-2°

PGN primo piano

Anoressia: il rischio corre anche su internet

Anoressia: il rischio corre anche su internet
0

 Natalia Conti

Anoressia e bulimia sono malattie mortali. Nonostante questo sia ormai risaputo, esiste ancora qualcuno che non ci crede. Assurdo, agghiacciante: qualcuno pensa ancora che l’anoressia non sia una spietata corsa verso la morte. Invece la è. Essere belli e magri, anteporre la magrezza alla salute. Unico rischio? La morte. Ma per i siti e i blog «Pro Ana» (pro anoressia) il pericolo della morte diventa secondario. Realtà virtuali frequentate da ragazze reali il cui credo è che «essere magri è più importante che essere sani».
 Blog agghiaccianti, fatti di regole, trucchi e consigli assurdi. Consigli su come andare in contro alla morte che diventano una sorta di devastante lavaggio del cervello: qualcosa da evitare, da cui stare lontani il più possibile. Forum in cui la bilancia diventa la cosa più importante. Mondi virtuali che poco a poco di risucchiano e ti contagiano. A dimostrazione di questo, il racconto di due ragazze di Parma, Anna (nome di fantasia) e Mara.
 «La mia storia inizia quando ero minorenne. - dice Anna - Mi vedevo grassa, brutta, non avevo un ragazzo. Girando in internet mi sono disgraziatamente imbattuta in questi blog pro anoressia. Mi hanno riempito la testa di assurdità irripetibili che mi hanno lasciata scivolare nel baratro dell’anoressia. Nonostante mi sentissi felice perché dimagrivo, avevo la sensazione che nulla fosse mai abbastanza. Ero sola con me stessa, la mia bilancia e questi blog deleteri che professavano un’amicizia che mi portava alla morte».
 Ma Anna a un certo punto ha deciso di vivere. «Non so di preciso cosa mi abbia fatto voltare pagina. Forse il ricovero perché il mio cuore non riusciva più a funzionare bene, il fatto di non avere più il ciclo, di non vivere più in maniera normale. Ora ho 23 anni, il mio percorso non è ancora finito e forse non finirà mai, ma ci sono tanti professionisti che mi stanno aiutando giorno per giorno a recuperare la mia vita. Quella vita che l’anoressia mi stava togliendo». 
A combattere la sua lotta contro l’anoressia e contro i «blog ana», Mara, una ragazza di 24 anni anche lei vittima di questa drammatica patologia. «Tutto è cominciato a 14 anni con un paio di jeans troppo stretti (taglia 44, assolutamente normale). - racconta Mara - Da 57 kg sono passata in pochi giorni a 53, poi a 50, poi a 47. Ed ecco che le ossa cominciavano a vedersi, le costole sporgevano, le anche erano in evidenza. Mi sentivo felice, o meglio credevo di esserla. Nel mio subconscio sapevo che ciò che facevo era sbagliato, innaturale, ma il mio delirio è durato 3 anni. Un giorno il ragazzo da me tanto desiderato si accorse di me, ma non nel modo in cui avrei sperato. Mi disse che avevo un bel viso, ma ero troppo magra. Mi rifiutò. Qualcosa dentro di me scattò. Capii che mi stavo rovinando». 
Da lì iniziò il percorso di Mara, fatto di un ricovero in clinica e di sedute dallo psichiatra. Una strada difficile, dolorosa, in salita. Ma Mara, che ha ricominciato a nutrirsi, è guarita ed ora è sicura di essere felice. «Non ho avuto a che fare personalmente con i siti "pro ana", ma purtroppo li conosco e so quante vittime stanno mietendo. Per definire chi li apre e li gestisce, - conclude la ragazza - c'è un solo modo: criminali, assassini». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto