15°

PGN primo piano

Silvia Olari, sulle orme di Marco Carta

Silvia Olari, sulle orme di Marco Carta
3

di Pietro Razzini

Una maturità che va oltre i sui vent’anni, una bella voce, una sicurezza che non si ferma davanti alle cattiverie gratuite di chi ha incontrato sulla sua strada. La talentuosa Silvia Olari, chiacchieratissima negli ultimi giorni per la (prematura) eliminazione da «Amici», è tornata a casa, nella sua Fornovo. Tanti mesi lontano dalla famiglia, tanta passione messa a disposizione della musica, vero amore della sua giovane vita. E sullo sfondo di un’eliminazione che ha destato stupore tra critici e umori nazional-popolari, c’è la possibilità di firmare un contratto con una casa discografica, un battito d’ali verso il sogno di una brillante carriera, microfono in mano.
Silvia che voto daresti all’esperienza fatta?
«Penso a un nove pieno: è vero, non sono arrivata in finale, tuttavia ho vissuto diversi serali, ho sperimentato un modo di vivere totalmente diverso da quello a cui ero abituata. Prima la convivenza nel residence con gli altri ragazzi, poi nella casetta, senza contatti con il mondo esterno. Penso di essere cresciuta come persona».
E dal punto di vista professionale?
«Ho vissuto 24 ore al giorno per la musica. Ho fatto ciò che più mi piace: cantare. Ho potuto lavorare con veri professionisti, con insegnanti che hanno un nome importante nel panorama nazionale. Che dire poi della realizzazione del mio sogno. Cantare accompagnata da una vera orchestra. Quaranta elementi e un maestro del calibro di Beppe Vessicchio a mia disposizione. Persone che hanno studiato molto più di me, di grande umiltà e con notevole abilità. E’ stato esaltante essere davanti al mio pianoforte, sentendo tanta sicurezza alle spalle».
Non solo rose nella tua permanenza a Roma. Quali le spine?
«Senza dubbio il primo periodo nel residence non è stato facile. Essere arrivata nel programma con i voti più alti di tutti non ha facilitato l’inserimento nel gruppo. Ne ero consapevole prima di trasferirmi nella capitale, me ne sono resa conto in maniera tangibile nei primi mesi. Alcuni ragazzi avevano puntato a isolarmi per farmi crollare. E ci erano riusciti. Poi, quando mi sono allontanata da certe malelingue, è cominciata la mia risalita».
Con chi hai legato maggiormente?
«Tra i ragazzi direi Jennifer, cantante della squadra bianca eliminata, Pedro e Valerio tra i blu. Questi ultimi due hanno dimostrato quanto mi erano affezionati votando positivamente al mio reinserimento nel programma. Come professori non posso dimenticare Luca Jurman, Pino Perris e Beppe Vessicchio».
Come era scandita la vostra giornata nel periodo finale, quando eravate nella casetta?
«La sveglia suonava alle otto. Poi si cominciavano le lezioni, dedicando parecchio tempo al musical. Sono stata soddisfatta soprattutto dell’ultimo periodo, perché eravamo maggiormente seguiti, visto che eravamo sempre meno. La sera si rideva e scherzava tra di noi. Ammetto, tuttavia, che era piacevole andare in trasmissione ogni domenica e avere un contatto diretto con il pubblico».
La casetta è il tuo passato, un contratto discografico potrebbe essere il tuo futuro.
«Devo ammettere che nel momento in cui sono stata eliminata, era maggiore la delusione per avere chiuso con il programma, che la felicità per l’offerta fatta. Ora, a mente serena, posso dire che se il progetto andrà in porto, sarà davvero una bella soddisfazione».
Non sarebbe il primo caso.
«L’anno scorso Marco Carta ha inciso un disco appena uscito da Amici. Io, in tutta sincerità, non ho ancora le idee precise sul mio futuro. Di solito i ragazzi del programma partono per un tour ma credo che non una cosa non escluda l’altra».
Sarebbe la prima volta in una sala d’incisione?
«No. Avevo già avuto occasioni prima di entrare nella scuola. Con gli altri cantanti dello show, recentemente, abbiamo vinto il disco di platino: sapere che la tua voce, la tua arte è ascoltata da milioni di persone, regala sensazioni uniche».
E ora? Quali sono le tue speranze a breve termine?
«Io voglio continuare a cantare: firmare un contratto discografico sarebbe meraviglioso. Farò tesoro dei consigli che mi hanno dato i professori in questi mesi. Luca Jurman, quando ci siamo salutati domenica scorsa, mi ha detto: Per qualsiasi necessità, io ci sarò. E’ un ulteriore attestato di stima».
Difficile allontanarsi da casa?
«Era la mia prima volta lontano dai miei genitori per tanto tempo. Sinceramente pensavo che sarebbe stato più difficile. Ci telefonavamo ogni sera, nella fase iniziale del programma. Poi quando è cominciato l’isolamento ho subito il colpo: ci hanno tolto il cellulare e, da un giorno all’altro, non ho più potuto avere notizie».
Quale canzone rimarrà il simbolo della tua esperienza ad Amici?
«Wild girl, uno dei tre inediti: sono stata orgogliosa di sentire la definizione data da Rudy Zerbi, alla fine della mia performance. Disse: Silvia è la nostra Alicia Keys. Un onore essere paragonata a un’artista di quel calibro».
Quella che invece ti regala più emozioni mentre canti?
«Sicuramente Giorgia on my mind: è stato il mio cavallo di battaglia durante i casting e le sfide. Ho voluto concludere il mio tragitto nella scuola con questa canzone, come per chiudere in maniera degna un percorso iniziato con Ray Charles».
Giochiamo insieme: chi vincerà Amici?
«Io tifo per Valerio: spero vinca lui perché è bravo e lo meriterebbe».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Elisa

    06 Marzo @ 17.53

    ciao silvia...cavoli ma perchè 6 uscita???Comunque la commissione quest'anno è una buffona!!!Si dovrebbe vegognre di aver mandato via un talento come te!!!Dico solo che l'avresti dovuto vincere tu il serale e che nessuno si aspettava la tua uscita quel maledetto giorno!!Ciao baci elisa

    Rispondi

  • quellogiusto

    01 Marzo @ 17.50

    Non giudico le qualità canore della Olari, esprimo solo un commento da ascoltatore. Se tutti quelli che non stonano quando cantano (specie se hanno già studiato musica) dovessero essere eccezionali, non basterebbe l' Italia a contenerli. La Olari canta senza sbavature grossolane, ma a) non è superiore a quelli che erano con lei, e b) è di una supponenza inaccettabile. Quello che è assurdo non è la sua eliminazione, ma la sua rimessa in gioco (temporanea) a fronte di un regolamento che per altri è stato inoppugnabile. Quindi ringrazi Iddio per come è andata e la smetta di fare la vittima. Secondo me, il telento è quello di Karima, non quello di Olari o di Carta.

    Rispondi

  • Gabriela

    28 Febbraio @ 21.33

    ciao silvia mi chiamo gabriela lo so l\\\'odio fra te e martina è imenso spero che uscira la prosima puntata(è stata quasi l\\\'ultima in classifica sempre!!!!!!!!)\\r\\n ciao spero che mi risponderai,la tua gabriela

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa