12°

PGN primo piano

I ragazzi e il governo

I ragazzi e il governo
0

I giovani non ci stanno, e questa volta chiedono di più. Di più dei soliti slogan pre elettorali sapientemente riposti nel cassetto dopo aver vinto le elezioni, di più delle belle promesse mai mantenute, almeno così la pensano le ultime generazioni.
 A pochi giorni dalla formazione del nuovo Governo, siamo andati in giro per le strade della città a sentire, dalle loro voci, cosa si aspettano da questo nuovo ciclo governativo.
Un’ indagine però apolitica, nonostante le apparenze, perché ai ragazzi interpellati non abbiamo chiesto di schierarsi a favore o contro chi ci governerà nei prossimi anni, ma solo di esprimere i propri desideri a chi potrebbe, e dovrebbe, provare a realizzarli, a prescindere dal colore politico che indossa.
«Cosa potrebbero fare i politici per noi giovani? Sicuramente di più di quello che fanno adesso, anche perché di meno sarebbe impossibile - commenta Luca Bottazzi, che ha 21 anni e frequenta l’ Università qui a Parma -. Continuando di questo passo, non si riuscirà mai ad aiutare i giovani a trovare un posto di lavoro adeguato perché, spesso, dopo gli studi, vengono abbandonati a loro stessi. Inoltre, potrebbero favorire il ricambio generazionale, sia all’ interno dello stesso sistema politico, che in altri settori perché esistono molti ragazzi capaci, che non riescono ad emergere, per mancanza di posti in cui far conoscere le proprie potenzialità».
La domanda del sondaggio era generica ma, tutti i ragazzi interpellati, hanno dato risposte riguardanti il mondo dell’ Università e del lavoro segno che, a dispetto di chi li vuole tutti «bamboccioni» nullafacenti, i giovani, al futuro, pensano eccome.
 «Le Università italiane sono indietro cent’ anni, come strutture, programmi di studi, supporti per gli studenti e collegamenti al mondo del lavoro -  commenta Dario Serventi, universitario di 25 anni -. Credo, quindi, che il primo passo da compiere sia quello di pensare ad un miglioramento, serio, del sistema universitario».
 Della stessa idea, anche Giuseppe Calo, coetaneo di Dario, che ammette:  «C’è davvero molto da fare, a partire dall’ abolizione del sistema universitario del 3+2 che, da quando è in vigore, ha fatto solo danni. Poi proporrei di dare più fondi alla ricerca e di rendere i Master, obbligatori per certe professioni, economicamente accessibili a tutti, altrimenti si rischia di creare mestieri d’ elitè».  Chiede meno test d’ammissione alle facoltà universitarie, anche Martina Rienti che a 18 anni, all’Università, sta pensando di entrarci adesso. La sua mente, tuttavia, è già proiettata al mondo del lavoro. «Per migliorare le cose sarebbe necessario, anche, mandare la gente in pensione prima, per creare un ricambio generazionale che crei un mercato del lavoro più dinamico, che ne favorisca l’ ingresso ai giovani». Pensa al lavoro anche Luca Facchini, di 26 anni, «Dovrebbe essere a tempo indeterminato per tutti, in modo da consentire ai ragazzi di crearsi un futuro». Se si parla di tasse, poi, Luca non ha dubbi. «Andrebbero diminuite, se no come si fa a crearsi una famiglia e a mettere al mondo dei bambini?». Le risposte al quesito, si assomigliano molto tra loro perché, ammettono quasi tutti gli intervistati «Senza un lavoro che faccia dormire sonni tranquilli, non c’è tempo e voglia di pensare ad altro». E così, Emiliano Zapata vorrebbe «Più progetti e finanziamenti pensati per valorizzare le idee dei giovani che, spesso, non riescono a realizzare i propri sogni per mancanza di soldi, o a causa di una burocrazia infinita». Come lui, Silvia Cassiani, di 22 anni, parla della necessità di creare «Centri di aggregazione giovanile in cui vengano proposte idee intelligenti, così che,  i ragazzi, possano passare il loro tempo, non in modo superficiale, ma costruttivo». Nonostante i sogni e le aspirazioni, personali e collettive, quello che emerge da questa piccola indagine, è la sfiducia nei confronti delle istituzioni e l’ idea che si può chiedere, ma difficilmente, qualcuno esaudirà. «Non ho fiducia nei politici ma, se proprio devo sperare in qualcosa, spero che mettano in campo delle risorse per migliorare il livello del sistema scolastico che, in Italia, non è il massimo. Spero, anche, che tutelino maggiormente i ragazzi più deboli, in modo da evitare, il più possibile, l’ insorgere di fenomeni di emarginazione e violenza, come accade con il bullismo». L’amica, Federica Freddi, meglio di tutti, esprime, attraverso una sola parola, il concetto che riesce a contenerne tutti: fiducia. «Dovrebbero solo darci quella, invece, se ci sono da tagliare dei fondi, il primo settore a farne le spese, è l’istruzione. Questo dimostra che, nelle nuove generazioni, si crede poco». Fiducia, solo quella chiedono i giovani d’ oggi. Fiducia nel considerarli ragazzi attenti e preparati a scuola, non solo ignoranti cellulare-dipendenti. Fiducia nel vedere in loro i cittadini di domani, in gradi di migliorare il mondo di oggi. Fiducia nel credere che un giorno, anche loro, potranno farcela, come hanno fatto i loro padri e i loro nonni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Auto si ribalta  e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti Foto Video

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

4commenti

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

anteprima gazzetta

Ranieri esonerato: "Pro e contro", tra sport e costume

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

8commenti

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

POLizia

Campagna antitruffe “Non siete soli #chiamatecisempre” I consigli

1commento

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

musica

Ottima prova zero: Parma dà il la a Elio e le Storie tese Video

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

4commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

svezia

Sesso in pausa pranzo: proposta choc in un comune artico

roma

Caso Cucchi: sospesi dal servizio i tre carabinieri accusati di omicidio

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia