10°

Musica

Clementino, il rapper vola dietro le sbarre

Iniziativa benefica

Il rapper Clementino in visita al carcere di via Burla (il secondo da destra è il sindaco Federico Pizzarotti)

Il rapper Clementino in visita al carcere di via Burla (il secondo da destra è il sindaco Federico Pizzarotti)

0

Chiara Pozzati
La voce degli ultimi: il rap «vola» dietro le sbarre. Poi via verso l’Ospedale dei bambini. Clementino, orgoglio partenopeo e verve da vendere, fa visita a 90 detenuti di via Burla. 
Salvo poi raggiungere i piccoli pazienti del Maggiore. 
Il popolare rapper napoletano, schizzato in vetta alle classifiche con la sua O’ vient, è approdato in via Burla ieri mattina. 
La cornice è quella della partita in nome di Marco Simoncelli, fissata per domenica e che vedrà sul campo del Tardini la Nazionale cantanti e l’associazione Amici del Sic. Un match a sfondo benefico per la realizzazione del centro diurno per disabili nella città di Coriano. Il sogno del Sic, come ha ricordato Gianluca Pecchini, direttore generale della Nazionale Cantanti. 
E nella sfilata di big che raggiungeranno Parma in questi giorni, i riflettori puntano su questo 31enne nato a Nola: Clemente Maccaro, da tutti conosciuto come Clementino o Iena White. Ed è bastata una chitarra accordata sul momento per «catturare» i detenuti. 
Nella platea c’è un folto drappello di «terroni inside» - come l’ha apostrofato e si è definito l’artista - che ha partecipato alla performance. Persino i ragazzi extracomunitari, hanno tentato qualche frase di O’ vient. E tutti si sono assiepati attorno al «ragazzaccio» per gli autografi.
 Campione di freestyle, rapper pungente e scatenato taglia i pregiudizi: «Non è vero che chi fa rap ce l’ha col mondo, anzi fa arrabbiare gli altri perché non ha paura di dire le cose come stanno. Abbiamo la libertà di affrontare temi scomodi, che molti non vogliono sentire. La visita di oggi (ieri per chi legge, ndr) è un modo per portare speranza, perché tutti prima o poi possano arrivare alla luce».
 Di gavetta ne ha fatta parecchia, così come di autocritica: «C’è molto di me e della mia terra nei testi. Faccio parte di quella Napoli buona che ce la vuole fare». Col suo berretto voltato all’indietro, i tatuaggi sbiaditi sulle nocche e qualche piroetta sulle sedie coinvolge il pubblico ed è impossibile resistere. 
Anche il sindaco, insieme al direttore del carcere, Anna Albano, e al direttore aggiunto Lucia Monastero, ha voluto godersi lo spettacolo. Tutto questo senza dimenticare «la grande attenzione dell’amministrazione nei confronti del carcere - chiarisce Pizzarotti - che tiene le orecchie tese e cerca di fare quel che può per questa realtà che è parte integrante del territorio. Dalla tettoia da installare all’esterno, all’apertura ai parenti: sono tante le questioni che affronteremo. E’ importante ricordare la vicinanza dell’amministrazione, come dimostra l’istituzione del garante dei detenuti, ma è ancor più fondamentale - e si rivolge direttamente alla platea - che ricordiate: non siete dimenticati».  
 
Chiara Pozzati

La voce degli ultimi: il rap «vola» dietro le sbarre. Poi via verso l’Ospedale dei bambini. Clementino, orgoglio partenopeo e verve da vendere, fa visita a 90 detenuti di via Burla. Salvo poi raggiungere i piccoli pazienti del Maggiore. Il popolare rapper napoletano, schizzato in vetta alle classifiche con la sua O’ vient, è approdato in via Burla ieri mattina.
La cornice è quella della partita in nome di Marco Simoncelli, fissata per domenica e che vedrà sul campo del Tardini la Nazionale cantanti e l’associazione Amici del Sic. Un match a sfondo benefico per la realizzazione del centro diurno per disabili nella città di Coriano. Il sogno del Sic, come ha ricordato Gianluca Pecchini, direttore generale della Nazionale Cantanti. E nella sfilata di big che raggiungeranno Parma in questi giorni, i riflettori puntano su questo 31enne nato a Nola: Clemente Maccaro, da tutti conosciuto come Clementino o Iena White. Ed è bastata una chitarra accordata sul momento per «catturare» i detenuti. 
Nella platea c’è un folto drappello di «terroni inside» - come l’ha apostrofato e si è definito l’artista - che ha partecipato alla performance. Persino i ragazzi extracomunitari, hanno tentato qualche frase di O’ vient. E tutti si sono assiepati attorno al «ragazzaccio» per gli autografi.
Campione di freestyle, rapper pungente e scatenato taglia i pregiudizi: «Non è vero che chi fa rap ce l’ha col mondo, anzi fa arrabbiare gli altri perché non ha paura di dire le cose come stanno. Abbiamo la libertà di affrontare temi scomodi, che molti non vogliono sentire. La visita di oggi (ieri per chi legge, ndr) è un modo per portare speranza, perché tutti prima o poi possano arrivare alla luce». 
Di gavetta ne ha fatta parecchia, così come di autocritica: «C’è molto di me e della mia terra nei testi. Faccio parte di quella Napoli buona che ce la vuole fare». Col suo berretto voltato all’indietro, i tatuaggi sbiaditi sulle nocche e qualche piroetta sulle sedie coinvolge il pubblico ed è impossibile resistere. 
Anche il sindaco, insieme al direttore del carcere, Anna Albano, e al direttore aggiunto Lucia Monastero, ha voluto godersi lo spettacolo. Tutto questo senza dimenticare «la grande attenzione dell’amministrazione nei confronti del carcere - chiarisce Pizzarotti - che tiene le orecchie tese e cerca di fare quel che può per questa realtà che è parte integrante del territorio. Dalla tettoia da installare all’esterno, all’apertura ai parenti: sono tante le questioni che affronteremo. E’ importante ricordare la vicinanza dell’amministrazione, come dimostra l’istituzione del garante dei detenuti, ma è ancor più fondamentale - e si rivolge direttamente alla platea - che ricordiate: non siete dimenticati».   



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Rissa con una lanciarazzi clandestina, arrestato 20enne tunisino

carabinieri

Arresto bis, dopo manco due mesi: 20enne tunisino è in via Burla

Protagonista di una rissa è stato trovato con lanciarazzi e droga. A dicembre aveva in casa 500grammi di hashish

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

agenda

Weekend a Parma e in provincia: protagonista il Carnevale

polizia

Targa falsa per commettere furti: presi  Video

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

2commenti

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

2commenti

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

1commento

lega pro

D'Aversa: "Il Feralpi, una buona squadra: un attacco forte" Video

lega pro

A Salò sarà invasione crociata: sold-out la curva (Tutte le info)

E per chi resta a Parma, diretta su Tv Parma e live sul sito

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: strage sfiorata Foto Video

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

collecchio

Assemblea pubblica su situazione Copador, sabato 4 marzo

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

Ambiente

Attiva la nuova Ecostation di via Pertini nel parcheggio di via Traversetolo

Donatori

Elezioni Avis: Giancarlo Izzi «in pole»

1commento

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

ITALIA/MONDO

Milano

Cade dal terrazzo del cinema, grave ragazza 14enne

FORT LAUDERDALE

"Musulmano?", figlio Mohammed Ali fermato in aeroporto

2commenti

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

1commento

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia