10°

18°

PGN primo piano

I ragazzi e il governo

I ragazzi e il governo
0

I giovani non ci stanno, e questa volta chiedono di più. Di più dei soliti slogan pre elettorali sapientemente riposti nel cassetto dopo aver vinto le elezioni, di più delle belle promesse mai mantenute, almeno così la pensano le ultime generazioni.
 A pochi giorni dalla formazione del nuovo Governo, siamo andati in giro per le strade della città a sentire, dalle loro voci, cosa si aspettano da questo nuovo ciclo governativo.
Un’ indagine però apolitica, nonostante le apparenze, perché ai ragazzi interpellati non abbiamo chiesto di schierarsi a favore o contro chi ci governerà nei prossimi anni, ma solo di esprimere i propri desideri a chi potrebbe, e dovrebbe, provare a realizzarli, a prescindere dal colore politico che indossa.
«Cosa potrebbero fare i politici per noi giovani? Sicuramente di più di quello che fanno adesso, anche perché di meno sarebbe impossibile - commenta Luca Bottazzi, che ha 21 anni e frequenta l’ Università qui a Parma -. Continuando di questo passo, non si riuscirà mai ad aiutare i giovani a trovare un posto di lavoro adeguato perché, spesso, dopo gli studi, vengono abbandonati a loro stessi. Inoltre, potrebbero favorire il ricambio generazionale, sia all’ interno dello stesso sistema politico, che in altri settori perché esistono molti ragazzi capaci, che non riescono ad emergere, per mancanza di posti in cui far conoscere le proprie potenzialità».
La domanda del sondaggio era generica ma, tutti i ragazzi interpellati, hanno dato risposte riguardanti il mondo dell’ Università e del lavoro segno che, a dispetto di chi li vuole tutti «bamboccioni» nullafacenti, i giovani, al futuro, pensano eccome.
 «Le Università italiane sono indietro cent’ anni, come strutture, programmi di studi, supporti per gli studenti e collegamenti al mondo del lavoro -  commenta Dario Serventi, universitario di 25 anni -. Credo, quindi, che il primo passo da compiere sia quello di pensare ad un miglioramento, serio, del sistema universitario».
 Della stessa idea, anche Giuseppe Calo, coetaneo di Dario, che ammette:  «C’è davvero molto da fare, a partire dall’ abolizione del sistema universitario del 3+2 che, da quando è in vigore, ha fatto solo danni. Poi proporrei di dare più fondi alla ricerca e di rendere i Master, obbligatori per certe professioni, economicamente accessibili a tutti, altrimenti si rischia di creare mestieri d’ elitè».  Chiede meno test d’ammissione alle facoltà universitarie, anche Martina Rienti che a 18 anni, all’Università, sta pensando di entrarci adesso. La sua mente, tuttavia, è già proiettata al mondo del lavoro. «Per migliorare le cose sarebbe necessario, anche, mandare la gente in pensione prima, per creare un ricambio generazionale che crei un mercato del lavoro più dinamico, che ne favorisca l’ ingresso ai giovani». Pensa al lavoro anche Luca Facchini, di 26 anni, «Dovrebbe essere a tempo indeterminato per tutti, in modo da consentire ai ragazzi di crearsi un futuro». Se si parla di tasse, poi, Luca non ha dubbi. «Andrebbero diminuite, se no come si fa a crearsi una famiglia e a mettere al mondo dei bambini?». Le risposte al quesito, si assomigliano molto tra loro perché, ammettono quasi tutti gli intervistati «Senza un lavoro che faccia dormire sonni tranquilli, non c’è tempo e voglia di pensare ad altro». E così, Emiliano Zapata vorrebbe «Più progetti e finanziamenti pensati per valorizzare le idee dei giovani che, spesso, non riescono a realizzare i propri sogni per mancanza di soldi, o a causa di una burocrazia infinita». Come lui, Silvia Cassiani, di 22 anni, parla della necessità di creare «Centri di aggregazione giovanile in cui vengano proposte idee intelligenti, così che,  i ragazzi, possano passare il loro tempo, non in modo superficiale, ma costruttivo». Nonostante i sogni e le aspirazioni, personali e collettive, quello che emerge da questa piccola indagine, è la sfiducia nei confronti delle istituzioni e l’ idea che si può chiedere, ma difficilmente, qualcuno esaudirà. «Non ho fiducia nei politici ma, se proprio devo sperare in qualcosa, spero che mettano in campo delle risorse per migliorare il livello del sistema scolastico che, in Italia, non è il massimo. Spero, anche, che tutelino maggiormente i ragazzi più deboli, in modo da evitare, il più possibile, l’ insorgere di fenomeni di emarginazione e violenza, come accade con il bullismo». L’amica, Federica Freddi, meglio di tutti, esprime, attraverso una sola parola, il concetto che riesce a contenerne tutti: fiducia. «Dovrebbero solo darci quella, invece, se ci sono da tagliare dei fondi, il primo settore a farne le spese, è l’istruzione. Questo dimostra che, nelle nuove generazioni, si crede poco». Fiducia, solo quella chiedono i giovani d’ oggi. Fiducia nel considerarli ragazzi attenti e preparati a scuola, non solo ignoranti cellulare-dipendenti. Fiducia nel vedere in loro i cittadini di domani, in gradi di migliorare il mondo di oggi. Fiducia nel credere che un giorno, anche loro, potranno farcela, come hanno fatto i loro padri e i loro nonni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Universitari, fidanzati, mamme... Le parodie di "Occidentali's Karma"

SOCIAL NETWORK

Universitari, fidanzati, mamme... Le parodie di "Occidentali's Karma" Foto

Presentazione libro (Vanni)

Intervista

"Nessuno può fermarmi": un romanzo ricorda la tragedia dell'Arandora Star Video

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Incidente in autostrada: 5 chilometri di coda fra il bivio A1/A15 e Campegine Tempo reale

Autostrada

Incidente mortale in A1: lunghe code tra Fidenza e Parma, problemi anche in tangenziale

Incidente anche verso Milano: code tra Fidenza e Fiorenzuola

Parma

Una lettrice bloccata in coda in A1: "Abbiamo spento la macchina, attesa interminabile e disagi"

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

langhirano

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

tg parma

Amministrative 2017, il centrodestra sceglie Laura Cavandoli Video

Sondaggio

"Il Parma andrà in B? Avete fiducia?": prevale il pessimismo, "no" al 63%

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

Droga

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

17commenti

PONTETARO

Chiave clonata: i ladri «svuotano» l'auto

1commento

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

carabinieri

"Adescato" e rapinato in stazione: due arresti

2commenti

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

1commento

Bogolese

Furti, bloccati tre incappucciati

2commenti

Borgotaro

L'ultimo saluto a Danilo

Ausl

Cup: fila agli sportelli per un’altra settimana

Problemi a causa dell’installazione della nuova anagrafe sanitaria regionale

FIERE

A MecSpe le novità tecnologiche made in Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

vasto

Uccise l'uomo che investì la moglie: condannato a 30 anni

1commento

napoli

Tredicenne violentato per anni da "branco" di 11 minorenni

2commenti

SOCIETA'

WEEKEND

I cinque eventi imperdibili di sabato e domenica

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Ognuno di noi deve migliorare se stesso, ne gioverà la squadra" Video

LIBRO 

Emozioni del calcio di una volta

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery