11°

29°

Lotta alla criminalità

Don Ciotti: l'indifferenza è complice della mafia

Il sacerdote ieri all'Itc Bodoni. "Mario Tommasini, un maestro e un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra".

Studenti del Bodoni

Gli studenti del Bodoni hanno incontrato don Ciotti

0

 

Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». 
Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale.
 La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».
Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale. La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il Mastiff cambia timoniere: bentornato Luca

festa

Il Mastiff cambia timoniere: bentornato Luca Gallery

A Cannes un trionfo italiano: la Trinca miglior attrice

cinema

A Cannes un trionfo italiano: la Trinca miglior attrice

ARRABBIATO

Risate

Si infuria con l'autista...poi succede l'istant karma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Incidenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: ferito un 32enne. San Lazzaro: motociclista ferito Video

Un altro ciclista ferito a Lesignano. Incidente anche a Tizzano: un motociclista all'ospedale

2commenti

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

1commento

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

risate e solidarietà

Balli di gruppo in piazza Garibaldi - Video - Foto

È in corso la Giornata del Naso Rosso di Vip Parma

PARMA

E' morto Afro Carboni, storico gioielliere e volto della pesca su TvParma Video

aziende

Casappa, grande festa per i 65 anni: da Lemignano leader nel mondo Gallery

traffico

Gli autovelox della prossima settimana

PARMA CALCIO

Intenso allenamento senza Lucarelli e Munari: video-commento di Piovani

1commento

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

3commenti

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

tg parma

Pasimafi, il tribunale del riesame revoca i domiciliari: Grondelli è libero

Autostrada

Il casello di Parma sarà chiuso per 3 notti

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

tg parma

Scarpa: dalla sicurezza al welfare, ecco 10 punti per il rilancio della città Video

4commenti

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

evento

Gay Pride a Reggio, Anche Parma ci sarà "con entusiasmo"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEMA

Eva e Emmanuelle: a Cannes le muse di Polanski Video

ITALIA/MONDO

URBINO

E' morto il bambino malato di otite e curato con l'omeopatia

3commenti

POLITICA

Berlusconi torna ufficialmente in pista. Al suo fianco gli "amici a 4 zampe" Foto

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

Meteo

Weekend con il sole: è in arrivo il gran caldo Video

1commento

SPORT

Inghilterra

All'Arsenal l'FA Cup. Conte, sfuma la doppietta

F1 - MONACO

Pazza griglia di partenza, Ferrari imprendibili per rompere il digiuno di vittorie

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover