14°

Lotta alla criminalità

Don Ciotti: l'indifferenza è complice della mafia

Il sacerdote ieri all'Itc Bodoni. "Mario Tommasini, un maestro e un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra".

Studenti del Bodoni

Gli studenti del Bodoni hanno incontrato don Ciotti

0

 

Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». 
Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale.
 La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».
Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale. La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

14commenti

Gazzareporter

Ponte delle Nazioni: aiuola nel degrado Foto

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

3commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

11commenti

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

RICERCA

Batteri resistenti agli antibiotici: l'Efsa lancia l'allarme

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv