16°

scuola

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali

Romagnosi, intitolate due aule a Giulio Petrolini e Giulio Recusani

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali
1

 

Ilaria Moretti
Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali.
 Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali).
 Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. 
«Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». 
La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. 
Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». 
E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. 
Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. 
«Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 
Ilaria Moretti

 

Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali. Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali). Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. «Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. «Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    23 Novembre @ 04.13

    Oltre quella porta, in fondo, a sinistra, c'è l'aula in cui passai l'ultimo anno di Liceo, con i prof Tomasicchio, Taverna, Molinari e con tanti compagni di classe, che ho rivisto, dopo 50 anni, l'estate scorsa. Anche lì, ne mancavano parecchi, purtroppo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi

Sport

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

ponte romano

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

1commento

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

2commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

2commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

4commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

12commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

Gazzareporter

Campana del vetro con... piumino invernale Foto

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

1commento

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIETA'

Tecnologia

Samsung "spegne" definitivamente il Galaxy Note 7

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

formula 1

Per il trionfo di Vettel in Australia 10 milioni davanti a Rai1

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017