dibattito

Disagio minorile: la scrittura per diffondere la legalità

Tra i partecipanti Cosimo Ferri, Caterina Chinnici, Marco Buticchi, Pino Spadaro. Importante tavola rotonda con politici, magistrati e scrittori al Teatro della Rosa.

Il dibattito a Pontremoli sul disagio minorile

Il dibattito a Pontremoli sul disagio minorile

0

 

Mattia Monacchia
 «Il sistema penale minorile italiano è un fiore all’occhiello che tutta Europa ci invidia». Questo il messaggio più forte della tavola rotonda «Il disagio minorile: la scrittura ed il gioco per difendere e diffondere la legalità» organizzata da amministrazione comunale e Istituto Penale Minorile di Pontremoli.
 Il dibattito si è tenuto lunedì al Teatro della Rosa e ha visto la partecipazione del sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri. Tra gli ascoltatori erano presenti anche gli alunni di alcune scuole superiori.
 Il sindaco Lucia Baracchini ha introdotto l'incontro spiegando che «questa è un’occasione importante per riflettere sulle modalità di recupero dei minori disagiati».
L’incontro è stato poi moderato dallo stesso Cosimo Ferri che ha presentato i relatori, a partire da Caterina Chinnici, Capo Dipartimento per la Giustizia Minorile e figlia di quel Rocco Chinnici che 30 anni fa venne ucciso dalla mafia:
«I ragazzi - ha esordito la Chinnici sono i principali destinatari di quest’incontro poiché la devianza minorile è frutto di un disagio. Fino a poco tempo fa i principali reati commessi dai minori erano contro il patrimonio, ora è in aumento la violenza. Bisogna interrogarsi sulle cause del disagio, e la prima a farlo deve essere la famiglia, con l’ascolto».
Dopo Caterina Chinnici, lo scrittore Marco Buticchi, che per ragioni professionali si è relazionato spesso con detenuti, ha «intervistato» Cosimo Rega, ergastolano che da un anno sta scontando la sua pena fuori dal carcere e protagonista del film «Cesare deve morire», e Guglielmo Giuliano, vincitore del premio letterario «Goliarda Sapienza», riservato ai detenuti minorenni.
Entrambi hanno sottolineato il ruolo importante della riflessione e della cultura, con la quale si combatte il grigio di una cella. 
Significativo anche l’intervento di Serenella Pesarin, Direttore generale per l’Attuazione dei Provvedimenti Giudiziari che ha ricordato come il carcere per i minori in Italia sia solo una misura residuale, alla quale cioè si ricorre in casi estremi.
Dello specifico caso di Pontremoli ha parlato invece Antonio Pappalardo, Dirigente del Centro di Giustizia Minorile di Torino, ricordando che la struttura pontremolese è unica in Europa perché è l’unico istituto penale minorile esclusivamente femminile e ha ricordato alcuni progetti, come teatro, laboratori e attività sportive che coinvolgono non solo le detenute ma tutto il personale.
E’ seguito l’intervento del Presidente del Tribunale dei Minori di Bologna, Pino Spadaro, che ha sottolineato come, usando una frase forte e significativa,  alcuni minori, commettono delitti perché «hanno perso la capacità di giocare».
Ci sono state infine alcune domande espresse dal pubblico a cui hanno risposto il procuratore minorile Cristina Mangia e il giudice del Tribunale dei Minori di Genova Giampiero Cavatorta.
Le domande vertevano su come evitare il carcere come misura punitiva per i minorenni: Cristina  Mangia ha risposto che bisognerebbe riflettere sui costi e fare prevenzione, mentre il Giampiero Cavatorta ha ribadito che il carcere minorile è una misura residuale, che si adotta quando è indispensabile far riflettere sul proprio errore il minore condannato. In finale, sono intervenuti alcuni dirigenti scolastici che hanno spiegato come scuola e famiglia debbano concordare i percorsi formativi dei ragazzi.
In conclusione dell'incontro  il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini ha omaggiato tutti coloro che erano sul palco di alcuni libri.
Infine, Daniela Giustiniani, direttrice del carcere minorile pontremolese, ha invitato i presenti a recarsi nella struttura, dove le detenute avevano preparato un rinfresco.
Mattia Monacchia
 «Il sistema penale minorile italiano è un fiore all’occhiello che tutta Europa ci invidia». Questo il messaggio più forte della tavola rotonda «Il disagio minorile: la scrittura ed il gioco per difendere e diffondere la legalità» organizzata da amministrazione comunale e Istituto Penale Minorile di Pontremoli. Il dibattito si è tenuto lunedì al Teatro della Rosa e ha visto la partecipazione del sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri. Tra gli ascoltatori erano presenti anche gli alunni di alcune scuole superiori. Il sindaco Lucia Baracchini ha introdotto l'incontro spiegando che «questa è un’occasione importante per riflettere sulle modalità di recupero dei minori disagiati».L’incontro è stato poi moderato dallo stesso Cosimo Ferri che ha presentato i relatori, a partire da Caterina Chinnici, Capo Dipartimento per la Giustizia Minorile e figlia di quel Rocco Chinnici che 30 anni fa venne ucciso dalla mafia:«I ragazzi - ha esordito la Chinnici sono i principali destinatari di quest’incontro poiché la devianza minorile è frutto di un disagio. Fino a poco tempo fa i principali reati commessi dai minori erano contro il patrimonio, ora è in aumento la violenza. Bisogna interrogarsi sulle cause del disagio, e la prima a farlo deve essere la famiglia, con l’ascolto».Dopo Caterina Chinnici, lo scrittore Marco Buticchi, che per ragioni professionali si è relazionato spesso con detenuti, ha «intervistato» Cosimo Rega, ergastolano che da un anno sta scontando la sua pena fuori dal carcere e protagonista del film «Cesare deve morire», e Guglielmo Giuliano, vincitore del premio letterario «Goliarda Sapienza», riservato ai detenuti minorenni.Entrambi hanno sottolineato il ruolo importante della riflessione e della cultura, con la quale si combatte il grigio di una cella. Significativo anche l’intervento di Serenella Pesarin, Direttore generale per l’Attuazione dei Provvedimenti Giudiziari che ha ricordato come il carcere per i minori in Italia sia solo una misura residuale, alla quale cioè si ricorre in casi estremi.Dello specifico caso di Pontremoli ha parlato invece Antonio Pappalardo, Dirigente del Centro di Giustizia Minorile di Torino, ricordando che la struttura pontremolese è unica in Europa perché è l’unico istituto penale minorile esclusivamente femminile e ha ricordato alcuni progetti, come teatro, laboratori e attività sportive che coinvolgono non solo le detenute ma tutto il personale.E’ seguito l’intervento del Presidente del Tribunale dei Minori di Bologna, Pino Spadaro, che ha sottolineato come, usando una frase forte e significativa,  alcuni minori, commettono delitti perché «hanno perso la capacità di giocare».Ci sono state infine alcune domande espresse dal pubblico a cui hanno risposto il procuratore minorile Cristina Mangia e il giudice del Tribunale dei Minori di Genova Giampiero Cavatorta.Le domande vertevano su come evitare il carcere come misura punitiva per i minorenni: Cristina  Mangia ha risposto che bisognerebbe riflettere sui costi e fare prevenzione, mentre il Giampiero Cavatorta ha ribadito che il carcere minorile è una misura residuale, che si adotta quando è indispensabile far riflettere sul proprio errore il minore condannato. In finale, sono intervenuti alcuni dirigenti scolastici che hanno spiegato come scuola e famiglia debbano concordare i percorsi formativi dei ragazzi.In conclusione dell'incontro  il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini ha omaggiato tutti coloro che erano sul palco di alcuni libri.Infine, Daniela Giustiniani, direttrice del carcere minorile pontremolese, ha invitato i presenti a recarsi nella struttura, dove le detenute avevano preparato un rinfresco.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video