-3°

PGN primo piano

Con la testa nel pallone

Con la testa nel pallone
Ricevi gratis le news
0

di Pietro Razzini
Diciamoci la verità: il grande conflitto che attanaglia ogni essere vivente di sesso maschile da quando riesce a camminare con le proprie gambe, non è distinguere il bene dal male, ma decidere se inseguire un pallone che rotola o due gambe (levigate da ceretta) che scappano. L’eterno dilemma testosteronico: meglio una partita oggi o una cenetta intima domani, e magari dopo domani, ed ancora tra tre giorni?


 Quanto può influire una sfera che entra in rete nel nostro rapporto con il gentil sesso (che poi non è più tanto gentile nel momento in cui scopre che abbiamo scelto un certo tavolo, in un certo ristorante, la sera dell’anniversario, solo perché abbiamo di fronte la televisione che trasmette la finale di Champions League?)?
La risposta è unanime o quasi.  E’ difficile far convivere le due grandi passioni di noi ragazzi.
 Calcio e donne spesso richiedono tempi che si sovrappongono, perché nel week end gioca la serie A, il martedì e il mercoledì è tempo di coppe europee, il giovedì o il lunedì… il mitico calcetto.
Già perché ogni innamorato del football che si rispetti non si limita a guardare le partite ma vuole portare in campo ciò che ammira la sera precedente in tv.  E allora chi ci ferma più?
«In effetti quando entro su un campo di calcetto, il mio primo pensiero è trovare il modo per stupire i compagni con gol particolari», racconta Marco che con i piedi, evidentemente, ci sa fare.


«Io invece metto al primo posto il piacere di stare con gli amici. Tra lo studio e la ragazza non ho tanto tempo da condividere con loro. Il calcetto del giovedì è una piacevole abitudine per incontrarsi e prendersi in giro», ribatte Antonio.
Si ritorna quindi al discorso iniziale. Le fidanzate capiscono questa necessità di cameratismo tipico maschile: «La mia ragazza approfitta del calcetto settimanale per vedersi con le amiche: esce a cena, va al cinema, noleggia un dvd. I tempi per stare insieme si trovano sempre. Basta volerlo», ammette Luca che poi, però, aggiunge: «I problemi nascono nel momento in cui le serate di calcetto diventano due, oppure quando si trova a casa da sola e io ho già organizzato la partita. Rimane scura in volto per un paio di giorni. Poi fortunatamente le passa».
Il mondo che ruota intorno a questo sport è ricco di insidie non solo per quel che riguarda il difficile rapporto tra i successori di Adamo ed Eva.
Spesso, oltre al gesto tecnico di alta classe, sui campi si vede anche il peggio del peggio, sotto il profilo disciplinare e comportamentale, come spiega Giuseppe: «L’inizio gara è sempre soft. Si chiede scusa dopo un intervento falloso, ci si aiuta a rialzarsi, ci si stringe la mano in segno di riconciliazione. Poi, con il passare dei minuti e con l’acido lattico che invade il corpo, le reazioni sono più scomposte».
Giuseppe non è l’unico a raccontare scene di ordinaria follia.
 Continua Filippo: «Se proprio mi devo vendicare, cerco di farlo lontano dagli occhi dell’arbitro, con piccole azioni che servono a fare innervosire l’avversario: uno sgambetto o una gomitata lontano dalla zona dove è il pallone. Qualche parolina poco garbata al momento giusto. State sicuri che la reazione non scapperà alla vista del giudice di gara». E non è finita. Perché Giovanni, per esempio, non è mai riuscito a finire una partita, senza essere ammonito dall'arbitro: «Con il passare dei minuti, aumenta la tensione».
In fin dei conti però, la norma è un’altra: vincere o perdere cambia la vita per qualche minuto.
Ma quando ci si ritrova davanti ad una tavola imbandita, tutti insieme, parlando di calcio, il ricordo delle reti incassate è già lontano: «Non del tutto, comunque. La maggior parte degli argomenti della serata, vanno a toccare gli errori in partita o la descrizione delle azioni più belle. Tutti a esaltare il proprio operato, tutti pronti a fare la graduatoria dei gol spettacolari della partita», conclude Andrea.
Forse siamo riusciti a trovare una risposta alla nostra domanda iniziale.
 Meglio un pallone oggi o una fidanzata domani? In realtà si cerca la soddisfazione personale, e visto il potere crescente che le ragazze stanno acquistando nel rapporto di coppia (ma forse è sempre stato così) noi ragazzi ci accontentiamo di esaltare la nostra supremazia su un oggetto tanto inanimato quanto amichevole: il pallone.
Perché è inutile negarlo: le donne hanno quello che in gergo calcistico viene chiamato «il cambio di passo». Insomma, hanno una marcia in più.
Ma, tutto sommato, a noi va bene così, basta che non ci tolgano il mitico calcetto infrasettimanale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Arresti carabinieri

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

5commenti

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

2commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia questa mattina

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento