13°

31°

Musica

Clementino, il rapper vola dietro le sbarre

Iniziativa benefica

Il rapper Clementino in visita al carcere di via Burla (il secondo da destra è il sindaco Federico Pizzarotti)

Il rapper Clementino in visita al carcere di via Burla (il secondo da destra è il sindaco Federico Pizzarotti)

0

Chiara Pozzati
La voce degli ultimi: il rap «vola» dietro le sbarre. Poi via verso l’Ospedale dei bambini. Clementino, orgoglio partenopeo e verve da vendere, fa visita a 90 detenuti di via Burla. 
Salvo poi raggiungere i piccoli pazienti del Maggiore. 
Il popolare rapper napoletano, schizzato in vetta alle classifiche con la sua O’ vient, è approdato in via Burla ieri mattina. 
La cornice è quella della partita in nome di Marco Simoncelli, fissata per domenica e che vedrà sul campo del Tardini la Nazionale cantanti e l’associazione Amici del Sic. Un match a sfondo benefico per la realizzazione del centro diurno per disabili nella città di Coriano. Il sogno del Sic, come ha ricordato Gianluca Pecchini, direttore generale della Nazionale Cantanti. 
E nella sfilata di big che raggiungeranno Parma in questi giorni, i riflettori puntano su questo 31enne nato a Nola: Clemente Maccaro, da tutti conosciuto come Clementino o Iena White. Ed è bastata una chitarra accordata sul momento per «catturare» i detenuti. 
Nella platea c’è un folto drappello di «terroni inside» - come l’ha apostrofato e si è definito l’artista - che ha partecipato alla performance. Persino i ragazzi extracomunitari, hanno tentato qualche frase di O’ vient. E tutti si sono assiepati attorno al «ragazzaccio» per gli autografi.
 Campione di freestyle, rapper pungente e scatenato taglia i pregiudizi: «Non è vero che chi fa rap ce l’ha col mondo, anzi fa arrabbiare gli altri perché non ha paura di dire le cose come stanno. Abbiamo la libertà di affrontare temi scomodi, che molti non vogliono sentire. La visita di oggi (ieri per chi legge, ndr) è un modo per portare speranza, perché tutti prima o poi possano arrivare alla luce».
 Di gavetta ne ha fatta parecchia, così come di autocritica: «C’è molto di me e della mia terra nei testi. Faccio parte di quella Napoli buona che ce la vuole fare». Col suo berretto voltato all’indietro, i tatuaggi sbiaditi sulle nocche e qualche piroetta sulle sedie coinvolge il pubblico ed è impossibile resistere. 
Anche il sindaco, insieme al direttore del carcere, Anna Albano, e al direttore aggiunto Lucia Monastero, ha voluto godersi lo spettacolo. Tutto questo senza dimenticare «la grande attenzione dell’amministrazione nei confronti del carcere - chiarisce Pizzarotti - che tiene le orecchie tese e cerca di fare quel che può per questa realtà che è parte integrante del territorio. Dalla tettoia da installare all’esterno, all’apertura ai parenti: sono tante le questioni che affronteremo. E’ importante ricordare la vicinanza dell’amministrazione, come dimostra l’istituzione del garante dei detenuti, ma è ancor più fondamentale - e si rivolge direttamente alla platea - che ricordiate: non siete dimenticati».  
 
Chiara Pozzati

La voce degli ultimi: il rap «vola» dietro le sbarre. Poi via verso l’Ospedale dei bambini. Clementino, orgoglio partenopeo e verve da vendere, fa visita a 90 detenuti di via Burla. Salvo poi raggiungere i piccoli pazienti del Maggiore. Il popolare rapper napoletano, schizzato in vetta alle classifiche con la sua O’ vient, è approdato in via Burla ieri mattina.
La cornice è quella della partita in nome di Marco Simoncelli, fissata per domenica e che vedrà sul campo del Tardini la Nazionale cantanti e l’associazione Amici del Sic. Un match a sfondo benefico per la realizzazione del centro diurno per disabili nella città di Coriano. Il sogno del Sic, come ha ricordato Gianluca Pecchini, direttore generale della Nazionale Cantanti. E nella sfilata di big che raggiungeranno Parma in questi giorni, i riflettori puntano su questo 31enne nato a Nola: Clemente Maccaro, da tutti conosciuto come Clementino o Iena White. Ed è bastata una chitarra accordata sul momento per «catturare» i detenuti. 
Nella platea c’è un folto drappello di «terroni inside» - come l’ha apostrofato e si è definito l’artista - che ha partecipato alla performance. Persino i ragazzi extracomunitari, hanno tentato qualche frase di O’ vient. E tutti si sono assiepati attorno al «ragazzaccio» per gli autografi.
Campione di freestyle, rapper pungente e scatenato taglia i pregiudizi: «Non è vero che chi fa rap ce l’ha col mondo, anzi fa arrabbiare gli altri perché non ha paura di dire le cose come stanno. Abbiamo la libertà di affrontare temi scomodi, che molti non vogliono sentire. La visita di oggi (ieri per chi legge, ndr) è un modo per portare speranza, perché tutti prima o poi possano arrivare alla luce». 
Di gavetta ne ha fatta parecchia, così come di autocritica: «C’è molto di me e della mia terra nei testi. Faccio parte di quella Napoli buona che ce la vuole fare». Col suo berretto voltato all’indietro, i tatuaggi sbiaditi sulle nocche e qualche piroetta sulle sedie coinvolge il pubblico ed è impossibile resistere. 
Anche il sindaco, insieme al direttore del carcere, Anna Albano, e al direttore aggiunto Lucia Monastero, ha voluto godersi lo spettacolo. Tutto questo senza dimenticare «la grande attenzione dell’amministrazione nei confronti del carcere - chiarisce Pizzarotti - che tiene le orecchie tese e cerca di fare quel che può per questa realtà che è parte integrante del territorio. Dalla tettoia da installare all’esterno, all’apertura ai parenti: sono tante le questioni che affronteremo. E’ importante ricordare la vicinanza dell’amministrazione, come dimostra l’istituzione del garante dei detenuti, ma è ancor più fondamentale - e si rivolge direttamente alla platea - che ricordiate: non siete dimenticati».   



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover