazzole», «zingarate» e coretti sull'onda dei «5 Madrigalisti moderni» di intere generazioni di giovani e, ora, meno giovani.
La notizia di questi giorni è che migliaia di persone in internet, blog, siti, gruppi e tam tam on-line si sono mobilitate contro il progetto, annunciato da Christian De Sica e dal produttore Aurelio De Laurentiis, di un prequel della trilogia:  si tratterebbe di un «Amici Miei» ambientato nel '400 alla corte dei Medici. I nomi che dovrebbero prendere il posto di Phillippe Noiret, Gastone Moschin, Duilio Del Prete e Ugo Tognazzi? Cristian De Sica, Claudio Bisio, Massimo Ghini, Fabio De Luigi, Giorgio Panariello, Paolo Hendel, Alessandro Benvenuti, Elena Sofia Ricci, Massimo Ceccherini, Carlo Monni, Alessandro Paci e Barbara Enrichi, diretti da Neri Parenti.

Il più famoso dei social network, «facebook», ha un gruppo contrario al progetto, creato dal giornalista Franco Bagnasco, con quasi 35 mila iscritti, di cui 25 mila negli ultimi nove giorni: un record. Una valanga di «no» ai cloni rinascimentali dell'architetto, del «luminare della medicina - professore», del «giornalista», del «conte» e del «comandante» (titolo usato durante l'incursione, nel primo film della trilogia, alla festa nella mega villa: in realtà Necchi è «barista»). Un gruppo contrario all'idea prende il nome «Il figlio del Perozzi».

Intervistato, il papà della saga, Mario Monicelli, ha elegantemente commentato: «De Sica e Parenti facciano film originali».
Sulla stessa lunghezza d'onda anche Bagnasco che, dopo avere scritto a caratteri cubitali «Giù le mani da Amici Miei: fermiamo De Sica e il suo annunciato prequel», commenta: «Ciò che chiediamo a Christian e al produttore De Laurentiis  - prosegue il fondatore dell'onda di protesta - è di rinunciare all'idea di sfruttare questo marchio “nobile” per fare quattrini. peraltro incerti, perchè è evidente che il pubblico vive questa'idea come un corpo estraneo ed è pronto a boicottarla. Ci vorrebbe un po' di decenza e di rispetto in più. Non ci parlino di omaggio: è una speculazione». Poi, in tono scherzoso, scrive: «Ci sono cose che non andrebbero toccate: la mamma, il Natale, gli affetti più cari. Tra questi Amici Miei». Non è mancata la risposta del regista designato per il prequel quattrocentesco, Parenti, che si difende dicendo che il suo progetto «è stato travisato. Gli attori che parteciperanno al progetto, sempre che il film si faccia, sono a mio avviso assolutamente consoni ai personaggi. La partecipazione di De Sica è dovuta al fatto che nella sceneggiatura esiste un personaggio che nessun altro potrebbe interpretare meglio. La collocazione temporale nel passato dovrebbe far comprendere quanto rispetto ed anche quanta paura di confronto ci sia con gli illustri precedenti». Così, come sui blog e gruppi di fan di De Sica, qualcuno «tifa» per il progetto dell'attore romano.

Nel popolo dei «no» c'è chi annuncia addirittura manifestazioni di protesta davanti al bar «Necchi».
«Tarapiatapioca con la supercazzola prematurata... fatevi un elettroencefalogramma bipolare», scrive Marco.  «Ma vaffanzum», canticchia Eleonora. «De Sica, come se fosse antani», continua ancora una donna, Guendalina. «Non rovinate un mito del cinema, continuate ad andare in vacanza sul Nilo, a Rio, in America...» parafrasa alcuni titoli di film natalizi, Roberto. Silvio scrive: «Basta! Ci manca solo che i cinepanettoni cerchino di diventare film come si deve».
Spunta, nel gruppo, anche qualche tono decisamente sopra le righe, chi non comprende il significato ironico, per certi aspetti «sentimentale» della gran parte dei contrari.

Luca Genovese ha scritto: «Sono certo che questo gruppo riuscirà a raggiungere il suo obiettivo in poco tempo. Ma quanto tempo ci metteranno a fare questo film? Quintana, o setta?», ipotizza con ironia Fabio. Ma qualcuno non dimentica un altro «mito» generazionale, il primo «Vacanze di natale», dove recitava proprio De Sica: «Per quel film ti stimo, però a quello devi rimanere», ricorda Lucio. Una vicenda che, tra «Afasol» e «don Ulrico» attende altre...«puntate». «Cos'è il genio? Fantasia, intuizione, decisione e rapidità di esecuzione. Fate un altro film», concluderebbe uno dei puristi della saga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Bertolucci

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

1commento

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

1commento

Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

9commenti

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

DATI

Collecchio, boom di nascite

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto