14°

31°

scuola

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali

Romagnosi, intitolate due aule a Giulio Petrolini e Giulio Recusani

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali
Ricevi gratis le news
1

 

Ilaria Moretti
Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali.
 Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali).
 Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. 
«Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». 
La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. 
Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». 
E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. 
Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. 
«Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 
Ilaria Moretti

 

Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali. Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali). Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. «Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. «Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    23 Novembre @ 04.13

    Oltre quella porta, in fondo, a sinistra, c'è l'aula in cui passai l'ultimo anno di Liceo, con i prof Tomasicchio, Taverna, Molinari e con tanti compagni di classe, che ho rivisto, dopo 50 anni, l'estate scorsa. Anche lì, ne mancavano parecchi, purtroppo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Caso Angelica club: Samuele Turco suicida in carcere

delitto s.prospero

Omicidio all' "Angelica club": Samuele Turco suicida in carcere Video

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

parma in ritiro

Iacoponi: "Vogliamo un grosso obiettivo" Video

Per il difensore tripletta in amichevole con la Settaurense

incidente

Frontale a Noceto in via Galvana: ferito un anziano

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

21commenti

anteprima

Tutte le notizie di domani sulla Gazzetta di Parma

incidente

Cade dalla bici in via Repubblica: grave 74enne

L'omicidio

Fred nella casa, un silenzioso dolore

salsomaggiore

Trovati con arnesi da scasso nell'auto: quattro denunciati

7commenti

economia

Pomodoro, oltre 1000 assunti per la campagna Mutti

Nei 3 stabilimenti di Parma, Collecchio e Salerno, oltre ai fissi

parma calcio

Di Gaudio in maglia crociata

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

1commento

gazzareporter

"Ladri di biciclette... alla parmigiana": il racconto di una lettrice

4commenti

partecipate

Stu Pasubio, chiusa l'indagine preliminare. Pizzarotti: "Resto tranquillo"

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

22commenti

ITALIA/MONDO

operazione

Milano, stazione Centrale invasa dai migranti: nuovo blitz della polizia

Francia

Incendi in Costa Azzurra, evacuate 10.000 persone Foto

SPORT

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

nuoto

Italia show ai mondiali: Detti oro e Paltrinieri bronzo negli 800 sl

SOCIETA'

degrado

Pipì da Ponte Vecchio: esplode la protesta (social)

1commento

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery