-3°

14°

scuola

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali

Romagnosi, intitolate due aule a Giulio Petrolini e Giulio Recusani

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali
Ricevi gratis le news
1

 

Ilaria Moretti
Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali.
 Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali).
 Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. 
«Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». 
La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. 
Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». 
E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. 
Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. 
«Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 
Ilaria Moretti

 

Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali. Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali). Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. «Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. «Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    23 Novembre @ 04.13

    Oltre quella porta, in fondo, a sinistra, c'è l'aula in cui passai l'ultimo anno di Liceo, con i prof Tomasicchio, Taverna, Molinari e con tanti compagni di classe, che ho rivisto, dopo 50 anni, l'estate scorsa. Anche lì, ne mancavano parecchi, purtroppo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Colin Firth e Woody Allen

Colin Firth e Woody Allen

NEW YORK

Molestie: Woody Allen, anche Colin Firth si sfila. Carriera finita?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Episodio di omo-transfobia in via Cavour, 37enne insultato

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

sabato

Cremona, oltre 1.700 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

1commento

23 gennaio

Oltre 5.000 candidati per un posto da infermiere: affittato il Palacassa Tutte le info

Comitato di vigilanza con 160 operatori aziendali, bus navetta dalla stazione ferroviaria

3commenti

p.le della pace

La città che cambia: ecco la (ex) sede della Provincia vuota Video

PARMA CALCIO

I nuovi numeri di maglia. I convocati per Cremona (ci sono Calaiò e Ceravolo)

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Ceravolo e Calaiò in recupero. Ma non sono al 100%" Video

POLIZIA

Parma, mancano agenti: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

Nella lettera, il sindaco sottolinea che Parma è penalizzata rispetto ad altre città dell'Emilia-Romagna

9commenti

elezioni

Da "Mamme del mondo" a "W la fisica" (oltre a Lega e M5S), ecco i primi simboli presentati Foto

FURTO

Collecchio, va a fare la spesa e le svaligiano la villa

Casa a soqquadro. La proprietaria: «Conoscevano le nostre abitudini»

1commento

Traversetolo

In fiamme autocarro che trasportava fieno a Vignale Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

1commento

Traversetolo

Un cartello alla porta: «I vostri colleghi ladri sono già passati»

1commento

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

Mistero

Busseto, chiuse due strade nella notte: è giallo

Tar di Bologna

Velo in tribunale: il giudice è un parmigiano

2commenti

SCUOLA

Albertelli, saranno trasferite le elementari ma non le prime

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

USA

Trump assegna i "Fake News Awards" ma il sito fa flop Video

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

televisione

Armando Gandolfi (e il pomodoro) protagonisti sabato su Rai1 Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse