-2°

PGN primo piano

Con la testa nel pallone

Con la testa nel pallone
0

di Pietro Razzini
Diciamoci la verità: il grande conflitto che attanaglia ogni essere vivente di sesso maschile da quando riesce a camminare con le proprie gambe, non è distinguere il bene dal male, ma decidere se inseguire un pallone che rotola o due gambe (levigate da ceretta) che scappano. L’eterno dilemma testosteronico: meglio una partita oggi o una cenetta intima domani, e magari dopo domani, ed ancora tra tre giorni?


 Quanto può influire una sfera che entra in rete nel nostro rapporto con il gentil sesso (che poi non è più tanto gentile nel momento in cui scopre che abbiamo scelto un certo tavolo, in un certo ristorante, la sera dell’anniversario, solo perché abbiamo di fronte la televisione che trasmette la finale di Champions League?)?
La risposta è unanime o quasi.  E’ difficile far convivere le due grandi passioni di noi ragazzi.
 Calcio e donne spesso richiedono tempi che si sovrappongono, perché nel week end gioca la serie A, il martedì e il mercoledì è tempo di coppe europee, il giovedì o il lunedì… il mitico calcetto.
Già perché ogni innamorato del football che si rispetti non si limita a guardare le partite ma vuole portare in campo ciò che ammira la sera precedente in tv.  E allora chi ci ferma più?
«In effetti quando entro su un campo di calcetto, il mio primo pensiero è trovare il modo per stupire i compagni con gol particolari», racconta Marco che con i piedi, evidentemente, ci sa fare.


«Io invece metto al primo posto il piacere di stare con gli amici. Tra lo studio e la ragazza non ho tanto tempo da condividere con loro. Il calcetto del giovedì è una piacevole abitudine per incontrarsi e prendersi in giro», ribatte Antonio.
Si ritorna quindi al discorso iniziale. Le fidanzate capiscono questa necessità di cameratismo tipico maschile: «La mia ragazza approfitta del calcetto settimanale per vedersi con le amiche: esce a cena, va al cinema, noleggia un dvd. I tempi per stare insieme si trovano sempre. Basta volerlo», ammette Luca che poi, però, aggiunge: «I problemi nascono nel momento in cui le serate di calcetto diventano due, oppure quando si trova a casa da sola e io ho già organizzato la partita. Rimane scura in volto per un paio di giorni. Poi fortunatamente le passa».
Il mondo che ruota intorno a questo sport è ricco di insidie non solo per quel che riguarda il difficile rapporto tra i successori di Adamo ed Eva.
Spesso, oltre al gesto tecnico di alta classe, sui campi si vede anche il peggio del peggio, sotto il profilo disciplinare e comportamentale, come spiega Giuseppe: «L’inizio gara è sempre soft. Si chiede scusa dopo un intervento falloso, ci si aiuta a rialzarsi, ci si stringe la mano in segno di riconciliazione. Poi, con il passare dei minuti e con l’acido lattico che invade il corpo, le reazioni sono più scomposte».
Giuseppe non è l’unico a raccontare scene di ordinaria follia.
 Continua Filippo: «Se proprio mi devo vendicare, cerco di farlo lontano dagli occhi dell’arbitro, con piccole azioni che servono a fare innervosire l’avversario: uno sgambetto o una gomitata lontano dalla zona dove è il pallone. Qualche parolina poco garbata al momento giusto. State sicuri che la reazione non scapperà alla vista del giudice di gara». E non è finita. Perché Giovanni, per esempio, non è mai riuscito a finire una partita, senza essere ammonito dall'arbitro: «Con il passare dei minuti, aumenta la tensione».
In fin dei conti però, la norma è un’altra: vincere o perdere cambia la vita per qualche minuto.
Ma quando ci si ritrova davanti ad una tavola imbandita, tutti insieme, parlando di calcio, il ricordo delle reti incassate è già lontano: «Non del tutto, comunque. La maggior parte degli argomenti della serata, vanno a toccare gli errori in partita o la descrizione delle azioni più belle. Tutti a esaltare il proprio operato, tutti pronti a fare la graduatoria dei gol spettacolari della partita», conclude Andrea.
Forse siamo riusciti a trovare una risposta alla nostra domanda iniziale.
 Meglio un pallone oggi o una fidanzata domani? In realtà si cerca la soddisfazione personale, e visto il potere crescente che le ragazze stanno acquistando nel rapporto di coppia (ma forse è sempre stato così) noi ragazzi ci accontentiamo di esaltare la nostra supremazia su un oggetto tanto inanimato quanto amichevole: il pallone.
Perché è inutile negarlo: le donne hanno quello che in gergo calcistico viene chiamato «il cambio di passo». Insomma, hanno una marcia in più.
Ma, tutto sommato, a noi va bene così, basta che non ci tolgano il mitico calcetto infrasettimanale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Il ds Faggiano si presenta: "Discuto su tutto ma niente rancore. Voglio un rapporto vero con la squadra"

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

3commenti

Polizia

Grazie al gps trova in un campo le macchinette cambiasoldi rubate in via Toscana

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

2commenti

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

1commento

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

1commento

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

10commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Giovane bastonato e preso a frustate: in manette un 55enne e due figli

MILANO

Berlusconi al San Raffaele per una serie di controlli

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Calcio

LegaPro: tutti in campo oggi, aspettando il Parma e la Reggiana Tempo reale

Nuoto

Federica Pellegrini d'oro: vince i 200 sl

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio