18°

Musica

Clementino, il rapper vola dietro le sbarre

Iniziativa benefica

Il rapper Clementino in visita al carcere di via Burla (il secondo da destra è il sindaco Federico Pizzarotti)

Il rapper Clementino in visita al carcere di via Burla (il secondo da destra è il sindaco Federico Pizzarotti)

0

Chiara Pozzati
La voce degli ultimi: il rap «vola» dietro le sbarre. Poi via verso l’Ospedale dei bambini. Clementino, orgoglio partenopeo e verve da vendere, fa visita a 90 detenuti di via Burla. 
Salvo poi raggiungere i piccoli pazienti del Maggiore. 
Il popolare rapper napoletano, schizzato in vetta alle classifiche con la sua O’ vient, è approdato in via Burla ieri mattina. 
La cornice è quella della partita in nome di Marco Simoncelli, fissata per domenica e che vedrà sul campo del Tardini la Nazionale cantanti e l’associazione Amici del Sic. Un match a sfondo benefico per la realizzazione del centro diurno per disabili nella città di Coriano. Il sogno del Sic, come ha ricordato Gianluca Pecchini, direttore generale della Nazionale Cantanti. 
E nella sfilata di big che raggiungeranno Parma in questi giorni, i riflettori puntano su questo 31enne nato a Nola: Clemente Maccaro, da tutti conosciuto come Clementino o Iena White. Ed è bastata una chitarra accordata sul momento per «catturare» i detenuti. 
Nella platea c’è un folto drappello di «terroni inside» - come l’ha apostrofato e si è definito l’artista - che ha partecipato alla performance. Persino i ragazzi extracomunitari, hanno tentato qualche frase di O’ vient. E tutti si sono assiepati attorno al «ragazzaccio» per gli autografi.
 Campione di freestyle, rapper pungente e scatenato taglia i pregiudizi: «Non è vero che chi fa rap ce l’ha col mondo, anzi fa arrabbiare gli altri perché non ha paura di dire le cose come stanno. Abbiamo la libertà di affrontare temi scomodi, che molti non vogliono sentire. La visita di oggi (ieri per chi legge, ndr) è un modo per portare speranza, perché tutti prima o poi possano arrivare alla luce».
 Di gavetta ne ha fatta parecchia, così come di autocritica: «C’è molto di me e della mia terra nei testi. Faccio parte di quella Napoli buona che ce la vuole fare». Col suo berretto voltato all’indietro, i tatuaggi sbiaditi sulle nocche e qualche piroetta sulle sedie coinvolge il pubblico ed è impossibile resistere. 
Anche il sindaco, insieme al direttore del carcere, Anna Albano, e al direttore aggiunto Lucia Monastero, ha voluto godersi lo spettacolo. Tutto questo senza dimenticare «la grande attenzione dell’amministrazione nei confronti del carcere - chiarisce Pizzarotti - che tiene le orecchie tese e cerca di fare quel che può per questa realtà che è parte integrante del territorio. Dalla tettoia da installare all’esterno, all’apertura ai parenti: sono tante le questioni che affronteremo. E’ importante ricordare la vicinanza dell’amministrazione, come dimostra l’istituzione del garante dei detenuti, ma è ancor più fondamentale - e si rivolge direttamente alla platea - che ricordiate: non siete dimenticati».  
 
Chiara Pozzati

La voce degli ultimi: il rap «vola» dietro le sbarre. Poi via verso l’Ospedale dei bambini. Clementino, orgoglio partenopeo e verve da vendere, fa visita a 90 detenuti di via Burla. Salvo poi raggiungere i piccoli pazienti del Maggiore. Il popolare rapper napoletano, schizzato in vetta alle classifiche con la sua O’ vient, è approdato in via Burla ieri mattina.
La cornice è quella della partita in nome di Marco Simoncelli, fissata per domenica e che vedrà sul campo del Tardini la Nazionale cantanti e l’associazione Amici del Sic. Un match a sfondo benefico per la realizzazione del centro diurno per disabili nella città di Coriano. Il sogno del Sic, come ha ricordato Gianluca Pecchini, direttore generale della Nazionale Cantanti. E nella sfilata di big che raggiungeranno Parma in questi giorni, i riflettori puntano su questo 31enne nato a Nola: Clemente Maccaro, da tutti conosciuto come Clementino o Iena White. Ed è bastata una chitarra accordata sul momento per «catturare» i detenuti. 
Nella platea c’è un folto drappello di «terroni inside» - come l’ha apostrofato e si è definito l’artista - che ha partecipato alla performance. Persino i ragazzi extracomunitari, hanno tentato qualche frase di O’ vient. E tutti si sono assiepati attorno al «ragazzaccio» per gli autografi.
Campione di freestyle, rapper pungente e scatenato taglia i pregiudizi: «Non è vero che chi fa rap ce l’ha col mondo, anzi fa arrabbiare gli altri perché non ha paura di dire le cose come stanno. Abbiamo la libertà di affrontare temi scomodi, che molti non vogliono sentire. La visita di oggi (ieri per chi legge, ndr) è un modo per portare speranza, perché tutti prima o poi possano arrivare alla luce». 
Di gavetta ne ha fatta parecchia, così come di autocritica: «C’è molto di me e della mia terra nei testi. Faccio parte di quella Napoli buona che ce la vuole fare». Col suo berretto voltato all’indietro, i tatuaggi sbiaditi sulle nocche e qualche piroetta sulle sedie coinvolge il pubblico ed è impossibile resistere. 
Anche il sindaco, insieme al direttore del carcere, Anna Albano, e al direttore aggiunto Lucia Monastero, ha voluto godersi lo spettacolo. Tutto questo senza dimenticare «la grande attenzione dell’amministrazione nei confronti del carcere - chiarisce Pizzarotti - che tiene le orecchie tese e cerca di fare quel che può per questa realtà che è parte integrante del territorio. Dalla tettoia da installare all’esterno, all’apertura ai parenti: sono tante le questioni che affronteremo. E’ importante ricordare la vicinanza dell’amministrazione, come dimostra l’istituzione del garante dei detenuti, ma è ancor più fondamentale - e si rivolge direttamente alla platea - che ricordiate: non siete dimenticati».   



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò

lega pro

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò Diretta

Dopo 10 minuti infortunio per Giorgino: entra Corapi

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

16commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

gazzareporter

"Via Nenni e il divieto di sosta...."

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

Economia

Corsa alla rottamazione cartelle, domande prorogate al 21 aprile Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017