20°

36°

Lotta alla criminalità

Don Ciotti: l'indifferenza è complice della mafia

Il sacerdote ieri all'Itc Bodoni. "Mario Tommasini, un maestro e un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra".

Studenti del Bodoni

Gli studenti del Bodoni hanno incontrato don Ciotti

Ricevi gratis le news
0

 

Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». 
Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale.
 La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».
Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale. La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Musica

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Musica

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park Video

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Moto contro auto in via Traversetolo: un ferito grave

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

Autostrada

Bisarca perde due auto in A1: traffico in tilt per ore. Traffico: code in Autocisa

Traffico sostenuto nel pomeriggio

Delitto San Leonardo

Solomon incontra il papà: "Non volevo ucciderle"

8commenti

CALCIO

Coppa Italia: il Parma inizia in trasferta con il Bari. Si gioca il 6 agosto

via picasso

"Sosta" al bar Tato nella notte: il ladri svuotano tre slot machine

L'amarezza del proprietario: il video

1commento

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

tg parma

Operato alla testa, il sindaco di Varsi resta in Rianimazione Video

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

4commenti

fisco

Ingrosso di elettronica: maxi-frode da 60 milioni. Anche Parma coinvolta

Accoglienza

Ma cosa fanno i profughi? Ecco la loro giornata tipo

5commenti

Scurano

Il camionista: «Così ho evitato una tragedia»

Personaggi

Dal Crazy Horse alla laurea

1commento

Felino

Soldi nelle slot invece che ai figli: condannato

2commenti

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Auto

Rischio cartello in Germania, crollo dei titoli in Borsa

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

Ciclismo

Tour de France: il norvegese Hagen vince in Provenza

SOCIETA'

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

MOTORI

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up