12°

PGN primo piano

La «cell-dipendenza»

La «cell-dipendenza»
0

Di Giorgia C. Facchinetti

Potresti fare a meno del cellulare? Ne esistono ormai di vari colori, con le forme più strane, con le tecnologie più avanzate, in grado di scattare foto e girare filmati, ma anche di farti leggere l’e-mail e trasformarsi in browser come dei veri e propri pc, farti ascoltare la musica e ricordarti gli appuntamenti più importanti, fungendo anche da agenda elettronica. La cellulare-mania dilaga. Qualcuno è già a caccia del mitico I-Phone, importato da oltreoceano (senza attendere l’uscita ufficiale in Italia) e, diciamolo, forse per fare un po' di invidia agli amici. Ma c'è anche chi, pur non essendo interessato a sfoggiare l’ultimo modello appena comprato e super-ultra tecnologico, si «tira dietro» il vecchio «citofonino» che a malapena chiama e manda sms.
E sì, perché tutti, e dico tutti, abbiamo la necessità di usare e avere un cellulare, anche se a volte restarne privi può essere davvero una bella sensazione, come ci ha raccontato Valeria Castelli: «Qualche settimana fa mi trovavo al lago e, saltando dalla riva al molo, il cellulare mi è caduto dalla tasca ed è finito in acqua. I primi istanti sono stati di panico. Ma poi è subentrato un altro pensiero: niente cellulare niente telefonate che possano turbare la quiete di questo fantastico posto. E così mi sono goduta la mia stupenda vacanza in assoluta serenità». Poi ovviamente tornata a casa anche Valeria ha dovuto sostituire il vecchio cell, perché ci piaccia o no, il telefonino oggigiorno serve. A questo punto possiamo scegliere noi se farne un uso minimo, oppure farci catturare dal vortice della cellularmania.


Primo caso. Marco Botti, 29enne. «Lo uso pochissimo, solo per lavoro e a volte non rispondo neanche. Questo è il terzo che compro, ma l’ho cambiato solo perché l’ultimo me lo hanno rubato». Ma come si faceva prima, quando i cellulari non erano ancora stati inventati? O meglio, erano un «lusso per pochi» e sicuramente non un giocattolo da dare nelle mani di un bambino di 10-12 anni? «Noi, a 12 anni, ci si trovava tutti nel parchetto sotto casa - racconta Caterina Cini, studentessa fiorentina 25enne -. E semmai qualcuna tardava, si andava a citofonare e si chiedeva alla sua mamma “C'è Daniela?” ed ecco Daniela comparire al portone». Però per chi è lontana da casa il cellulare è l’unico mezzo che consente un filo diretto con familiari e amici.
«Chiamo a casa tutti i giorni. E sento gli amici sparsi per il mondo tramite sms o telefonate sporadiche, ma è l’unico modo che ho per tenermi in contatto con le persone a cui voglio bene - racconta Maria Pia Carro, giovane neo laureata in psicologia, e poi aggiunge -: Ovviamente ci sono anche le telefonate di lavoro. Forse se avessi il telefono a casa, o la connessione Internet, farei un uso molto più limitato del cellulare» . Anche Erica Frambatti ci racconta di un uso solo d'emergenza. «Per essere rintracciabile dai genitori. Ma conosco amici che ne hanno anche 3 o 4 di telefonini». E chi invece come Alessandra Drapchind, 19enne, lo usa prevalentemente per chiamare il «moroso». Continuando il nostro giro ci imbattiamo in Debora e Jbara che, alla nostra domanda «riuscireste a fare a meno del telefonino?», si guardano. Poi Debora subito accusa «io benissimo, ma lui proprio no. Io solo chiamate d’emergenza, lui perennemente al cellulare. Lui lo lascia acceso di giorno, io di notte, insomma due opposti» e Jbara conferma: «Guarda, io me lo porto in bagno anche quando vado a fare la doccia».


Ma sfatiamo un altro mito: non è vero che a non poterne fare a meno sono solo i teenager. «Sono spesso senza credito e mi limito a chiamate rapide e solo uno o due sms al giorno. Al cellulare potrei rinunciare, ma la tv non si tocca» commenta Martina Piccorossi, 20 anni. Ma per cosa si usa prevalentemente il cellulare? Se sono tanti a dichiarare di fare telefonate molto brevi, e solo per «emergenze», la stessa risposta unanime arriva quando si chiede che uso si fa del telefonino: per mandare sms. I messaggi e le promozioni sms. Non possiamo nemmeno immaginare quanti ne vengano mandati al giorno, persino farne una stima approssimativa è impensabile. Anche perché le varie compagnie telefoniche le inventano tutte pur di alimentare l’sms-mania, conseguente alla cellularmania, se non direttamente responsabile.


Prima c'erano solo le promozioni natalizie, il vero dono sotto l’albero che ogni ragazzo dai 16 in su aspettava di ricevere dal suo operatore telefonico, ma duravano solo un mese o due. Adesso invece è festa tutto l’anno. Paghi il primo sms e gli altri sono gratis, sempre. A usufruire di questa promozione sono in tanti, da Federica Bisestile 20 anni a Serena Fedele passando anche per Massimiliano Geravaldi che aggiunge «se non avessi il cell starei attaccato al telefono di casa». Per alcuni però questa è tutt'altro che una buona notizia, anzi suona come una minaccia perché per ogni emittente-sms-dipendente c'è sempre un povero destinatario a cui tocca rispondere, quanto meno per educazione. Ma c'è chi osa di più, come ci ha raccontato Tiziano Bolzoni, 16 anni:  «Io i 100 sms al giorno li finisco sempre, ma per fortuna poi ci sono anche i 100 mms». Chi per diletto, chi per necessità, tutti abbiamo ormai un telefonino sempre con noi, ma riflettendo su com'era in passato viene da chiedersi: non si stava forse meglio quando c'erano ancora le vecchie cabine telefoniche?
 

Guarde le foto degli intervistati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia