15°

PGN primo piano

Ex Federale, dove i giovani giocano e studiano

Ex Federale, dove i giovani giocano e studiano
0

 Ilaria Moretti

Vita da adolescenti. Quando, dentro, tutto è il contrario di tutto. Dicono che i ragazzi di oggi vivano inchiodati alle tastiere e agli schermi dei computer. Sarà anche vero. Ma in questo loro essere ogni cosa, in un mondo che cambia alla velocità della luce, restano ancora i «ragazzi del muretto». Basta presentarsi un pomeriggio qualunque all’«Ex Federale» - la «Gazzetta» parte proprio da qui per un viaggio nei centri di aggregazione (o meglio centri giovani) della nostra città - e guardarli in faccia mentre si sfidano a calcio balilla e se la «contano» seduti sui divani: bastano pochi minuti per capire che in fondo sono ciò che eri tu, venti, trenta, quarant'anni fa. Più «tecnologici», certo, ma parole come amicizia, incontro, dialogo non sono passate di moda. Anzi. Sono loro a ripeterle mentre spiegano perché appena possono si ritrovano lì in via XXIV Maggio.
 
Come tutti i centri giovani cittadini, l’«Ex Federale» unisce elementi educativi, aggregativi e culturali. Ogni struttura della rete ha una vocazione particolare e qui «il marchio di fabbrica» è l’intrattenimento sportivo con tanto di campo da calcio, calcetto e beach volley, corsi di hockey su prato, flag football, calcetto maschile e femminile. E poi ancora eventi, soprattutto estivi. Senza dimenticare le attività libere e i laboratori di chitarra, hip hop e giocoleria: uno nuovo di zecca sul giornalismo prenderà il via in gennaio. Agli iscritti - circa 150, con una frequentazione media di 35-40 ragazzi al giorno - è riservato anche uno spazio per lo studio e i compiti. Feste, serate tv e tornei di calcio balilla e ping pong completano il quadro. Il tutto assolutamente gratis. Ma in un era in cui le città propongono attività di ogni tipo per riempire il tempo libero degli adolescenti, non è il listino dell’offerta il pezzo forte di un centro di aggregazione. La parola magica è sempre quella: ritrovo. Lo dice anche Daniele, 14 anni, eppure già saggio: «Per noi il centro è un punto di incontro - spiega -. Le attività servono per conoscerci meglio e gli educatori sono bravi e disponibili. Quando abbiamo qualcosa, con loro ne possiamo parlare».
 
Già, parlare, è l’altra questione fondamentale. Perché è così, comunicando, tra una battuta e una riflessione seria che si creano relazioni e legami. Giorgio, 15 anni, aria timida e simpatica all’«Ex Federale» è venuto a cercare degli amici: «Arrivo da un’altra città e non conoscevo nessuno» racconta a mezza voce. Ora è sempre in prima linea quando c'è da dare due calci al pallone. O meglio, lui sui campi del centro usa mani e guanti, visto che il suo ruolo è quello del portiere (e nel dirlo gli si illuminano gli occhi). Il calcio piace anche ad Alessandro, 17 anni: «Qui si scherza e si va d’accordo» taglia corto. In fondo ha ragione troppe parole «stroppiano». Il pallone torna sempre nei discorsi ed anche questo è segno che certe cose non passano. Lorenzo, 14 anni, preso dallo studio e dagli allenamenti di calcio non può venire sempre: «In ogni modo quando sono qui mi svago, ma si parla anche di argomenti seri». Anche di problemi? «Io non ne ho di particolari» risponde pronto, poi ci pensa un attimo e butta fuori una risposta da grande: «In generale credo che alla nostra età il problema sia il cambiamento». Ben detto, commenteranno dopo gli educatori che lo ascoltano. La tredicenne Matilde non ha dubbi: «Qui si sta molto bene, ci sono gli amici e gli educatori sono simpatici». Per la sua coetanea Rosaria, il centro «è diventato un punto di riferimento». E se Maria, 15 anni è una new entry: «Me lo hanno consigliato le amiche ed ora che so com'è continuerò a venire», Giovanna, anche lei 15 anni, lancia un suggerimento: «Le pareti delle sale sono troppo chiare, coloriamole». I genitori? «Per noi c'è la tranquillità di sapere che i nostri figli sono in un posto sicuro, con gli educatori» risponde Cristina De Angelis. «E di certo preferisco sapere mia figlia qui insieme ad altri ragazzi che su Facebook» aggiunge Bruno Pattera. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Piazzale Dalla Chiesa assediata dal degrado

Emergenza

Piazzale Dalla Chiesa assediata dal degrado

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

Fede

Viaggio nel cattolicesimo, la mappa delle diocesi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Calcio

Parma, che bel poker

INTERVISTA

Fresu: «Il mio festival jazz a km 0»

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Corniglio

Lupo morto avvelenato

SORBOLO

Verde pubblico, gestione a costo zero

Ultim'ora

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

21commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017