10°

20°

PGN primo piano

I reati dei figli ricadono sui genitori? Parmigiani divisi

0

 Ilaria Moretti

In un mondo dove tutto si consuma alla velocità di internet e le immagini bombardano le case, per «salvare» i propri figli dall’incapacità di amare e di riconoscere il dolore nell’altro conta ancora l’esempio. 
Già, quella parola forse fuori moda che le mamme e i papà parmigiani, però, rispolverano, nel commentare la sentenza con cui il Tribunale di Milano, chiamato a esprimersi sulla vicenda di una dodicenne violentata da ragazzini di due-tre anni più grandi, ha condannato i genitori degli adolescenti a risarcire la vittima con quasi 450 mila euro. 
Motivazioni della sentenza
La motivazione parla chiaro: è venuta a mancare «quella educazione dei sentimenti e delle emozioni che consente di entrare in relazione non solo corporea con l’altro». 
Le colpe dei figli, dunque, devono ricadere sui padri? E, soprattutto, come sono i ragazzi di oggi e quale è la chiave per comunicare con loro? 
I genitori parmigiani
Le opinioni dei genitori anche a Parma si dividono: c'è chi riversa sulla «categoria» molte responsabilità e chi chiede le «attenuanti». 
Ma una cosa non la nega nessuno: quanto è difficile essere mamme e papà. 
«Trovo che oggi molti adolescenti siano abbandonati a se stessi - racconta Simona, mamma di due ragazzine di 12 e 13 anni -: c'è un grande impoverimento di valori. Approvo la sentenza di Milano perché credo smuova le coscienze e ricordi ai genitori che sono loro i responsabili della crescita dei propri figli». 
I valori
Certo, i valori non si trasmettono da soli: «E' un lavoro lungo e difficile - prosegue Simona - , bisogna cercare di condividere dei momenti con i propri figli, momenti che possono sembrare di poco conto ma che in realtà sono importanti, perché offrono la possibilità di aprirsi e raccontarsi. Sono severa anche sull'utilizzo del computer: alle mie, lo faccio usare solo per qualche ricerca e se chiedono il permesso. Penso che prima debbano imparare a ragionare con la propria testa». 
E' colpa dei genitori?
Dito puntato contro i genitori? C'è anche chi dice: non metteteci in croce. 
«Non sono convinta che sia sempre tutta colpa nostra - sottolinea Mirella Ghelfi -, anche i ragazzi hanno una loro testa. Ho un figlio di 11 anni e cerco di fargli capire la differenza tra il bene e il male. Non parliamo specificatamente di ragazze ma tento di trasmettergli il rispetto verso l’altro in generale. Più che con le parole, con l’esempio. L’affetto che vede tra i genitori e l’ambiente in cui cresce fanno più di tanti discorsi».
L'età difficile
 Ma in quell'età delicatissima in cui il piccolo «bruco» diventa «orco» o «farfalla», le generalizzazioni non reggono: lo evidenzia Michele Rastelli, una figlia di 16 anni e un figlio di 13: «Ogni volta che si analizza una situazione del genere bisogna vedere se c'è stata realmente una mancanza da parte dei genitori. Credo che sia importante l’esempio, tenere un comportamento corretto dal punto di vista sociale e familiare, non per forza legato a un modello tradizionale, ma inteso come rispetto. Altra cosa fondamentale è il controllo. Io non sono per il divieto ma per un’osservazione «dietro le quinte», anche per quanto riguarda l’uso di internet: notare i comportamenti insoliti, i cambiamenti repentini di umore. Anche trovare momenti di incontro e condividere interessi può essere d’aiuto, però sempre nel rispetto dei ruoli».
La Tv e internet
Il cammino è zeppo di ostacoli: «Le difficoltà che incontra oggi un genitore sono tantissime - spiega Lucia Miccoli, un figlio di 19 anni e uno di 15 -, il rapporto è molto paritario ed è difficile esercitare autorevolezza. Non entra in casa solo la voce del genitore: ci sono programmi televisivi dove il sesso è piuttosto esplicito e la fascia protetta esiste per modo di dire». Non solo, su internet arriva di tutto e «il sentimento non è più sentimento: solo sesso. E poi c'è il fatto che i ragazzi non si conquistano più le cose e hanno tutto in modo facile. Faccio uscire il più piccolo meno dei suoi coetanei e per questo risulto cattiva. Tra i miei figli stessi vedo già un salto generazionale: tutto viaggia troppo alla svelta, alla velocità di internet. Dobbiamo rallentare. E essere più severi: anche la scuola deve tornare a bocciare di più. I nostri figli hanno bisogno di incontrarsi, di coltivare rapporti vissuti in diretta e non solo su Facebook o con gli sms: è solo guardando in faccia una persona che puoi capire anche il dolore del quale sei responsabile».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport