-3°

PGN primo piano

Baustelle, la "guerra" continua

Baustelle, la "guerra" continua
Ricevi gratis le news
0

di Giulia Viviani

Baustelle significa «cantiere» in tedesco. E i prodotti che escono da questo cantiere sono veramente di ottima qualità. Un album, Amen, che sta avendo un successo di pubblico insperabile rispetto all’esordio del 2000. Il primo singolo (Charlie fa surf) è diventato subito un tormentone. E poi il tour che dal 29 febbraio li sta portando in tutta Italia. Si sono evoluti tantissimo i Baustelle, ma sono sempre rimasti fedeli al loro stile, inconfondibile ormai: il binomio tra la voce di Francesco Bianconi e Rachele Bastreghi, la poesia delle liriche, la sperimentazione musicale che li porta a fondere stili e generi diversi. Il loro è un pop sofisticato che coniuga testi d’élite e vendibilità. E se anche l’occhio vuole la sua parte c'è da dire che piace tanto anche il loro stile un po' retrò da poeti decadenti, quell'atteggiamento riservato che li può far sembrare snob. Dal vivo i Baustelle pagano un po' lo scotto di un album musicalmente complesso, che ha visto collaborazioni importanti, impossibili da riprodurre live. Ma se la cavano benissimo reinterpretando e riuscendo comunque a ricreare le atmosfere del disco. La voce di Rachele, in particolare, dona un’intensità vibrante ai brani che la vedono solista come «L’Aeroplano» e la sensualissima «Dark Room», canzone in vero stile Baustelle. Immancabili anche i pezzi dei vecchi album che fanno esaltare soprattutto i fan di vecchia data: «Gomma» e «I provinciali», per non parlare del cavallo di battaglia «La guerra è finita». Ma è sull'intensa «Il corvo Joe» che Bianconi si supera. Una parentesi a parte merita la canzone Baudelaire, forse una delle più belle del disco: la disco music al servizio della poesia. Tra Pasolini, Socrate e Saffo, mi pare che «datti al giardinaggio dei fiori del male» sia uno dei versi più riusciti, oltre che un ottimo invito. E chissà che, visto il successo ottenuto fino ad ora, non ci riescano davvero i Baustelle, a convincere qualche Charlie a lasciare per un po' la drum machine e a lasciarsi incuriosire da Piero Ciampi e Luigi Tenco. Francesco Bianconi, la mente del trio, nonché autore dei testi, un po' ci crede. Lo abbiamo intervistato a pochi giorni dal concerto al Fillmore di Cortemaggiore.

Amen è un disco con arrangiamenti molto complessi, come fate nei live?

«Il live è effettivamente difficile - risponde Bianconi -, il disco è veramente molto arrangiato, servirebbe un’intera orchestra sul palco invece siamo sette. Questo implica delle semplificazioni. Fondamentalmente cerchiamo di riportare sul palco le atmosfere dell’album. E ci divertiamo a farlo! Per la prima volta dopo tanti anni in cui era sempre un patema riprodurre gli arrangiamenti. Poi è molto stimolante, ci piace spiazzare il pubblico facendo versioni nuove anche di pezzi vecchi».

A proposito di pubblico, alcuni dei vecchi fan non hanno gradito particolarmente il passaggio da un’etichetta indipendente ad una grande major come la Warner. Quanto tenete in conto queste critiche?

«Teniamo sempre in considerazione critiche e apprezzamenti. Ma non ci facciamo influenzare. Avere una major alle spalle ci permette di arrivare ad un pubblico più vasto, che poi è quello che ci interessa. Noi non facciamo musica solo per chi la può capire. Ci sono artisti internazionali che hanno sempre inciso per le major: credo che nessuno sia mai andato a dire ai Beatles che erano più bravi quando erano indipendenti».

Quindi, se mirate ad un pubblico vasto e non all’elite, non siete così snob come vi definiscono?

«No, non siamo snob. Anche se lo snobismo può avere un’accezione positiva se significa rifiutare cose oggettivamente brutte».

Pensi che la generazione dei “Charlie” che avete descritto nel primo singolo, possa essere invogliata da un pezzo come Baudelaire a scoprire chi era Piero Ciampi o a leggere Pasolini?

«Spero proprio di si! A me è successo. Alle elementari ricordo che ascoltando La voce del padrone di Battiato mi chiesi chi fosse quel Sinatra che lui citava. E poi certi versi che ti entrano in testa, tipo “lo shivaismo tantrico di stile dionisiaco”, ripetendoli come un mantra ti suscitano per forza curiosità e voglia di informazione».

I testi delle vostre canzoni sono spesso complessi, ricchi di citazioni, poetici e sicuramente mai banali.Ma ti escono così naturali? O c'è un lavoro di ricerca linguistica accurato dietro?

«La scrittura è una cosa misteriosa. A volte scrivo in 2 minuti, a volte invece sto un mese sullo stesso pezzo. Non lo so, è una cosa che mi sorprende e che non so spiegare. Molte canzoni del nuovo album sono una critica esplicita alla società occidentale, alla logica del profitto, al mercato. C'è una presa di posizione politica in questo senso».

Come vedi la situazione in Italia di oggi?

«Come la vedo? - conclude Bianconi - Male, molto male. Nonostante la mia tendenza anarcoide sono andato comunque a votare. Ho scelto di farlo perché non volevo si riaffermasse un certo modello culturale. Per quanto riguarda l’economia, penso che non ci sia una grande differenza nelle proposte. Quello che speravo era che finisse il modello culturale berlusconiano che dura dai primi anni '80 e che ha reso il nostro paese piuttosto brutto. Ma non è andata come speravo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento