-1°

PGN primo piano

Studenti fuori sede: tra lavatrici, ferri da stiro e la lotta per gli affitti

Studenti fuori sede: tra lavatrici, ferri da stiro e la lotta per gli affitti
0

di Daria Beverini
Ore interminabili passate in treno o in pullman, la lotta contro gli affitti, la pulizia della casa e, ancora, le lavatrici e i tanto temuti ferri da stiro: sono tutti problemi che i cosiddetti fuori sede affrontano quotidianamente.
E a Parma sono davvero tantissimi gli studenti che, da tutta Italia, scelgono di lasciare il proprio paese per vivere e studiare nella città ducale, andando spesso incontro a diverse difficoltà.
Difficoltà non solo pratiche ma anche umane, come il riuscire a integrarsi con altre persone.
 La ricerca dell'appartamento o posto letto
Il primo ostacolo da superare è quello di riuscire ad accaparrarsi un appartamento o un posto letto a una cifra ragionevole. In questi ultimi anni, infatti, i prezzi sono cresciuti a dismisura: il posto letto in una camera singola può costare dai 185 euro (anche se raramente) ai 350; in doppia dai 130 ai 180 euro, mentre l’affitto di un mono/bilocale parte dai 450 euro per arrivare ai 600 circa. Il canale più usato per questo tipo di ricerca è quello delle bacheche: «Per risparmiare - spiega Andrea, studente della facoltà di Economia -. Il mercato immobiliare rivolto agli studenti si sta sviluppando tantissimo. I padroni delle case si stanno rendendo conto di quanto sia conveniente affittare agli universitari. Affittando un appartamento a quattro o cinque ragazzi, infatti, i proprietari sanno che si può alzare il prezzo, che una volta diviso tra tutti gli inquilini, diventa una cifra accettabile. Anche se magari possono perdere qualche soldo in manutenzione della casa, un guadagno c'è sempre». Il contratto è spesso a lungo termine (il più delle volte 4 più 4): «Il rinnovamento annuale aumenta solo le spese - continua Andrea -. Tanto poi gli inquilini cambiano, girano, ma la casa, problemi a parte, di solito rimane sempre la stessa». Non mancano poi le strategie di risparmio, come l’ospitare un inquilino in più con cui dividere le spese e, ovviamente, senza includerlo nel contratto.
 Mezzi di trasporto
Si potrebbe pensare che l’indiscusso mezzo di trasporto dei fuori sede sia il treno: comodo, economico e, salvo ritardi, sicuro. Invece non è così. Se il viaggio non comporta troppi chilometri, la tendenza è quella di usare la macchina, ovviamente cercando di accaparrarsi il maggior numero possibile di passeggeri, in modo da non rendere la «trasferta» troppo dispendiosa. C'è però, in questo caso, un problema a cui devono far fronte la maggior parte degli studenti fuori sede e che, indipendentemente dalla provenienza, li unisce in una polemica comune: il parcheggio. «Da questo punto di vista Parma non offre una soluzione agli studenti» tuona subito Carlo, studente del corso di laurea specialistica in marketing e proveniente da Cremona. «Non parlo solo della Ztl, ma di tutto il resto della città: ci sono solo parcheggi a pagamento e anche i pochi che non lo erano, lo sono diventati da quest’anno». Quando invece la strada da percorrere per raggiungere Parma è molto, molto più lunga, al treno si preferisce addirittura il pullman. E’ il caso, ad esempio, di Margaux, studentessa di un corso per magistrati e proveniente da Brindisi che al treno preferisce dodici ore di pullman. «Il treno è improponibile, sporco e scomodo. Molto meglio l’autobus».
 La manutenzione della casa
Quelli della spesa e dei lavori domestici sono i tasti più dolenti per ogni fuori sede. Il più delle volte, un po' per portare a Parma i sapori dei propri posti, un po' per risparmiare, alla spesa si preferisce cercare di portare da casa più generi alimentari possibili e riservare così alla spesa vera e propria nei supermercati, solo gli acquisti di prima necessità. Per questo genere di spese, nella scelta del supermercato vince, senza dubbio, la prossimità: alle grandi distribuzioni si preferisce il supermercato sotto casa, più costoso, è vero, ma più comodo. C'è chi poi invece preferisce cercare soluzioni alternative.
Manuele, della provincia di Frosinone e studente in marketing, addirittura si sta organizzando per sfruttare Internet: «Pagando solo sette euro di commissione puoi fare l’ordine su Internet e farti portare la spesa fino a casa. E’ comodo soprattutto per portare l’acqua o le spese abbondanti». Sono pochissimi poi quelli che nel lavaggio della biancheria e dei vestiti si appoggia alle lavanderie. Ormai indistintamente ragazze e ragazzi sanno stirare e usare lavatrici. «La prima volta che ho fatto una lavatrice è stato un trauma - continua Manuele -. Il problema infatti si pone quando cerchi di lavare qualcosa e ti rendi conto che davanti a te c'è la fila dei tuoi coinquilini. Ora però lavo, stiro, e tutto il resto». 
 Locali più frequentati
Si può dire, quasi all’unanimità, che il «quartier generale» degli studenti fuori sede sia via Farini. Facendo un salto in quella zona soprattutto il mercoledì sera infatti, e, più precisamente, nell’orario dell’aperitivo, ci si trova di fronte ad un fiume di persone che, rigorosamente in piedi, sorseggiano un Aperol spritz o un mojito scambiando qualche chiacchiera, con accenti provenienti da tutta Italia. I locali più in voga per l’happy hour sono, senza dubbio, il Dolcevita, il Gavanasa o Le Malve. Si può fare una sosta all’Enoteca Fontana, noto per gli squisiti panini. Chi invece non ha voglia di raggiungere il centro, preferisce trascorrere qualche ora (dalle 7.30 alle 9 circa) al Dulcamara di via D’Azeglio, particolarmente frequentato da un paio d’anni a questa parte.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Intervista

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

Graiani, il vigile del fuoco volante

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria