-2°

PGN primo piano

In giro per il mondo a "caccia" di storie da raccontare

In giro per il mondo a "caccia" di storie da raccontare
Ricevi gratis le news
0

 Michele Ceparano

Un parmigiano in  giro per il mondo ad aiutare gli altri, ma senza perdere mai  la curiosità del reporter. Ad Alessandro Rizzi, 29 anni  e una laurea  in Scienze della comunicazione, un passato alla «Gazzetta di Parma» prima da stagista e poi come  corrispondente dai campi di calcio dilettantistici, la quiete della provincia è sempre stata stretta. Tanti interessi e un desiderio insopprimibile  di mettersi a disposizione del prossimo. E poi parlare con la gente, scoprire, indagare. Sempre «sul campo». 
Il «volo»  inizia  da Milano e ha strettamente a che fare con il  giornalismo.   Nel 2007 fa infatti uno stage alla   Condé Nast,  editrice di «pezzi da novanta» come  Vogue e Vanity Fair. L'esperienza dura sei mesi, ma non ha seguito. «Mi avevano proposto un altro stage - spiega  - ma volevo fare nuove esperienze». Infatti sale su un aereo per  Londra. «Per vivere - racconta - ho fatto il barista in un pub di Pimlico, nel centro della capitale inglese. Nel frattempo mi sono messo  in contatto con l'Oxfam, organizzazione non governativa che si batte contro l'ingiustizia e la povertà nel mondo. Volevo   rendermi utile in qualche modo». Senza, però,  dimenticare il gusto del racconto che prende vita nel blog Parma-Londra in cui Rizzi narra le   storie dei  parmigiani emigrati nella metropoli britannica. Dopo il lavoro, il giovane è in prima linea  in  città  con la Simon Community ad aiutare i senzatetto. Ed è in quei giorni che  nella sua mente  inizia a fare capolino la Cambogia. «Contattai contemporaneamente la Ciai, ong italiana che ha sede a Milano - spiega - e il River Kids Project di Singapore». 
Ricevuto l'ok parte nel 2009 per Phnom Penh e nella capitale cambogiana porta il suo aiuto nelle zone più povere della città. Nel frattempo scatta foto, prende appunti, parla con la gente nei luoghi in cui Sidney Schanberg,  oltre trent'anni prima,  raccontò   la storia del reporter  Dith Pran, da cui poi venne tratto il film-denuncia «Urla del silenzio». Un'opera che  svelò al mondo le atrocità  commesse dai khmer rossi. Dalla Cambogia Rizzi  scrive alcuni  reportage che vengono  pubblicati in Italia: uno  sulla prostituzione che appare su  «Popoli», la rivista dei gesuiti, e un altro sugli espropri nelle città per  «Reset». Fa poi un viaggio «in solitaria» che tocca, oltre alla Cambogia, Laos, Thailandia e Birmania. Zaino in spalla e fotocamera sempre al collo, Rizzi non è, però,  un turista. Anche in questo lungo «tour» raccoglie immagini e articoli. Poi torna a Parma. Il tempo per stare un po' con la sua famiglia e rivedere qualche amico e via di nuovo. La meta stavolta è il Nepal dove lavora con i bambini di strada ed è responsabile di un progetto rivolto alle donne per formare badanti. Anche in questo periodo continua la sua produzione,  sempre su «Popoli», ma anche  su Arcoiris.tv. 
Arriva il 2010 e     la Colombia chiama. Per Rizzi è «un sogno che si realizza, una terra  che ho sempre sognato di conoscere profondamente». E nel quarto Paese più esteso del Sudamerica fa esperienze entusiasmanti. Anche là non fa certo una vita comoda: lavora con la Corporaciòn a progetti rivolti ai contadini e visita il confine con l'Ecuador, una fra le zone più «calde» dell'America Latina. Estate scorsa:  in Colombia ci sono i Mondiali di calcio Under 20 e il  parmigiano si propone alla «Gazzetta dello Sport» per seguirli. Giornalismo puro e, per un appassionato di calcio come lui, una manna dal cielo. «Ho scritto per la “rosea” fino ai quarti di finale» racconta orgoglioso. Sul suo taccuino finiscono i nomi di personaggi che, di lì a poco, sarebbero diventati famosi anche in Italia come  l'argentino Lamela, in questa stagione  acquistato  dalla Roma. Conosce anche il centrocampista del Parma Danilo Pereira, ma, soprattutto, Tino Asprilla. «L'ho visto  in tribuna a Medellin,  durante una gara - spiega ancora emozionato -. Mi sono avvicinato  e gli ho detto: “Ciao, sono di Parma”». Gli occhi dell'indimenticabile ex gialloblù si sono illuminati. Asprilla  lo ha invitato a casa sua assieme all'inviato della «Gazzetta dello Sport», che nel frattempo era  arrivato in Colombia per seguire la fase finale del Mondiale. «Abbiamo parlato di Parma: lui ce l'ha sempre nel cuore - racconta  -. Poi, abbiamo anche fatto una partitella a calcio». Di quei momenti restano le foto, scattate da Rizzi e   pubblicate sul principale quotidiano sportivo italiano. Successivamente continua a scrivere e in Italia escono tre suoi servizi. Uno per «Traveller» sulle Isole del Rosario. Un altro per  «Popoli» su  Miraflores, che fino a qualche anno  fa era considerata la capitale della guerriglia e della coltivazione della coca. Infine un'intervista via web a Camila Vallejo, leader degli universitari cileni, pubblicata dall'«Espresso».   Rizzi, che attualmente si occupa di turismo scrivendo  contenuti web per il sito di Expedia,  ora è a Parma. Ma fino a quando? «Mi piacerebbe andare in Brasile» confessa. Si riparte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

90 Special: le 7 ragazze diventate famose - Ambra Angiolini

L'INDISCRETO

Non è la Rai, Ambra Angiolini e le "sue" ragazze

Sant'Ilario: allegria al Be Movie

FESTE PGN

Sant'Ilario: allegria al Be Movie Foto

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trattoria "Al Voltone"

CHICHIBIO

Trattoria "Al Voltone", la generosa tradizione della Bassa

di Chichibio

Lealtrenotizie

Grave incidente in via dei Mercati: ragazza 19enne in Rianimazione

PARMA

Grave incidente in via dei Mercati: ragazza 19enne in Rianimazione

E dalle testimonianze spunta un furgone pirata che ha sfiorato i feriti

MALTEMPO

Dopo i fiocchi fa paura il grande gelo. E la neve tornerà giovedì Video

APPENNINO

Rischio gelo: scuole chiuse a Bardi, Bore, Varsi, Varano Melegari e Berceto

GAZZAREPORTER

I primi effetti di Buran

Temperature già sotto lo zero a Calestano

Comune di Parma

Maltempo, cimiteri chiusi fino al 28 febbraio

MONTICELLI

Si sentono male alla festa: 45 persone finiscono in ospedale a Parma

ANTEPRIMA GAZZETTA

I lupi sono alle porte Salso

Via Picasso

«Undici colpi nel mio bar: un incubo»

Svaligiato per l'ennesima volta il Tato Bar

1commento

ATLETICA

Fidenza rinnova il centro sportivo Ballotta: ecco come sarà Video

Attore

Addio a Poletti, recitò con Fellini

CALCIO

Salernitana-Parma, non ci saranno Siligardi, Munari e Di Gaudio: parla D'Aversa Video

2commenti

GAZZAREPORTER

Le foto di una lettrice: "Piazzale San Lorenzo, rifiuti abbandonati nonostante l'ecostation"

2commenti

SORBOLO

Il sindaco Cesari: "Bocconi avvelenati nel parco di via Bottego"

Il primo cittadino lancia l'allerta con un post su Facebook

1commento

In treno

Violinista dimentica la valigia, «miracolo» della Polfer

GAZZAREPORTER

Domenica, ore 7: "Sta nevicando abbondantemente a Panocchia" Foto

Tg Parma

Casa inagibile per due famiglie in strada del Traglione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il misterioso filo che lega le vite di tutti noi

di Michele Brambilla

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

LA SPEZIA

Maltempo: neve in Liguria, imbiancate le Cinque Terre

MALTEMPO

Pilone crolla sul ponte: riaperto l'accesso stradale a Venezia

SPORT

SALSO-BUSSETO

La neve non ferma la Sojasun Verdi Marathon: vincono Tariq Bamaarouf ed Elenora Gardelli Foto

2commenti

Tg Parma

Panthers pronti per la nuova stagione, torneranno al "Lanfranchi" Video

SOCIETA'

LA PEPPA

Frittata di spaghetti, la ricetta del cuore

IL VINO

«Pecorello Grisara» di Ceraudo, aromi fragranti e agrumi solari ma non solo

MOTORI

Il salone

Ginevra, la guida completa. 100 anteprime

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery